festa-finita-in-rissa-parla-la-vittima-del-pestaggio-di-locarno
Iscriviti alla newsletter
Ogni giorno la redazione seleziona le notizie che compongono la nostra newsletters.
Per riceverla tramite email, iscriviti, l'invio è gratuito
ULTIME NOTIZIE Newsletter
Newsletter
22 ore

‘Assegni alle famiglie più solidali degli sgravi benzina’

Su laRegione di oggi: inflazione, Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina, scuole a Breggia e Tour de France
Newsletter
1 gior

Dadò e Aldi chiedono una ‘Corte dei conti’ anche in Ticino

Su laRegione oggi: annunci di lavoro per una babysitter formato Wonder Woman; il nuovo porto di Riva San Vitale; Gaetano Berardi e Sean Ardoin
Newsletter
3 gior

Sui grandi predatori, c’è chi chiede più soldi e chi meno lupi

Su laRegione oggi: chiesto un credito per misure contro il predatore; viaggio nelle piscine del Sottoceneri; Tommasi e la Fatal Verona; Storie mondiali
Newsletter
4 gior

E se Cenerentola avesse avuto un’app?

Oggi su laRegione: il rilancio di Chiasso, la superficie insidiosa di Wimbledon, il primo romanzo storico di Mattia Bertoldi e il commento di Aldo Sofia
Newsletter
6 gior

Venticinque anni fa, morsi alle orecchie e magie a Hogwarts

Su laRegione oggi: Speziali sulle imposte di circolazione; la scissione M5S; Monteceneri e risparmio idrico; Tyson vs. Holyfield; 25 anni di Harry Potter
Newsletter
1 sett

Ma che caldo farà, in Svizzera? Tanto, e sempre di più

Su laRegione oggi: scenari climatici ‘roventi’ per il futuro; violenza giovanile a Locarno, il punto; Nolan Quinn premiato a Jazz Ascona
Newsletter
1 sett

Permessi di soggiorno: la polizia mette il naso nei cassetti

I 50 di Zidane, la lontana parità salariale per le calciatrici svizzere, un concorso per un grado di polizia non previsto, fini e mezzi della politica
Newsletter
1 sett

La guerra del whisky, senza feriti e senza morti

Su LaRegione: chiusa la contesa territoriale fra Canada e Danimarca; PolCom Locarno, ipotesi interim; l’Ungheria e il calcio d’oggi; Wimbledon e potere
19.05.2022 - 05:30
Aggiornamento: 16:40

Festa finita in rissa, parla la vittima del pestaggio di Locarno

E ancora, di polizia unica e Abbonamento Arcobaleno a tutti i deputati, passando per il Giro d’Italia, al declino degli Stati Uniti

C’è indignazione nelle sue parole. Indignazione e, soprattutto, il desiderio che gli adulti «facciano qualcosa. Perché situazioni del genere non devono più capitare». Quelle a cui fa riferimento Eros (nome di fantasia) e che riportiamo nell’edizione di oggi sono le parole della vittima dell’aggressione che sabato sera ha costretto le forze dell’ordine a porre anticipatamente fine alla festa di fine anno dei liceali di Locarno.

«Polizia unica? Chi la vuole non conosce la realtà ticinese». A dirlo è Felice Dafond, presidente dell’Associazione dei comuni, che in previsione dell’audizione davanti alla commissione Giustizia e diritti, prevista a fine mese, ha già chiara la sua posizione per rapporto al controverso dossier: «Credo nel ruolo, fondamentale, delle polizie comunali: un loro eventuale smantellamento per creare una polizia unica, e ciò aumentando ulteriormente il numero di agenti della Polizia cantonale, pregiudicherebbe la sicurezza di prossimità».

Abbonamento Arcobaleno per tutti i granconsiglieri? La proposta avanzata da Maddalena Ermotti-Lepori e Giovanni Berardi per «favorire e anche incoraggiare l’uso dei mezzi pubblici per raggiungere il parlamento» non attecchisce in seno alla commissione Costituzione e leggi, nel cui rapporto di maggioranza viene ribadito che già oggi i deputati che desiderano spostarsi esclusivamente con i mezzi pubblici possono, grazie al computo dei costi di trasferta, acquistare un abbonamento a zone o annuale.

Martedì la gloria, ieri la delusione. E in mezzo il festeggiamento (fatale) con la bottiglia di champagne. Quell’incredibile traguardo tagliato per primo a Jesi, per Biniam Girmay Hailu è stato anche il suo ultimo a questa edizione del Giro d’Italia, messo appunto kappaò da quel tappo di champagne finito nel suo occhio. Ma quella firmata dall’eritreo alla corsa in rosa resterà comunque un’impresa memorabile. All’indomani di quell’exploit l’occasione per conoscere più da vicino questo personaggio.

La strage di Buffalo non è che l’ultimo episodio di un declino, quello degli Stati Uniti, ormai costante. Dove la democrazia vien sempre più spesso messa in ombra da episodi di inaudita crudeltà. Dal tentativo di golpe a Capitol Hill, alla mattanza di Buffalo, passando per altri episodi, non meno eclatanti, che hanno segnato gli accadimenti più recenti oltre Atlantico. Su questa decadenza si sofferma nel suo commento odierno Roberto Antonini.

Buona lettura!

Leggi anche:

‘Non rissa, ma aggressione. Dobbiamo dire basta tutti insieme’

‘Chi propone la polizia unica non conosce la realtà ticinese’

Un Arcobaleno per ogni deputato? ‘Il santo non vale la candela’

Girmay, l’eritreo volante fermato da un tappo di champagne

L’eterno declino degli Usa

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved