ricola-inganna-con-le-erbe-causa-da-5-milioni-negli-usa
Keystone
Eppure le erbe ci sono...
ULTIME NOTIZIE Curiosità
23.05.2022 - 15:54
Ats, a cura de laRegione

Ricola ‘inganna con le erbe’: causa da 5 milioni negli Usa

Consumatori fuorviati dalle immagini sui pacchetti, mentre l’unico principio attivo è il mentolo. E una donna trascina l’azienda in tribunale

Ricola deve difendersi davanti alla giustizia americana. Una donna ha trascinato in tribunale la società svizzera, che produce caramelle e tisane balsamiche usate contro la tosse e il mal di gola, accusandola di trarre in inganno i consumatori.

Stando a quanto riferito oggi dal Tages-Anzeiger e dalle testate consorelle, la promotrice della causa, residente nell’Illinois, sostiene che le confezioni di caramelle con la scritta ‘Made with Swiss Alpine Herbs’ creano l’aspettativa che le erbe raffigurate siano responsabili dell’effetto curativo. Di fatto, però, è il mentolo l’unica sostanza attiva presente in grado di alleviare il mal di gola.

Nell’esposto presentato in tribunale vengono messe a confronto le pastiglie dell’azienda elvetica con quelle analoghe dei produttori statunitensi. Viene osservato che le imprese degli Usa evidenziano il mentolo come principio attivo, mentre Ricola punta sulla raffigurazione delle erbe alpine e dichiara il mentolo come principio attivo solo sul retro delle confezioni: le erbe sono esplicitamente elencate come sostanze non attive nelle informazioni sul prodotto. Il contenuto di mentolo è lo stesso per tutti i produttori.

La donna che ha avviato la causa sostiene che avrebbe acquistato caramelle americane più a buon mercato se avesse saputo della mancanza di effetto delle erbe svizzere. A suo avviso il consumatore viene quindi raggirato da Ricola. L’interessata chiede un risarcimento di 5 milioni di dollari (grossomodo la medesima somma in franchi), una somma spesso usata in cause di questo tipo per mantenere il caso in una giurisdizione più bassa ed evitare un tribunale federale di alto livello, spiega il Tages-Anzeiger.

Secondo il giornale, le dispute legali per presunte affermazioni ingannevoli sui prodotti stanno fortemente aumentando: le cause di questo tipo sono state 325 nel 2021, dopo le 221 dell’anno precedente e le 179 di due anni prima. Nel 2008 il loro numero si era limitato a 19. La crescita è generata anche dal fatto che gli avvocati guadagnano fortemente nei relativi dossier. Ma nel contempo il tasso di successo di queste azioni legali è basso, perché i giudici – spiega il quotidiano – si stanno sempre più stancando delle cause intentate da consumatori sedicenti ingenui e applicano il concetto di ‘consumatore ragionevole’.

Contattata dalla testata svizzera, Ricola – impresa familiare e di lunga tradizione, ormai alla quarta generazione, che non fornisce cifre relative all’evoluzione del fatturato – non ha voluto commentare la vicenda, facendo riferimento al procedimento in corso e limitandosi a dichiarare di aver "sempre rispettato correttamente tutte le normative".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mentolo ricola tribunale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved