ULTIME NOTIZIE Curiosità
Curiosità
4 ore

Un nero ha 19 volte in più la possibilità di essere condannato

Si parla negli Stati Uniti di reati di droga, ma anche se si estende a condanne ingiuste lo è sempre sette volte in più
Curiosità
1 gior

Gli anziani sempre più a ‘dieta’ di frutta e verdura

Il costo della vita mette a dura prova la terza e la quarta età, costrette a fare i conti con il proprio borsello e il carrello della spesa
Curiosità
1 gior

Il Covid? Il pericolo è una nuova pandemia, di natura diversa

Le pressioni inflazionistiche e l’aumento dei costi energetici ridurranno il potere d’acquisto della maggior parte delle persone comuni
Curiosità
2 gior

Il libro esplosivo che scuote la Gran Bretagna

Il 6 ottobre esce ‘Cortigiani, il potere nascosto dietro la Corona’ e già è atteso come l’ultimo scoop che coinvolge la famiglia reale inglese
Curiosità
2 gior

I 50 anni? ‘Uno straordinario aggiornamento di software’

L’attrice Gwyneth Paltrow il 27 settembre spegnerà le candeline felice di essere così com’è e accettando tutti gli effetti che l’invecchiamento comporta
Curiosità
4 gior

Le scarpe biodegradabili che si sciolgono in mare dopo tre mesi

Merito dei ricercatori dell’Università della California a San Diego e dei nuovi materiali plastici biodegradabili a base di schiume di poliuretano.
Curiosità
5 gior

Un turgoviese campione del mondo di volo in mongolfiera

Il sette volte campione svizzero e cinque volte campione europeo ha battuto un centinaio di concorrenti nella competizione tenutasi in Slovenia
10.01.2022 - 16:18
Aggiornamento: 18:11

A Mürren, cent’anni fa, il primo slalom della storia

La prima gara di questa disciplina si tenne nella stazione sciistica dell’Oberland bernese, con regole poi implementate dalla federazione internazionale

a-m-rren-cent-anni-fa-il-primo-slalom-della-storia
Keystone
Stereoscopica

Cento anni fa la stazione sciistica di Mürren, nell’Oberland bernese, ospitò la prima gara ufficiale di slalom della storia. La competizione nacque sotto la spinta di appassionati britannici e sir Arnold Lunn fu il primo tracciatore, usando regole poi implementate anche dalla federazione internazionale. Nel gennaio 1922, Lunn disegnò lo slalom sull’Allmendhubel, dove si terrà una cerimonia, insieme a una cena di gala, per celebrare la ricorrenza. Il 17 gennaio verrà piazzata una pietra commemorativa, scrive Mürren Tourismus in un comunicato.

Lunn ha sviluppato le regole moderne per discesa e slalom, utilizzate per la prima volta nell’ambito dei campionati nazionali britannici di Mürren nel 1921/22. Nel 1928 furono poi adottate dalla Federazione Internazionale Sci (Fis), che tre anni dopo, sempre nella località bernese, organizzò l’edizione inaugurale dei Mondiali, con discipline quali discesa, slalom e combinata. Nel 1924 Lunn e i suoi compagni d’armi fondarono il Kandahar Skiclub, per coltivare e promuovere le gare di sci. L’esclusivo club esiste ancora oggi. Ne fanno parte o ne hanno fatto parte molti sciatori britannici di livello, ma non solo: anche lo slalomista svizzero Daniel Yule è per esempio uno degli attuali membri.

Max D. Amstutz, che ha trascorso l’infanzia a Mürren, racconta in un libro le gesta pionieristiche dell’epoca: “Gli inglesi di allora erano dei veri avventurieri, si lanciavano nelle zone più pericolose e mostravano enorme coraggio”. Questo, unito al loro stile di vita raffinato, impressionò molto la popolazione locale.

Si narra che Lunn andasse spesso a sciare sulla sua collina preferita vicino a Mürren. Nello zaino aveva sempre con sé una bottiglia di spumante Mauler, che veniva sorseggiato una volta raggiunta la cima, prima di lanciarsi in discesa. Il promontorio, che oggi fa parte del locale comprensorio sciistico, acquisì quindi rapidamente il soprannome di “Maulerhubel”, rimasto fino ai giorni nostri.

Nonostante sia restata destinazione popolare per gli appassionati di sport invernali britannici, che affollano tuttora i resort durante la stagione, in tempi moderni Mürren è stata abbandonata dallo sci alpino di alto livello. L’attenzione del pubblico è tutta sull’altro lato della valle, ovvero su Wengen e sul mitico tracciato del Lauberhorn, una delle gare più attese del calendario e dove il circo bianco dovrebbe – pandemia e meteo rendono il condizionale d’obbligo – fare tappa il prossimo weekend.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved