ULTIME NOTIZIE Curiosità
Curiosità
3 ore

Allo studio delle mascherine che ‘uccidono’ i virus

Il nuovo metodo si basa sul colorante ‘rodamina R18’ che emette luce colorata come indicato dal Laboratorio di prova dei materiali e di ricerca
Curiosità
4 gior

Io, George Clooney, sono stato oggettificato

In occasione dei premi Kennedy, l’attore statunitense ha dichiarato in un’intervista al Washington Post di essere stato ridotto a oggetto sessuale
Curiosità
5 gior

Il digestivo? Te lo porta Bella, il robot-cameriere

Un po’ attrazione e un po’ supporto al personale in carne e ossa. A Losanna a fare lo slalom tra i tavoli di un ristorante c’è anche lei
Curiosità
5 gior

Trent’anni racchiusi nello spazio di 160 caratteri

Il 3 dicembre 1992 veniva trasmesso il primo Sms della storia. Un servizio sempre memo utilizzato, ma che non dovrebbe sparire
Curiosità
6 gior

Fugge dal centro neurolesi: ‘Torno in carcere dai miei amici’

L’uomo, ricoverato in un centro di riabilitazione a Messina su disposizione della direzione penitenziaria, ha divelto una zanzariera per scappare
Curiosità
6 gior

Anche quest’anno, è Whamageddon: in fuga da ‘Last Christmas’

È partita ieri la tradizionale ‘sfida’ social che consiste nell’evitare di ascoltare il celebre brano dei Wham per tutto il periodo natalizio
Curiosità
1 sett

L’allevamento dei cavalli Lipizzani è patrimonio immateriale

La decisione è stata presa dal comitato Unesco durante la 17esima sessione in Marocco. La candidatura è multinazionale e dà luce a un’antica tradizione
Curiosità
1 sett

Le domande razziste di Lady Susan, amica di Elisabetta II

Lady Susan Hussey si è dimessa dal suo ruolo ricoperto a corte dopo aver scandalizzato un’ospite con domande e toni inopportuni sulle sue radici etniche
16.05.2021 - 19:30
Aggiornamento: 21:15

La lettera del Titanic che appassiona i francesi

Sarebbe stata lanciata dentro una bottiglia da una ragazzina di 13 anni il giorno prima del naufragio. Ma non si sa se è vera

Ansa, a cura de laRegione
la-lettera-del-titanic-che-appassiona-i-francesi
La prua del Titanic (Keystone)

Fra guerra e pandemia, la Francia si concede un attimo per fantasticare. E lo fa grazie a Mathilde, una ragazzina di 13 anni che si affacciò dal ponte di 3/a classe del Titanic, il giorno prima del più celebre naufragio della storia, per lanciare una bottiglia con una lettera. Era davvero un messaggio di Mathilde affidato all'oceano o è un falso, uno scherzo? Studiosi di tutto il mondo si alternano sul reperto, le possibilità che sia autentico sono in crescita.

Era il 2017 quando una famiglia canadese - due adulti e due bambini - passeggiando su una spiaggia della baia di Fundy, nel sud-est, si imbatté nella bottiglia. La aprirono. Dentro, un foglio ingiallito dal tempo. E una lettera firmata Mathilde Lefebvre: "Lancio questa bottiglia in mare - c'è scritto - dobbiamo arrivare fra qualche giorno a New York. Se qualcuno la trova, avvertite la famiglia Lefebvre a Liévin". La data è 13 aprile 1912, il giorno prima del naufragio del Titanic. Più numerosa e certamente più povera della famiglia che ritrovò la bottiglia, era quella di Mathilde. Franck, il padre, era minatore a Lièven, nel nord. Poverissimo, partì nel 1910 con uno dei figli, Anselme, che aveva 10 anni, per cercare fortuna in America. La trovò nelle miniere di carbone di Mystic, nell'Iowa, tanto che due anni dopo aveva racimolato i soldi per pagare il viaggio alla moglie, Marie, e agli altri 4 figli. Che perirono nel naufragio e non lo raggiunsero mai. Vero messaggio lanciato per avventuroso passatempo da una ragazzina, o clamoroso falso?

Da 4 anni, studiosi di tutto il mondo, grafologi, storici, ricercatori universitari, stanno collaborando con l'Università del Quebec per stabilire l'autenticità del reperto. Primo risultato positivo: la bottiglia sembra davvero antica, la fabbricazione è compatibile con quella di inizio Novecento, così la qualità e l'analisi chimica del vetro, stando al laboratorio di archeologia. Analoghe conferme dall'esame "carbonio 14" sul tappo e sulla carta da lettera. Uno spettroscopio ha passato al vaglio l'inchiostro: tutto sembra credibilmente databile 1912, anche se un abile falsario potrebbe essersi procurato vetro, tappo, carta dell'epoca e aver utilizzato un inchiostro contraffatto.

Ciò che lascia più interdetti gli studiosi è la grafia di Mathilde, che appare diversa dal corsivo regolare e dal tratto continuo che si insegnava allora nelle scuole. E' una scrittura nervosa, quasi spezzettata, che sembra influenzata dalla tipografia. Ma dice qualche grafologo, Mathilde avrebbe potuto chiedere ad un adulto di scrivere la lettera per lei. O era, forse, una ragazzina molto dotata per la sua età e con capacità di scrivere velocemente e in modo meno accurato. Epilogo tragico della vicenda dei Lefebvre, svelato da Le Parisien: appreso del naufragio e dell'esistenza di due bambini francesi sopravvissuti, il padre, Franck, corse a New York per chiedere se fossero i suoi. Ma era entrato in America con un nome falso e fu immediatamente rimpatriato in Francia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved