ULTIME NOTIZIE Curiosità
Curiosità
13 ore

Rubano una pianta di limoni dal sagrato, il prete posta il video

Singolare furto a Cava de’ Tirreni, nel Salernitano. Rattristato il parroco: ‘La chiesa è la casa di tutti’
Curiosità
21 ore

Assolto dopo aver forzato un tabernacolo e rubato pure le ostie

Pentito, il 28enne aveva restituito l’arredo sacro sottratto dalla chiesa nel Varesotto. Il giudice lo grazia per ‘particolare tenuità del fatto’
Curiosità
1 gior

Alla prova dei fornelli la spunta la Danimarca

Mark Hansen vince il concorso internazionale Bocuse d’Or, Campionato mondiale non ufficiale di cucina. Dove la Svizzera si piazza decima
Curiosità
2 gior

ChatGPT supera esami universitari di legge e business

Anche se con voti non particolarmente alti, il potente strumento di intelligenza artificiale è stato promosso in 4 corsi di alcuni atenei statunitensi
Curiosità
2 gior

Rishi, bambino prodigio, ha sviluppato tre app per smartphone

Il ragazzino di Bangalore ha otto anni (con un quoziente intellettivo pari a 180) è stato insignito del prestigioso Pradhan Mantri Rashtriya Bal Puraskar
Curiosità
6 gior

Dalla pelle al cervello, la via delle carezze

È stato ricostruito il circuito nervoso del tatto che apre a nuove terapie per aiutare le persone che soffrono di ansia, depressione e autismo
Curiosità
1 sett

Il 22 gennaio è il compleanno della Guardia svizzera pontificia

Fondata da papa Giulio II nel 1506 allo scopo di difendersi dai nemici e dai frequenti delitti politici nella Roma di quei tempi
12.03.2021 - 16:40

In battello da Genova a Basilea, navigando le Alpi

Era il progetto di Pietro Caminada, l'ingegnere italo-svizzero di origine grigionese che teorizzò le ‘chiuse a tubo inclinato’. A inizio XX secolo il mondo ne parlò.

di Ats/Red
in-battello-da-genova-a-basilea-navigando-le-alpi
‘Chiuse a tubo inclinato’

Il signor Pietro Diacono che voleva spianare il Turchino per far defluire la nebbia – “È come quando si cambia l'aria nelle stanze” – si sarebbe palesato a Portobello, format della tv italiana, soltanto nel gennaio del 1978. Prima di lui, con fondamenti decisamente più scientifici, ci fu Pietro Caminada, ingegnere italo-svizzero di origine grigionese che teorizzò una via d'acqua da Genova al Reno, tagliando le Alpi con una galleria situata all’altezza del passo dello Spluga, navigabile da battelli a uso commerciale.

È il periodico Beobachter a riprendere in questi giorni la storia di Caminada, che nel 1907 pubblicò in francese il contributo ‘Canali di montagna - Nuovo sistema di trasporto naturale per via d'acqua’, nelle quali teorizzava le “chiuse a tubo inclinato”, una dopo l’altra in modo obliquo sul fianco di una montagna, ovvero: quando una sezione si riempie d'acqua, la nave all'interno viene spinta in avanti e verso l'alto allo stesso tempo, guidata da una catena in un binario. In questo modo, le imbarcazioni sarebbero state in grado di superare grandi pendenze da una camera della chiusa all'altra. Nel brevetto del 1910, Caminada sottolinea che "il passaggio da una sezione all'altra non si ferma mai, il movimento è continuo". In questo modo, il canale parte da Genova, supera gli Appennini, attraversa la pianura Padana, entra nel Lago di Como, sale a Chiavenna e si arrampica poi verso il passo dello Spluga. A Isola (1200 metri di altezza) parte una galleria di 15 chilometri che porta alle gole Roffla, poi alla Viamala, in seguito a Thusis e poi nel Reno, attraverso il lago di Costanza, Sciaffusa e Basilea.

Tra favorevoli e contrari, Caminada costruisce modelli del sistema di chiuse, studiando dimensioni, angoli d'inclinazione, attrito, galleggiamento e perfezionamenti tecnici. Il progetto delle navi che scalano la montagna rimane però un castello in aria. L'Italia è in difficoltà economiche e sociali e conta sull'espansione coloniale. Nel 1911 le truppe italiane si annettono la Libia e nel 1915 il paese entra nella prima guerra mondiale. Da allora in poi, Caminada si concentra sulla pianificazione urbana. Intorno al 1916 viene coinvolto nell'espansione del porto di Genova, e più tardi di quello di Civitavecchia. Per Milano progetta un nuovo quartiere a sud di Piazza del Duomo. A Roma, intorno al 1920, concepisce una "Città Giardino" nel quartiere di Monte Sacro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved