Federer R. (SUI)
1
ANDERSON K. (RSA)
0
2 set
(6-4 : 1-2)
Lugano
3
Ginevra
2
3. tempo
(2-1 : 1-0 : 0-1)
Federer R. (SUI)
1 - 0
2 set
6-4
1-2
ANDERSON K. (RSA)
6-4
1-2
ATP-S
LONDON W.C ENGLAND
Group LLeyton Hewitt.
Ultimo aggiornamento: 15.11.2018 22:03
Lugano
LNA
3 - 2
3. tempo
2-1
1-0
0-1
Ginevra
2-1
1-0
0-1
 
 
3'
0-1 WINGELS
1-1 SANNITZ
8'
 
 
2-1 JORG
9'
 
 
3-1 LOEFFEL
32'
 
 
 
 
50'
3-2 MERCIER
WINGELS 0-1 3'
8' 1-1 SANNITZ
9' 2-1 JORG
32' 3-1 LOEFFEL
MERCIER 3-2 50'
Ultimo aggiornamento: 15.11.2018 22:03
Wikimedia Commons
Curiosità
03.08.2018 - 15:230

In Messico c'è un nuovo Sheldon Cooper

Il bambino, Carlos Antonio Santamarìa Diaz, a soli 12 anni studierà fisica biomedica all'università

Per la prima volta nella sua storia l'Università nazionale autonoma del Messico (Unam), la più grande dell'America latina, accetterà fra i suoi allievi un bambino di 12 anni, Carlos Antonio Santamaría Díaz, che ha superato la prova di ammissione per seguire le lezioni per la laurea in fisica biomedica.

A nove anni, scrive oggi il quotidiano Proceso di Città del Messico, "Carlitos" aveva ottenuto nella stessa Unam un diploma per aver seguito i tre moduli del corso di 'Spettroscopia infrarossa, di Risonanza magnetica nucleare (Rmn) e spettroscopia di masse'. Negli ultimi tre anni il bambino prodigio ha seguito lezioni, e fatto pratica, nella facoltà di chimica, nel Centro di scienze genomiche (studio della terra e dei suoi rapporti con gli altri corpi dell'universo) e nell'Istituto di indagini sui materiali.

I responsabili della Unam hanno reso noto che il bambino ha ottenuto l'autorizzazione a frequentare i corsi di Fisica biomedica dopo aver ottenuto 105 risposte positive nel test di accesso (il minimo era 103) "senza concessioni né favori".

"Non sarà - hanno assicurato - un bambino in terra di giganti, né un adulto di fatto caratterizzato bambino. È uno studente di alta capacità cognitiva, giocherellone, che arrossisce, che ha sfidato il tempo e le convenzioni amministrative".

Dopo il test Carlos ha reagito sostenendo che "è stato duro. C'erano molti calcoli e io non me la sono cavata molto bene con gli integrali, che sicuramente erano la parte delle 15 risposte sbagliate". Io, ha proseguito, "chiedo solo di poter studiare, e se mi chiudessero le porte, entrerei dalla finestre". Adesso, ha ancora detto, voglio "davvero cominciare, non voglio suscitare aspettative perché nella realtà quasi sempre le cose sono differenti e mi è già successo".

Tags
bambino
messico
carlos
unam
fisica biomedica
© Regiopress, All rights reserved