Se collegato in rete potrà vedere e ascoltare tut
Curiosità
11.03.2017 - 12:330
Aggiornamento : 11.12.2017 - 18:18

Mi hanno regalato un robot

di Alessandro Trivilini, ricercatore e osservatore scientifico

Giulia decide di regalare alla nonna un nuovo frigorifero. La sua età non più giovanis­sima e le sue condizioni di salute hanno spinto la nipote ad acquistare un robot moderno ricco di nuove funzionalità, utili per migliorarle la quotidianità. In primis, vorrebbe ridurre i chilometri che la nonna percorre camminando tra un locale e l’atro della casa.

“Ciao nonna! Come stai?” – chiede Giulia appena entrata in casa. “Ma che bella sorpresa!” – risponde la nonna felice –. “Guarda un po’ chi è venuto a trovarmi in questa domenica piovosa”. “Nonna sediamoci sul divano, ti devo parlare di una cosa importante. Nei giorni scorsi ne ho discusso anche con la mamma e mi ha dato carta bianca. Oggi non è qui perché è a letto con l’influenza ma è d’accordissimo con questa mia idea”. “Così mi spaventi cara, di cosa si tratta? Il nonno è uscito a prendere i giornali, non vuoi aspettare che rientri?” – chiede la nonna. “Assolutamente no, col nonno ne parliamo con calma quando rientra!”. “Va bene tesoro, dimmi, di cosa si tratta?” – chiede la nonna incuriosita. “La mamma ed io vogliamo che tu stia meglio di salute, soprattutto per i gonfiori alle gambe dovuti ai chilometri che percorri ogni giorno in casa per svolgere le faccende casalinghe. Sono troppi e non fanno bene alle tue gambe”. “Ho sempre saputo che sei speciale, sei proprio come tua madre, ti voglio bene!” – esclama la nonna con le lacrime agli occhi. “Nonna, ho poco tempo perché oggi pomeriggio ho la partita di pallavolo, lascia che ti spieghi subito di cosa si tratta. La mamma ed io ti abbiamo acquistato un nuovo frigorifero” – dice Giulia. “Non dovevate! Per quale motivo? Quello che ho va benissimo anche se ha qualche anno sulle spalle. Non è il momento di spendere soldi inutilmente, tu e la mamma dovete risparmiare perché si avvicinano tempi duri, fra poco andrai all’università e quei soldi serviranno. E poi che c’entra il frigorifero con il gonfiore delle mie gambe?” – esclama la nonna.

“Nonna, non hai capito! Non ti abbiamo comprato un frigorifero uguale a quello che hai, ti abbiamo acquistato un robot, si chiama Morbius! Ha sempre le sembianze di un frigorifero tradizionale per conservare gli alimenti, ma in più ha un sacco di super poteri nascosti che ti faranno risparmiare molta fatica. Tutto cambierà in meglio. Un po’ come è successo con la scatoletta dell’interruttore elettrico appesa al muro. All’inizio vista da fuori sembrava un pezzo di plastica inutile, ma quando le persone hanno scoperto che potevano accedere in modo invisibile alla corrente elettrica tutto è cambiato! Con Morbius è la stessa cosa, sia tu che il nonno avrete più tempo libero e le vostre gambe non soffriranno più per il troppo camminare. Vedrai!”. “Giulia, di cosa stai parlando? Ho già detto alla mamma che in casa non voglio nessuna badante! È vero che io e il nonno abbiamo qualche acciacco dovuto all’età, ma siamo autonomi e indipendenti e personalmente non mi piace l’idea di avere degli sconosciuti metallici extraterrestri che girano per casa. L’idea proprio non mi piace, anzi, mi spaventa! E poi cosa potrà mai fare questo diavolo di Morbius per le mie gambe, un frigorifero non è mica un medico!” – dice la nonna spaventata. “Nonna, mi fai morire dal ridere! Ora ti spiego. Morbius è un frigorifero intelligente di ultimissima generazione, è un primo frutto della quarta rivoluzione industriale, e per te e il nonno sarebbe un assistente perfetto!”. “Ah sì? E cosa farà mai questo robot?” – chiede la nonna con gli occhi sgranati. “Può fare un sacco di cose. È stato costruito per essere allacciato alla rete internet e per parlare con le persone con cui è in relazione. Per essere concreti, dovrai soltanto indossare un braccialetto per dialogare con lui in qualsiasi momento lo vorrai, usando la tua voce. Così facendo non dovrai più recarti in cucina mille volte per verificare se manca qualche prodotto, ma potrai farlo comodamente seduta sul divano senza infiammare le tue delicate articolazioni. Morbius è dotato di intelligenza artificiale ed è capace di capire ciò che dici quando parli e ciò che esprimi con le tue espressioni facciali. Usando la sua voce è capace di segnalarti se è necessario fare la spesa, perché i tuoi prodotti preferiti stanno finendo, oppure se le medicine che conservi al fresco sono scadute. E anche in questo caso potrai scegliere se delegare a lui il compito di ordinare i prodotti che a te servono, direttamente dal tuo negozio preferito o dalla farmacia di servizio. Il tutto con un semplice comando vocale e usando la rete internet. E se lo vorrai spesa e farmaci ti verranno recapitati direttamente a casa. Una figata nonna, credimi!”. “Oh, no! Vuoi dire che non potrò più ordinare al nonno di andare a fare la spesa per avere un po’ di calma in casa? Ti confido un segreto Giulia, non so quante volte gli ho detto che è finito il latte solo per il gusto di togliermelo un po’ dalle scatole!” – dice la nonna sghignazzando.
“Hahaha, sei grande nonna! Tu e la mamma siete uguali, credo che sia la stessa scusa che usa lei col papà”. “Giulia, vedrai quando sarai più grande, quanto è importante avere sempre una buona scorta di latte in casa …” – dice la nonna con tono sarcastico. “Nonna, torniamo a Morbius. Cosa ne pensi? Ti piace l’idea di avere in casa un frigorifero intelligente a cui delegare un sacco di lavoro meccanico che usura le tue gambe? In qualsiasi momento potrai porgli delle domande su un determinato prodotto e lui ti risponderà adeguatamente. Allo stesso modo farà Morbius con te, ogni volta che i suoi numerosi sensori rileveranno una situazione anomala te lo comunicherà con la sua voce e tu ne verrai a conoscenza attraverso il braccialetto. Pensa, farà anche da guardiano. Oltre a salvaguardare il cibo al suo interno, con il suo grande occhio esterno e le sue grandi orecchie sensibili potrà tenere d’occhio l’ambiente esterno che lo circonda, e se qualcuno non autorizzato dovesse intrufolarsi in casa potrebbe avvertire subito la polizia inviando istantaneamente fotografie e suoni di ciò che sta avvenendo”. “Caspiterina! Questo Morbius comincia a piacermi!”. “E non finisce qui, nonna. Una volta collegato ai profili social del nonno, perché tu ancora non sei in Facebook, potrà controllare le sue attività. Per esempio, se andate a magiare al ristorante e il nonno vuole ordinare un piatto sfizioso ricco di calorie, Morbius con il suo consenso può verificare in tempo reale se quel cibo è nocivo per la sua salute, consigliando di conseguenza ciò che secondo lui andrebbe consumato in quel preciso momento, con delle tecniche persuasive davvero convincenti”.
“Giulia, mi riesce difficile credere che il nonno ascolti i consigli di un frigorifero, figurati, non ha mai dato retta ai miei, non vedo come possa ascoltare quelli di una scatola metallica intelligente”. “Hai ragione nonna, potrebbe non essere semplice accettare i consigli di Morbius, ma credimi che se configurato correttamente può offrire moltissimi vantaggi. È una questione di fiducia e di consapevolezza”. “Ma se Morbius può vedere e ascoltare tutto ciò che accade in cucina, ed è collegato costantemente alla rete internet, io e il nonno non avremo più privacy?” – chiede la nonna dubbiosa. “In parte è corretto, nonna, ma questo potrà succedere solo se verrà configurato in modo sbagliato. Sarete soltanto tu e il nonno a decidere cosa può e cosa non può fare Morbius. La decisione ultima spetterà sempre e solo a voi. In modo semplice, veloce e consapevole potrete controllare tutti i suoi super poteri. È quanto successo con l’automobile. Possederne una non significa guidarla all’impazzata nel traffico provocando incidenti ovunque. Bensì, all’occorrenza sfruttare tutte le sue peculiarità per spostarsi da un punto ad un altro nel miglior modo possibile, in sicurezza e rispettando il codice stradale”. “Hai ragione Giulia, anche se in questo momento non riesco a cogliere a pieno tutto ciò che mi stai spiegando sono sicura che il nonno ne rimarrà entusiasta, lui è sicuramente più smanettone di me con internet e le nuove tecnologie. Ma ricordati una cosa, avremo bisogno del tuo aiuto per accogliere Morbius a casa nostra nel migliore dei modi”. “Certamente nonna, non ti preoccupare! Penserò io alla sua configurazione e farò in modo che tu e il nonno possiate trarne tutti i vantaggi. Così appena arriva l’estate potremo riprendere le nostre lunghe passeggiate senza aver paura che le tue gambe si gonfino di nuovo. Con Morbius come alleato potrai stare più tranquilla. Fidati nonna, è un cambiamento senza precedenti che migliorerà la tua quotidianità. Magari ci vorrà qualche giorno, ma una volta conosciuto Morbius ti darà grandi soddisfazioni” – conclude Giulia soddisfatta.

© Regiopress, All rights reserved