ULTIME NOTIZIE Auto e moto
test drive
1 sett

Ford Focus ST, mordente e divertente

Versione di punta a trazione anteriore, garantisce grinta e piacere nella guida più spinta, senza rinunciare al comfort
Auto e moto
3 sett

Bmw i4 eDrive40, ama curve e viaggi

La ricercata berlina-coupé elettrica offre eccellenti doti dinamiche che permettono una guida sensibile e godibile. Generosa l’autonomia
Auto e moto
4 sett

Seat Ibiza 1.5 TSI FR, agile e vivace

Ritoccata negli interni e nella dotazione tecnologica, si fa apprezzare per la guida rotonda e piuttosto sensibile. Con 1.5 turbo capace ed elastico
Auto e moto
1 mese

Yamaha R1, dalla strada al circuito con naturalezza

La R1 è una supersportiva fra le più godibili su strada e allo stesso tempo garantisce prestazioni da riferimento in pista
TEST DRIVE
1 mese

BMW iX xDrive50, viaggiatrice di sostanza

Potente, reattiva e dinamica da condurre, offre tuttavia il meglio di sé per comfort ed accoglienza. Con l’aggiunta di un’autonomia rilevante
TEST DRIVE
1 mese

Opel Grandland Hybrid4, solida a tutto tondo

Aggiornata con efficacia nello stile e nei contenuti, conferma le qualità della meccanica ibrida ricaricabile. Con guida confortevole e reattiva
TEST DRIVE
1 mese

‘Over the top’: Porsche Taycan Turbo S ST

Potentissima, dinamica e coinvolgente come poche, valorizza il design più familiare dando origine a una ‘shooting-brake‘ elettrica d’eccezione
TEST DRIVE
1 mese

Toyota Aygo X, crossover tascabile

L’ex compatta da città si è trasformata in ‘mini’ Suv stradale, con contenuti tecnologici di rilievo. La guida è agile, i consumi sempre ridotti
primo contatto
2 mesi

Nissan Juke Hybrid, punta sui modi gentili

La versione ibrida dell’esuberante crossover-coupé permette una buona economia d’uso con una guida soprattutto agile, fluida e docile
primo contetto
2 mesi

Mercedes EQB, sposa silenzio e famiglia

Il Suv intermedio elettrico offre l’accoglienza più ampia e flessibile con ingombri contenuti
primo contatto
2 mesi

Alfa Romeo Tonale, debutto in ibrido leggero

Il nuovo Suv ‘cadetto’ è ispirato nel look, agile e accogliente al volante
Auto e moto
2 mesi

Mercedes EQE, silenzio e dinamismo sul velluto

Berlina generosa nell’accoglienza, ma dal design levigato stile coupé, offre un’esperienza elettrica di prim’ordine per comfort, guida ed autonomia.
Auto e moto
2 mesi

Hyundai Kona N, muscoli di qualità

Votata alla forte sportività, lascia spazio a guida e prestazioni di notevole intensità. Ma sa essere altrettanto docile e confortevole per viaggiare
Auto e moto
2 mesi

Renault Kangoo, ama i viaggi in famiglia

Si distingue per i grandi spazi, ma è anche comoda e briosa da guidare
Auto e moto
2 mesi

Hyundai Ioniq 5 4WD, brillante senza compromessi

La versione di punta spicca per reattività, confermando comfort e autonomia
Auto e moto
3 mesi

Kia Sportage HEV: sì, viaggiare

Il rinnovato Suv coinvolge per look e accoglienza, con prestazioni solide e consumi contenuti oltre a un inarrivabile rapporto qualità/prezzo
Auto e moto
3 mesi

Opel Astra Plug-in Hybrid, brillantezza in relax

Vivace e godibile, si adatta a ogni umore offrendo un’accoglienza di qualità
Auto e moto
3 mesi

Ford Mustang Mach-E GT: atto di forza

La crossover di punta si distingue per esuberanza e notevole dinamismo
Auto e moto
4 mesi

Opel Astra, nuovo corso convincente

Tutta nuova, combina look espressivo a tecnologie e contenuti di sostanza
Auto e moto
4 mesi

Yamaha XSR900, ottimo connubio tra passato e presente

Si presenta sempre ispirata agli anni 80 nelle linee, ma tecnicamente si evolve profondamente
Auto e moto
4 mesi

Suzuki Vitara 1.5 Hybrid, l’elettrificazione avanza

Con la nuova soluzione di propulsione mista crescono economia d’uso e relax
Auto e moto
4 mesi

Porsche Taycan GTS Sport Turismo, la via migliore

Aumenta lo spazio a bordo, ma sportività e dinamismo restano d’eccezione
test drive
4 mesi

EV6, il nuovo mondo secondo Kia

L’espressivo crossover elettrico convince per tecnologie e ampia autonomia
Auto e moto
4 mesi

Porsche 911 GT3 Touring, sensazioni da corsa

La ‘veste purista’ cela meccanica, guida e prestazioni fuori dell’ordinario
Auto e moto
4 mesi

Yamaha NEO’s un inizio elettrizzante

Il NEO’s di nuova generazione è il primo scooter a propulsione elettrica proposto da Yamaha
Auto e moto
4 mesi

Porsche 911 Carrera GTS, così facile da amare

Coinvolge con il carattere deciso, ma sa essere altrettanto docile e versatile
Auto e moto
5 mesi

Seat Arona 1.5 TSI, comoda e godibile

Stile e accoglienza in crescita aggiungono sostanza al compatto crossover
prova su strada
06.07.2022 - 05:30

Aprilia RS 660: guida a misura d’uomo

Inizia una nuova era per Aprilia. Intorno a una base tecnica completamente nuova, definita dall’inedito bicilindrico parallelo 660 cc da 100 CV

di Claudio e Centa
aprilia-rs-660-guida-a-misura-d-uomo

RS 660 interpreta il concetto di sportività secondo canoni nuovi, puntando su un eccellente rapporto peso/potenza per generare emozioni forti ma facilmente gestibili e quindi accessibili a tutti.

RS 660 offre, per la prima volta in questa classe, contenuti tecnici premium, derivati dall’esperienza Aprilia nelle competizioni mondiali al servizio del divertimento su strada, una formula per il massimo divertimento, completata dal peso ridotto a soli 183 kg in ordine di marcia e da un pacchetto di controlli elettronici APRC che sarebbe al top anche in categorie superiori.

La ciclistica Aprilia è da riferimento

La capacità di Aprilia nel confezionare ciclistiche sopraffine è leggendaria.

Nel rispetto di questa felice tradizione, RS 660 sfoggia una struttura completamente nuova e votata alla leggerezza, formata dal telaio e dal forcellone entrambi in alluminio pressofuso, con caratteristiche uniche nella categoria.

Le quote ciclistiche premiano l’agilità: grazie all’interasse di 1’370 mm e all’inclinazione del cannotto di sterzo di 24,3°.

La ciclistica è completata da una forcella Kayaba regolabile con steli rovesciati di 41 mm e da un impianto frenante formato, all’avantreno, da una coppia di dischi in acciaio da 320 mm di diametro, da una coppia di pinze ad attacco radiale e da una pompa radiale al manubrio entrambi realizzati da Brembo.

Nuovo bicilindrico da 100 CV

Su Aprilia RS 660 esordisce un motore completamente nuovo che andrà a equipaggiare una gamma completa di nuove moto. Si tratta di un bicilindrico parallelo frontemarcia di 660 cc, un’unità di ultima generazione, molto compatta derivata dalla bancata anteriore del V4 di 1’100 cc, di cui ricalca concetti e misure e con omologazione Euro 5.

Le prestazioni così ottenute sono da record per un twin frontemarcia di questa cilindrata, paragonabili a quelle di un bicilindrico di cubatura ben superiore: 100 CV a 10’500 giri/min, con una capacità di allungo che ha permesso di spostare il limitatore fino alla soglia degli 11’500 giri/mi. La coppia massima di 67 Nm è offerta a 8’500 giri/min, con l’80% della stessa a disposizione dai 4’000 giri/min, che diventa il 90% quando si toccano i 6’250 giri/min. RS 660 è disponibile anche in versione 95 CV depotenziabile, ideale per i neopatentati.

Contenuti elettronici da prima della classe:

La RS 660 è dotata di una piattaforma inerziale a sei assi che, grazie agli accelerometri e ai giroscopi contenuti al suo interno, è in grado di riconoscere la condizione della moto rispetto alla strada; essa registra e processa gli input derivanti dalla guida e invia i dati alla centralina che interviene al meglio sui parametri di controllo.

L’APRC di RS 660, sviluppato per supportare la performance e rendere la guida su strada sicura e avvincente, include:

AWC: Aprilia Wheelie Control, il sistema di controllo di impennata regolabile.

ACC: Aprilia Cruise Control, per mantenere la velocità impostata senza agire sul comando del gas.

AQS: Aprilia Quick Shift, il cambio elettronico, per cambiate rapidissime senza chiudere il gas e senza usare la frizione, dotato anche di funzione downshift, che permette di scalare marcia senza toccare la frizione.

AEB: Aprilia Engine Brake, il sistema di controllo regolabile del freno motore durante la fase di chiusura del gas.

AEM: Aprilia Engine Map, differenti mappature disponibili per cambiare il carattere e il modo di erogare la potenza del motore.

Aprilia RS 660 adotta l’evoluto Cornering ABS multimappa, per garantire la massima sicurezza su strada, senza nulla togliere alle performance nello sport.

Aprilia ha messo a punto cinque Riding Mode non solo per massimizzare l’esperienza di guida in differenti condizioni di utilizzo ma anche per semplificare la vita a bordo.

Sono previsti tre Riding Mode per l’utilizzo stradale:
Commute, per la guida quotidiana;
Dynamic, per la guida sportiva su strada e
Individual, che permette la totale personalizzazione dei controlli elettronici.

Due sono invece i Riding Mode pensati per l’utilizzo in circuito:

Challenge, indicato per eseguire sessioni in pista sfruttando al massimo il potenziale di RS 660 e Time Attack, la logica che permette ai piloti più esperti di personalizzare totalmente il setup dell’elettronica.

Posizione di guida

Posizione di guida sportiva ma non troppo sacrificata. La triangolazione sella manubrio pedane risulta ben calibrata, unisce comfort e spirito sportivo. La seduta è ben imbottita, si appoggiano bene i piedi a terra anche perché il serbatoio è stretto. Le pedane sono arretrate quanto basta per gestire bene le accelerazioni; anche in discesa, se si spinge su di esse per gestire la moto, non si va a intorpidire le braccia.

Il manubrio è largo il giusto, come le moto moderne richiedono: non carica troppo i polsi per una guida su strada sportiva ma anche comoda a beneficio della concentrazione sulle situazioni stradali.

Prova su strada

Saliamo per la prima volta in sella alla RS660 all’ora di punta, ci raggiunge una leggera pioggerella che bagna l’asfalto. Dobbiamo ancora conoscerci ma apprezziamo subito la disinvoltura con cui ci spostiamo nel traffico, giunti fuori località l’asfalto bagnato non ci intimorisce affatto, la sensazione è di guidare in modo rilassato ed efficace.

Ci fermiamo un attimo per raccogliere le prime impressioni: risposta del gas fantastica, la frizione risulta pastosa, molto modulabile come su una moto da fuoristrada, i freni pronti al minimo comando e molto potenti. In complesso la RS660 ha una ciclistica neutra, facile e molto maneggevole, coadiuvata dalla risposta dei comandi semplicemente impeccabile.

La configurazione del motore è per l’Aprilia una novità assoluta.

Il cuore della RS660 è un bicilindrico parallelo frontemarcia, l’albero motore ha angoli di manovella disposti a 270° e combustioni sfalsate di 50° per ottenere un comportamento analogo a quello di un motore a V, infatti i condotti della testata, la camera di combustione, i pistoni e l’alesaggio derivano dalla sorella maggiore RSV4 1100.

Sul motore avevamo molta curiosità, non volevamo essere condizionati da troppe informazioni. Prima di provarla ci chiedevamo semplicemente se la cilindrata fosse sufficiente per avere un motore sfruttabile su tutto l’arco di utilizzo.

Ebbene sì, il propulsore della RS660 è utilizzabile a tutto tondo, veramente fantastico! Fruibile ai bassi regimi, vigoroso ai medi con un allungo entusiasmante fino al limitatore; progressione e linearità sono il suo asso nella manica.

Abbiamo provato la RS660 negli esercizi a bassa velocità richiesti all’esame pratico: il bilanciamento e l’angolo di sterzo notevole ci aiutano a superare gli esercizi con agio.

Abbiamo effettuato una frenata d’emergenza a 80 km/h: emergono stabilità ed efficacia, l’impressione è di avere sotto al sedere una moto che riesce a sfruttare al massimo l’aderenza del pneumatico contenendo al limite l’alleggerimento della ruota posteriore, a nostro avviso è stato fatto un ottimo lavoro di taratura.

Prova in pista

Siamo stati sul circuito di Cremona nella giornata in pista per i Ticinesi organizzata in modo impeccabile da Timoto, per i quali siamo istruttori. Abbiamo gradito i turni dedicati ai vari livelli di esperienza con al massimo 25 persone in pista. Abbiamo anche fatto delle sessioni di istruzione con le persone desiderose di acquisire maggiore consapevolezza nella guida in pista; il tutto ben accompagnati dall’Aprilia RS660.

Anche in pista siamo rimasti stupiti dal motore, l’uscita di curva è molto appassionante come la sua tonalità di scarico. Nelle ripartenze da seconda e terza marcia la RS660 ci spinge fuori da centro curva in modo vigoroso, con un buon allungo, raggiungendo rapidamente la zona rossa del contagiri. In quinta e sesta marcia evidentemente fa un po’ di fatica, ma possiamo dire che sono 100 cavalli veri e pronti nel rispondere alle richieste del conducente.

Il cambio elettronico bidirezionale è preciso, più sale il numero di giri più diventa rapido nella cambiata. Per controllare il trasferimento di carico nella fase di frenata/accelerazione abbiamo aumentato la precarica della molla sia del mono che della forcella, ma senza esagerare per non scombussolare l’ottimo equilibrio della ciclistica. Un’altra nota positiva è la frenata, la moto risulta stabile ed efficace in quel frangente, tanto da andare a recuperare diversi metri alle moto di grossa cilindrata.

Sono diversi anni che assistiamo a una crescita delle prestazioni motoristiche delle moto sportive, è vero che sono sempre più controllabili ma bisogna avere esperienza e condizione fisica come avevamo scritto sull’articolo della mitica RSV4 1100 provata al Mugello. Con la "media" della casa di Noale invece si gusta il piacere di guida concentrandosi sulle linee, sulla percorrenza delle curve; uscendo da una sessione di 20 minuti con il sorriso, la mente lucida e poca stanchezza fisica.

Per certi versi, con la RS660, ci avviciniamo alla mitica RSV250 GP con cui ho partecipato all’europeo 250, di quella moto ricordo con piacere l’essenza costruttiva e la purezza nella guida.

La RS660 soddisfa il motociclista esperto con prestazioni entusiasmanti e allo stesso tempo, con la sua accessibilità, accompagna nella formazione anche conducenti con meno esperienza. Abbiamo apprezzato molto l’equilibrio generale e un carattere tutto suo, tipicamente Aprilia. Concepita da ingegneri a stretto contatto con il reparto corse, con l’obiettivo di costruire una moto a misura d’uomo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved