laRegione
cbr-1000-rr-r-fireblade-da-podio
ULTIME NOTIZIE Auto e moto
Auto e moto
3 gior

Audi Q5, arriva la versione Sportback

L’inedita coda, più rastremata e sportiva, conferisce al Suv tedesco un look suggestivo.
Auto e moto
4 gior

Porsche 911 Turbo S, vertice di emozioni

La Coupé più potente estende a tutto campo le sue qualità dinamiche: la guida è ancora più unica
Auto e moto
5 gior

Volkswagen ID.4, elettrica e crossover

Secondo modello con propulsione a batteria, combina stile ricercato e spazi interni generosi
Auto e moto
5 gior

Porsche Panamera, evoluzione della specie

Il restyling “leviga” look, sportività e qualità della guida. 80 cv in più per la Turbo
Auto e moto
1 sett

Fascino e funzionalità per la Mercedes GLB 250

Compatta ma notevolmente versatile, offre tanto spazio insieme a un look stile Classe G
Auto e moto
1 sett

Wrangler Unlimited, l’icona Jeep si fa 4xe

In arrivo anche sull’immortale 4x4 americana la motorizzazione ibrida plug-in da 375 cv
Auto e moto
2 sett

Porsche Taycan, ecco gli aggiornamenti 2021

Diverse funzioni aggiuntive potranno essere abilitate da remoto; cresce in versatilità la ricarica
Auto e moto
2 sett

Suzuki Ignis, a prova di simpatia

Lievi ritocchi per la compatta da città e non solo. Elastico il 1.2 con sistema ibrido leggero
Auto e moto
2 sett

Honda Jazz 1.5 e:HEV, ibrida convincente

La nuova generazione della monospazio compatta brilla per spazio, versatilità e briosità
Auto e moto
3 sett

Cresce l’autonomia sul Mercedes eVito

Nuovi motori e variante elettrica con batteria maggiorata per la gamma commerciale leggera
test drive
3 sett

Suzuki Vitara 4x4 Hybrid, compatta ma capace

Trazione integrale, meccanica micro-ibrida e dotazione completa per questo Suv ‘tascabile’
Auto e moto
3 sett

Porsche Cayenne GTS, il ritorno del V8

L’allestimento sportivo di Casa aggiunge “sapore” grazie alla nuova unità, più potente e capace
NOVITÀ
3 sett

Mercedes Serie S, nuovamente al vertice

L’ultima evoluzione dell’ammiraglia punta a nuovi primati per tecnologie, sicurezza e accoglienza
Auto e moto
3 sett

Porsche 911 Targa 4S, magia senza tempo

La convertibile più classica incanta per il “sapore” speciale. Con guida sportiva d’eccezione
test drive
3 sett

Kia e-Niro Style, scatta nel silenzio

La versione elettrica di punta spicca per brillantezza, conservando un’autonomia invidiabile
TEST DRIVE
1 mese

Subaru Forester, il boxer si fa ibrido

L’aggiunta del compatto motore elettrico migliora l’elasticità. Spiccano relax e funzionalità
test drive
1 mese

N Line, la Hyundai Tucson più dinamica

L’allestimento sportivo aggiunge carattere e distinzione; con guida piacevole ed equilibrata
Auto e moto
1 mese

Ford Explorer Hybrid, alla grande

Maestoso e imponente, offre spazio, accoglienza e meccanica esuberanti. Con consumi sotto controllo
test drive
1 mese

Suzuki S-Cross 4x4 Hybrid, vince in elasticità

Crescono godibilità ed economia grazie al motore 1.4 Turbo con sistema ibrido leggero
NOVITÀ/COMUNICATO
1 mese

Mercedes-AMG GT Black Series: no limits

Al V8 AMG di serie più potente unisce numerose soluzioni racing per ‘volare’
test drive
1 mese

Il domani di Honda? Si parte da “e”

L’originale compatta elettrica colpisce per ricercatezze, tecnologia e digitalizzazione. Autonomia solo discreta
Auto e moto
1 mese

Perfetta compagna d’avventura

La prova di questa apprezzatissima motocicletta si è svolta sulle nostre strade casalinghe, riscoprendo percorsi e paesaggi in altri tempi dimenticati
Auto e moto
06.10.2020 - 06:300

CBR 1000 RR-R, Fireblade da podio

È stata progettata per primeggiare tra le ‘derivate di serie’. Prestazioni, elettronica evoluta e ciclistica sono da SBK, ma l’aerodinamica da MotoGP.

Presentata a Eicma 2019, la Honda CBR1000 RR-R Fireblade 2020 è una moto completamente nuova, realizzata sulla base della RC213V-S – l’unica vera MotoGP omologata per circolare su strada. Ha un nuovo design e un motore completamente riprogettato, oltre a disporre di un pacchetto elettronico tra i più evoluti in circolazione, che ingloba tutto il know how acquisito da Honda nel mondo delle competizioni. La nuova CBR 1000 RR-R guadagna una R in più nella sigla, grazie alla collaborazione con il reparto corse HRC, si trasforma in una superbike raffinatissima e piena di elettronica da cui derivano le Fireblade schierate nel mondiale SBK. La versione SP differisce dalla standard per la presenza delle sospensioni elettroniche öhlins, dalle pinze freno Brembo Stylema con pompa della stessa marca e dal cambio elettronico di serie.

Nuovo motore corsa corta

Il motore quattro cilindri in linea ha la corsa corta e la classica fasatura a scoppi regolari dei motori quattro cilindri in linea. Rispetto al propulsore precedente è più compatto, ha le stesse misure di alesaggio e la corsa del V4 della “race replica” RC213V-S. La distribuzione è mista a catena e ingranaggi, bielle in titanio ultraleggere e pistoni in alluminio forgiato e bilancieri a dito. Il risultato di tutta questa tecnologia sono ben 217,5 CV a 14.500 giri e 113 Nm a 12.500 giri di coppia massima.

Aerodinamica raffinata

La linea è stata sviluppata pensando soprattutto all’efficienza aerodinamica: la carenatura, più larga e protettiva, si estende nella parte inferiore fino alla ruota posteriore per spingere il flusso dell’aria verso il basso. Nel frontale invece ci sono appendici aerodinamiche integrate (uguali a quelle della RC 213V 2018 di Marc Marquez) che “caricano” l’anteriore rendendolo più stabile e riducendo la tendenza all’impennata. La parte superiore del serbatoio del carburante è stata abbassata per offrire più spazio al pilota quando si mette “in carena”. Tutte soluzioni che portano la CBR RR-R a segnare il record della categoria, con un coefficiente di resistenza aerodinamica pari a 0,270.

Sospensioni semiattive

Tutto nuovo il telaio in alluminio con struttura “a diamante”, realizzato con gli stessi processi utilizzati da HRC per le moto da competizione. Il forcellone, infulcrato nel carter, deriva da quello della RCV 213V-S, è più lungo di 3 cm ed è formato da 18 componenti di alluminio saldati tra loro. Solo sulla versione SP ci sono sospensioni Öhlins semiattive S-EC (Smart Electronic Control), con forcella pressurizzata NPX da 43 mm e monoammortizzatore TTX36 e impianto frenante Brembo con pinze freno Stylema ricavate dal pieno che lavorano su dischi da 330 mm. Sulla versione “base” ci sono invece forcella Showa BPF e monoammortizzatore Showa e impianto frenante Nissin all’anteriore e Brembo al posteriore.

Elettronica da MotoGP

La nuova Fireblade sfoggia una dotazione elettronica ricchissima e raffinata. La piattaforma inerziale IMU a 6 assi gestisce il comando del gas TBW (throttle-by-wire) sviluppato sulla base del sistema utilizzato nella RC213V-S. Tre i riding mode disponibili (Street, Sport e Track) che gestiscono i controlli della potenza (Power, con 5 livelli d’intervento), del freno motore (Engine Brake con 3 livelli), dell’impennata (Wheelie, con 3 livelli e disinseribile) e del controllo di trazione (HSTC su 9 livelli e disinseribile) che a sua volta include anche il controllo di variazione dello slittamento delle ruote. Arriva anche il Launch Control, destinato esclusivamente alle partenze in pista. Solo sulla versione SP sono invece di serie l’ABS sportivo con due modalità (Sport e Track) e il cambio elettronico quickshifter bidirezionale.

Fuoco alle polveri

Il Circuito di Cremona è stato il terreno di prova per il nuovo gioiello di casa Honda. Per alzare il livello di guida e assicurarsi un parere di confronto con il modello precedente abbiamo chiesto al pilota Elia Crotta di accompagnarci e condividere la guida. Elia è un giovane pilota ticinese promettente che si sta ben distinguendo nel Campionato Coppa Italia proprio in sella a una Honda CBR (modello precedente). Per godere delle migliori condizioni abbiamo preferito equipaggiare la moto con coperture slick dedicate alla pista, insomma niente scuse! Ad aprire le danze è stato Elia approfittando dell’extra grip delle gomme nuove e del poco traffico in pista, tutti noi sulla terrazza dei box per osservare la guida e impazienti di sentire il rombo del quattro cilindri a corsa corta amplificato dallo splendido scarico Akrapovic (di serie!). Se durante la guida in strada il motore si era dimostrato docile, dipendeva soprattutto dalla lunga rapportatura che non permetteva di raggiungere alti regimi. Tuttavia quando ci si avvicinava alla soglia degli 8'000 giri si iniziava a percepire tanta grinta e un cambio di rombo che lasciava presagire una rincorsa esplosiva verso i 217 cavalli. È proprio così Elia? “Assolutamente no, il motore è fantastico e malgrado nel misto si utilizzi esclusivamente le prime due marce, accelerare con la marcia più corta è facile perché sempre progressiva. E comunque è consistente, fa strada, e non sei mai in difficoltà!” Effettivamente siamo rimasti tutti sorpresi dal carattere del motore che raggiunge una potenza mostruosa con una linearità mai constatata finora, un vero gioiello in stile Honda. A sostenere questo feeling vi sono due peculiarità determinanti, la prima è senza ombra di dubbio la qualità dell’elettronica che genera un’armonia e una fiducia tra il nostro polso (durante la rotazione della manopola del gas) e l’erogazione della potenza, mentre la seconda è da relazionare all’aumento dell’interasse (+ 50 mm rispetto al modello precedente) che garantisce una stabilità durante tutto l’arco dell’accelerazione con pochissima tendenza all’impennamento. Se il motore è da dieci con lode, cosa ne pensi della ciclistica Elia? “La nuova CBR risulta sin da subito intuitiva. È agile, precisa e stabile in apertura di gas. Purtroppo, dopo qualche turno girando a ritmo sostenuto le sospensioni elettroniche vanno in crisi e la moto inizia a muoversi.” Effettivamente ci chiediamo che senso abbia lo sviluppo fatto da Öhlins con le sospensioni semiattive. Sono trascorsi oltre 5 anni dalla loro introduzione ma i problemi di base rimangono. I centauri che preparano la propria moto per il racing devono comunque sostituirle o perlomeno allontanare la parte elettronica, mentre per l’appassionato che si reca in circuito a nostro avviso non gode di vantaggi tangibili, però questa tecnologia rincara il prezzo d’acquisto della moto. Ritornando alla nostra prova dobbiamo dire che mudando le impostazioni delle sospensioni dal modo automatico (semiattivo) a quello manuale la situazione è migliorata offrendoci una migliore stabilità e prevedibilità. Personalmente sono rimasto impressionato dalla precisione di guida e soprattutto dalla capacità della Honda nel chiudere le curve sia strette sia a medio ampio raggio.

A Elia chiediamo quale sia la differenza sostanziale dal modello precedente

“Rispetto alla mia moto che sto guidando da due anni nel campionato, la differenza lo fa il motore della nuova Fireblade che è su un altro livello”.

Infine osserviamo che la coerenza di sviluppo degli ingegneri Honda non si smentisce con una posizione in sella stradale, questa volta si fa sul serio: pedane alte, semimanubri larghi e bassi, insomma la concorrenza è avvisata.

© Regiopress, All rights reserved