NY Rangers
1
PHI Flyers
0
1. tempo
(1-0)
Detroit Red Wings
Seattle Kraken
01:30
 
TOR Leafs
COL Avalanche
01:30
 
OTT Senators
VAN Canucks
01:30
 
l-italia-imborghesita-deve-ritrovare-spensieratezza-e-sorriso
Keystone
Uno sconsolato Gigi Donnarumma
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
19 ore

Il brusco risveglio nella storia infinita

Déjà vu: dopo aver temporeggiato ora Berna si dice pronta ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus
Commento
19 ore

Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens

Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo
Commento
1 gior

La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
2 gior

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
2 gior

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
2 gior

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
4 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
4 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
5 gior

La normalizzazione dell’indecenza

Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
5 gior

Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego

Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
5 gior

Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto

Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
6 gior

La diplomazia del ping Peng

Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici
Commento
1 sett

Poveri infermieri, eroi usa e getta

Investire nella formazione senza migliorare le condizioni di lavoro è come versare acqua in una brocca bucata
Commento
1 sett

Polo sportivo a Lugano, siamo in zona Cesarini

È grande l’attesa per l’esito del referendum, una sorta di esame per il Municipio, mentre volge al termine l’agguerrita campagna verso il voto
Commento
1 sett

Molestie e violenze: primo, non tacere.

Dalla ragazza inseguita agli stupri, occorre finirla di normalizzare comportamenti inammissibili. Perché ‘lui è fatto così’ non è una giustificazione.
Commento
1 sett

Un colpo in canna per l’accesso al mercato italiano

Differire l’approvazione dell’Accordo sui frontalieri quale condizione per l’accesso al mercato finanziario italiano da parte delle banche svizzere
Commento
1 sett

Una legge Covid adatta alla realtà

Consiglio federale in bambola, sostenitori latitanti: campo libero per i fautori del ‘no’. Ma le loro tesi non reggono. E di alternative non se ne vedono
L’analisi
 
17.11.2021 - 05:300
Aggiornamento : 17:13

L’Italia imborghesita deve ritrovare spensieratezza e sorriso

Gli Azzurri di Mancini hanno trascorso un girone intero in attesa di Godot, la versione più bella di una squadra che è solo buona ma non straordinaria

Da campioni d’Europa alla mortificazione di un secondo posto in un girone con “solo” la Svizzera quale rivale con credenziali degne. La Svizzera che, stando al popolare telecronista Caressa, «mica avremo paura degli elvetici, dai», quando analizzava il sorteggio e un raggruppamento nel quale gli Azzurri già si consideravano primi per investitura. Scordandosi che, per quanto meritato possa essere il titolo europeo conquistato a Londra, ogni altro alloro va conquistato giocando in quanto, appunto, non assegnato a priori. Per non parlare poi della presunta superiorità, anch’essa sempre da dimostrare con i fatti – di rendita nello sport non si vive, semmai si stenta – che facilmente sfocia in presunzione. O superficialità nell’approccio al cimento successivo. “Tanto è la Svizzera. Tanto siamo campioni d’Europa”.

Forse non è il caso di parlare di psicodramma, in quanto è una bocciatura solo temporanea, con le prove d’appello in marzo grazie alle quali rientrare dalla porta di servizio, lasciata aperta alle sei nazioni più meritevoli. Di certo, però, è un bel colpo all’orgoglio per una squadra che ha raccolto consensi unanimi non più di quattro mesi fa e che adesso deve sfilare sotto il giogo delle critiche e dell’enfasi che simili controprestazioni scatenano nella terra delle iperboli, in tema di calcio.

Il ragionamento a caldo e le emozioni vive alimentano l’ansia da spareggio con annesse incognite. Fanno intravedere l’angosciante prospettiva di una seconda mancata qualificazione filata ai Mondiali di una Nazionale. La prima ebbe conseguenze devastanti per il suo artefice.

Tale Gian Piero Ventura da Genova, da ct esperto e un po’ saccente fu declassato a uomo indegno della cittadinanza italiana nonché incompetente tecnico dell’infamia e dell’onta, per aver interrotto una tradizione di partecipazione e di successi con l’ignominia del doppio spareggio contro la Svezia. Suddetta eventualità può davvero ripetersi? Soprattutto, di quale tenore sarebbero le critiche rivolte a Mancini nell’ipotesi che la sua Italia restasse fuori dal Qatar, né più né meno come quella del vituperato Ventura respinta dalla Russia? La dote del titolo europeo lo salverebbe dalla lapidazione sulla pubblica piazza del giornalismo sportivo, mai troppo tenero con chi offende la tradizione? È storia di poi…

Nel frattempo, consci che l’Italia - come sarebbe stato il caso per la Svizzera in caso di secondo posto - è solo rimandata e non bocciata, facendo astrazione dalle analisi pregne di toni esasperati, è forse il caso di ribadire un paio di concetti, peraltro condivisi dal vicedirettore della Gazzetta Andrea Di Caro. Con un equilibrio e una capacità di analisi che andrebbero presi ad esempio, ha sollevato alcune questioni delle quali al Bar Sport sotto casa, ebbri di successo prima, in preda allo sconforto oggi, si è faticato un po’ a tenere conto.

Punto primo, fondamentale per l’analisi che ne consegue e per ancorare per bene la questione alla realtà: l’Italia che ha vinto l’Europeo è una buona squadra, non una squadra straordinaria. Vanta uno o due calciatori di altissimo livello e tanti giocatori nella norma. Ha vinto con merito una competizione nella quale tante nazioni blasonate si sono presentate senza il vestito della festa. Ha brillato nella fase a gironi salvo poi tornare nei ranghi in quella a eliminazione diretta, pur restando degna del successo finale.

Un impianto con qualche crepa

Che l’impianto di Mancini non sia privo di crepe lo dimostra il cammino nelle qualificazioni, stentato e sofferto, fino alla sua mesta conclusione di Belfast. A furia di aspettare che gli Azzurri tornassero a esprimersi sui livelli di alcune partite dell’Europeo, si è sottaciuto a lungo su limiti che sono invece propri a una selezione che il cambio di passo proprio non l’ha avuto. Il pareggio interno alla Bulgaria, lo 0-0 sofferto di Belfast e il duello di Roma contro la Svizzera denotano una fragilità che non è riconducibile alle assenze (si pensi a cosa la Svizzera ha saputo fare, ed era messa peggio da quel punto di vista), bensì alle carenze di una Nazionale alla quale è bastato fare un passo indietro sul piano dell’intensità, della determinazione e su quello scivoloso della presunzione e dell’autostima, per scoprirsi vulnerabile oltre che, perché no, perdente.

Del resto, proprio per sopperire alla non eccelsa cifra tecnica - se tiriamo in ballo la generazione del 1982 e quella del 2006 il paragone è imbarazzante - Mancini ha puntato forte su ritmo, spirito, gioco votato all’offensiva, personalità. Nonché sulla spensieratezza. Sul sorriso, come ha ricordato bene Di Caro. Il sorriso di una Nazionale allegra e anche un po’ sbarazzina, molto lontana dal cliché del calcio all’italiana, vincente in barba alla qualità non eccelsa dei suoi interpreti. Con particolare riferimento agli attaccanti, bravi quanto basta a farne dei campioni della serie A, ma in sofferenza sulla ribalta internazionale, dove ritmi e livello si alzano. Si è un tantino imborghesita, l’Italia tutto cuore e furore del titolo europeo, e non se lo può permettere, pena figuracce come quella di Belfast. O una campagna di qualificazione interamente passata ad attendere Godot. Attesa spasmodica chiusa nel peggiore dei modi. Forse, proprio la presa di coscienza dei limiti che i recenti fasti avevano mascherato molto bene è la chiave di volta in vista degli spareggi. Se l’Italia li prende di petto con l’umiltà che l’ha contraddistinta fino alle notti magiche di Londra, li supera e ritrova il sorriso. E allora sì che sarà autorizzata ad aspirare al titolo iridato. Se invece continua a specchiarsi in un titolo che deve a tanti fattori contingenti e non solo alla propria bravura, il rischio di un Ventura-bis con il “Mancio” dei miracoli diventa concreto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved