il-proficuo-virus-dei-paperoni
Keystone
Bezos
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 ora

L’Urc2022, Cassis e la Storia

C’è stato Marignano, certo, ma ora c’è Mariupol: il Consiglio federale ha avviato de facto una revisione della politica di neutralità
Commento
1 ora

Fedez e la Corte Suprema dentro di noi

Gli scempi in nome dei vecchi valori di una volta sono sotto gli occhi di tutti, ma per ergerci a giudici ci basta che un rapper non conosca Strehler
Commento
2 gior

Passeggiata scolastica e crepe nella collegialità

La rituale gita del Consiglio federale fa dimenticare le dissonanze in seno all’Esecutivo emerse a più riprese negli ultimi tempi
L'analisi
3 gior

L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’

Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
3 gior

Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij

Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
4 gior

Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese

Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
6 gior

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
1 sett

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
1 sett

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
1 sett

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
laR
 
04.01.2021 - 06:10

Il proficuo virus dei ‘paperoni’

Profitti record per molti super-ricchi nell’anno del Covid-19. Mentre aumentano le disuguaglianze e il numero di poveri, disoccupati e imprese fallite.

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«La lotta di classe esiste, e l’abbiamo vinta noi», cioè noi ricchi. Il filantropo americano Warren Buffett, finanziere e terzo uomo più ricco del pianeta (con un patrimonio allora stimato a 72,7 miliardi di dollari), lo affermò alcuni anni fa. Naturalmente non vi furono smentite. E il conflitto di classe evocato da Buffet non si è certo placato. Anzi. Il divario fra lo 0,001 per cento dei super-nababbi e il resto del mondo è ulteriormente cresciuto. Lo si sapeva anche prima del 2020, quindi prima dello tsunami pandemico, che ha provocato macerie anche nelle economie più attrezzate. Cina a parte – che nell’anno appena trascorso registrerà una crescita del 2 per cento – il Pil mondiale calerà complessivamente del 4,4 per cento: la maggiore contrazione dalla seconda guerra mondiale (dati del Center for Economics and Business Research).

Il Covid-19 ha dato ulteriore impulso alla guerra evocata da Buffett, ultra-ottantenne che si permise di “spernacchiare” Donald Trump (“non mi interessano i suoi tagli alle imposte”, cospicui e naturalmente solo a favore dei più ricchi), e che fece parte del drappello di miliardari statunitensi che chiesero di pagare più tasse (comunque consci del fatto che non sarebbe successo). L’anno del coronavirus è stato infatti un periodo di profitti da record per buona parte dei paperoni planetari. Confermando una prima proiezione fatta in estate. Proprietari di grandi piattaforme digitali (abili nell’elusione/evasione fiscale), di giganti della farmaceutica (inclusi ‘cacciatori’ dell’agognato vaccino), ma anche protagonisti di nuove conquiste spaziali, tycoon del lusso, o addirittura della produzione di acque minerali. Le cifre: ‘Forbes’, l’atlante delle grandi fortune, segnala che dallo scorso mese di marzo le dieci persone già primatiste planetarie della ricchezza hanno rimpinguato le loro casse già piene con altri 400 miliardi di dollari; mentre il ‘Bloomberg Index’ calcola che i 500 super-ricchi del pianeta hanno registrato in totale una crescita di 1'800 miliardi durante l’emergenza pandemica. Il più facoltoso di tutti, Jeff Bezos, proprietario di Amazon, che era già ‘il più ricco del reame’, si sarà consolato per il suo costosissimo divorzio grazie a un portafoglio aumentato di 70 miliardi di dollari. È come se il vostro conto in banca di cittadino fosse cresciuto del 66 per cento.
Sull’altro piatto della bilancia, enormemente più vasto e dolente, mettiamoci tutti i perdenti sicuri e gli squilibri provocati o peggiorati dal virus: i nuovi 25 milioni di disoccupati che si aggiungeranno ai 188 milioni registrati nel 2019 (Organizzazione mondiale del lavoro), le piccole imprese sbriciolate sotto l’urto del virus, il debito pubblico mondiale che sale ben oltre i 277 miliardi registrati a fine anno, l’aumento delle disuguaglianze e del disagio dei non garantiti, e secondo la Banca Mondiale 150 milioni di poveri si aggiungeranno ai 700 milioni di chi già vive in ‘miseria estrema’ (con 1 euro e 65 centesimi al giorno).

Arricchirsi non è anti-etico. Non è affatto immorale. E non lo è nemmeno essere paperone. Lo è invece un sistema che, anche nell’indifferenza di beneficiari, e del mondo politico, scava faglie socio-economiche sempre più profonde. Pre-sismiche. Persino quando il mondo è più che in sofferenza.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
covid-19 jeff bezos paperoni profitti virus warren buffett
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved