laRegione
coronavirus-i-silenzi-e-le-bugie-di-pechino
Keystone
Davvero tutto partì da un mercato?
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
18 ore

America the Beautiful, una nazione per tutti

Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
1 gior

Conte e i trasformisti della politica italiana

Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
2 gior

La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe

Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
2 gior

Lugano prende a calci il dibattito

Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
2 gior

Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito

Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
Commento
3 gior

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
4 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
4 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
6 gior

Negozi chiusi e scuole aperte (per la salvaguardia di tutti)

La scuola, soprattutto in questo momento così delicato, è il principale ‘antidoto’ per i nostri giovani contro il Covid
DISTRUZIONI PER L’USO
6 gior

Partire da Arbasino per spiegare Renzi (o almeno provarci)

Non è che certe rivendicazioni del Bomba siano sbagliate, anzi. Il problema è che quel bischero si crede Gesù
L'analisi
29.12.2020 - 06:000
Aggiornamento : 04.01.2021 - 16:26

Coronavirus, i silenzi e le bugie di Pechino

Nessuno è in grado di esprimere certezze sull’origine del Sars-CoV-2. Errore di manipolazione di un agente patogeno? L’ipotesi non è fantasiosa

Almeno su un aspetto la dirigenza americana e quella cinese si assomigliano: il loro rapporto più che disinvolto con la verità. Certo Xi Jinping non è un rozzo narcisista patologico e le sue fake news sa centellinarle con discrezione. A tal punto che non sono in pochi oggi a celebrare acriticamente un modello che con la sua politica centralizzata e autoritaria è comunque riuscito a sconfiggere il Covid-19. In realtà a un anno di distanza ancora non sappiamo cosa abbia scatenato la pandemia, da dove venga, ma possiamo nutrire qualche sospetto sulle ragioni che spingono Pechino a fare ostruzione.

La condanna di Zhang Zhan a quattro anni di carcere per aver “fomentato dispute e provocato disordini” (vedi a pagina 2) giunge nel momento in cui si celebra la vittoria nella “guerra del popolo contro il virus”. La giovane giornalista aveva indagato per mesi a Wuhan rivelando ritardi, errori, e mettendo in luce le contraddizioni del regime. Arrestata in maggio, ha indetto uno sciopero della fame e ora è costretta a un’alimentazione forzata, intubata in bocca e nel naso, le mani legate dietro la schiena. Una delegazione dell’Oms, composta da virologi, epidemiologi e zoologi, è sempre bloccata in attesa dell’autorizzazione a recarsi in Cina per indagare sull’origine del virus.

Nessuno, come rivela un’ampia inchiesta giornalistica di ‘Le Monde’, è oggi in grado di esprimere certezze. Indagini filogenetiche ci dicono che il Sars-CoV-2 è rintracciabile in un tipo di pipistrello presente nel Sud della Cina. Ma come è stato trasmesso all’essere umano? Mistero… L’idea che sia un pangolino in un mercato di Wuhan l’ospite intermedio, è oggi rimessa in discussione. In quel mercato non c’erano né pangolini né pipistrelli e stando allo stesso Centro cinese per le prevenzioni delle malattie (Cdc), tra gli animali venduti lì (rane, serpenti, orsetti lavatori, salamandre, scoiattoli, tassi, coccodrilli…) non è stata rinvenuta alcuna traccia del virus. Eppure tra i primi malati, molti avevano frequentato quel mercato.

La maggior parte degli specialisti oggi ritiene che il pangolino non sia l’ospite intermedio e tutte le ipotesi rimangono aperte, compresa quella di un incidente di laboratorio. Negli ultimi giorni, grazie anche al lavoro di due microbiologi indiani, è stato portato a conoscenza del pubblico un incidente occorso nella provincia dello Yunnan nel 2012. Diversi operai, incaricati di ripulire una grotta dal guano, gli escrementi di un tipo di pipistrello denominato “ferro di cavallo”, morirono alcune settimane più tardi in ospedale dove erano stati ricoverati con i sintomi di una grave polmonite. Secondo i virologi indiani fu proprio un virus del tipo Sars-CoV la causa della loro morte.

Per recente ammissione dello stesso laboratorio di virologia di Wuhan (Wiv), in un articolo messo online e poi cancellato, per anni sono stati stoccati diversi campioni di betacoronavirus di tipo Sars raccolti in quella grotta. Nessuno ne era al corrente. Per quale ragione? E perché l’articolo scientifico del Wiv è stato rimosso? L’errore di manipolazione di un agente patogeno non è un’ipotesi fantasiosa e ha – ricorda il virologo francese Etienne Decroly (Cnrs) – un precedente, l’epidemia di grippe A(H1N1), del 1977. Pechino tace e forse mente. Ed è ora che la comunità esiga finalmente e con forza di conoscere la verità.

© Regiopress, All rights reserved