laRegione
stati-uniti-il-caos-dopo-la-tempesta
Cosa potrà succedere ora? (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
26 min

America the Beautiful, una nazione per tutti

Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
1 gior

Conte e i trasformisti della politica italiana

Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
1 gior

La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe

Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
1 gior

Lugano prende a calci il dibattito

Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
2 gior

Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito

Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
Commento
2 gior

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
4 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
4 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
6 gior

Negozi chiusi e scuole aperte (per la salvaguardia di tutti)

La scuola, soprattutto in questo momento così delicato, è il principale ‘antidoto’ per i nostri giovani contro il Covid
L'analisi
05.10.2020 - 06:000
Aggiornamento : 12:39

Stati Uniti, il caos dopo la tempesta

La superpotenza sprofonda in un abisso che condizionerà pesantemente il suo ruolo e la sua immagine nel mondo

Un annus horribilis che sembra non dover mai terminare. La bolla di immunità e invincibilità dentro la quale Donald Trump si era rintanato l’ha bucata il virus, come in una sorte di grottesca e gigantesca nemesi umana e politica. La stessa che aveva già colpito i leader più o meno negazionisti, dal britannico Boris Johnson a brasiliano Jair  Bolsonaro. Ficcate nella memoria rimangono le immagini dell’allegro assembramento di pochi giorni fa nel giardino delle rose della Casa Bianca in onore di Amy Coney Barrett, la candidata conservatrice prescelta per occupare il nono seggio della corte suprema vacante dalla morte, recentissima,  dell’icona femminista Ruth Bader Ginsburg. E’ lì tra i festanti, quasi tutti privi di mascherina, che l’invisibile nemico ha potuto infierire: il morbo ha contagiato il presidente, la moglie, diversi consiglieri, e  almeno due senatori, ponendo così una seria ipoteca sulla ratifica della nomina della stessa Barrett.  Ricoverato  al Walter Reed Hospital, il presidente ha voluto rassicurare; ma le informazioni fornite dallo staff sanitario e politico non hanno fatto altro che aggiungere confusione. Il medico personale non ha sciolto l’interrogativo posto dai reporter (“il presidente è mai stato sotto ossigeno?”) e le sue rassicurazioni contrastano con le dichiarazioni ben meno ottimistiche del “chief of staff” Mark Meadows immediatamente trafitto dagli strali dello stesso presidente.

Cosa potrà succedere ora? I dibattiti fanno parte della tradizione, non della costituzione. Potrebbero anche in parte essere annullati. La campagna elettorale procede, sarà  condotta dal vicepresidente Mike Pence e da alcuni membri della famiglia Trump. La data del voto, il 3 novembre non potrà essere posticipata, a meno di un voto del Congresso, con doppia maggioranza: molto improbabile dunque. Il 25esimo emendamento della Costituzione prevede un passaggio di consegne al vicepresidente in caso di destituzione, dimissioni o morte del presidente. Mentre la legge  stabilisce che se presidente e vicepresidente fossero nell’incapacità di governare, il timone passerebbe nelle mani dello speaker della Camera. Carica ricoperta da Nancy Pelosi, acerrima nemica di Trump. La legge comunque non specifica cosa significhi esattamente “incapacità di governare”.

Incerto anche lo scenario elettorale  che si aprirebbe  in caso di rinuncia o di morte di Donald Trump, perché dovrebbe essere il partito, entro il 20 gennaio, giorno dell’insediamento, a indicare ai grandi elettori un nome sostitutivo. Già segnata dalle contestazioni preventive dello stesso Trump che in ritardo nei sondaggi non ha voluto garantire il rispetto del risultato delle urne, la tornata elettorale 2020 rischia di sfociare in un devastante caos. Il vertiginoso degrado della  funzione presidenziale, la rimessa in discussione in questi anni della separazione dei poteri- caposaldo della democrazia americana dai tempi dei padri fondatori- la pandemia, il crollo dell’economia, gli incendi legati ai cambiamenti climatici, le rivelazioni giornalistiche  sul presidente miliardario-nullatenente, hanno sprofondato la  superpotenza in un abisso che condizionerà pesantemente il suo ruolo e la sua immagine nel mondo.

© Regiopress, All rights reserved