la-guerra-delle-statue
Keystone
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
4 ore

L’Arsenal e i milioni del dittatore del Ruanda

Il club inglese si fa sponsorizzare da Kagame, il padre-padrone che condanna sommariamente gli avversari politici, compreso l’eroe di Hotel Rwanda
LA TRAVE NELL’OCCHIO
1 gior

Ricchezza: pochi su e tanti giù

L’aumento delle diseguaglianze impone di ripensare un modello di sviluppo dominato dalla ‘teoria dello sgocciolamento’. Anche in Ticino
Commento
1 gior

La ‘strigliata’ di Vitta e una politica che deve guardare al futuro

Rilancio del Cantone e riequilibrio delle finanze, finora il menu uscito dai partiti è vario ma confuso. Serviranno sintesi e convergenze: ‘Non si scappa’
L'ANALISI
2 gior

Scelta intrigante, ma in gioco c’è una fetta di credibilità

A Croci-Torti manca l’esperienza e non l’entusiasmo o la competenza. Quella della nuova dirigenza bianconera è una scommessa che sarebbe disastroso perdere
Commento
2 gior

Putin ha vinto, ma un po’ meno

Il suo partito ha perso forza, ma si impone comunque alle legislative tra abitudine, paura, pressioni e accuse di brogli
Commento
2 gior

Metti la Svizzera nell’‘anglosfera’

Lo strano gioco delle alleanze ha messo la Francia in un angolo. Berna guarda decisa verso Londra e, soprattutto, Washington
Commento
3 gior

A bordocampo uno scaricatore di porto arrossirebbe

La deriva nel linguaggio e nel comportamento del tifo: sui campi di calcio crescono l’aggressività e il turpiloquio facile
Commento
5 gior

Tra spinte gentili e presunte derive autoritarie

L’immunità di gregge è l’obiettivo da raggiungere per buttarsi alle spalle l’incubo Covid. E il pass è uno dei modi. L’altro è l’obbligo vaccinale
Commento
5 gior

Rimborsi per legittima difesa, aridaje

Per colpa di un condizionale mancante bisogna rivotare un’iniziativa che non sta in piedi. Prima i promotori facevano i duri, ora le povere vittime
Commento
5 gior

Più o meno tasse per i super ricchi 

I grandi contribuenti devono essere tassati maggiormente o sgravati? Ci sono due possibili risposte suggerite dalla politica
L'analisi
 
15.06.2020 - 06:300

La guerra delle statue

In un mondo senza memoria storica, la battaglia di questi giorni è quella della rappresentazione.

Facciamo astrazione delle tracimazioni talebane, dai 'moretti' tolti in fretta e furia dagli scaffali di alcuni grandi magazzini alla messa più o meno al bando di 'Via col Vento'. Facciamo pure astrazione delle strumentalizzazioni di varia origine (Goldman Sachs che spudoratamente si schiera con il movimento 'Black lives matter'). Ed evitiamo le scorciatoie mentali nelle quali ci confinano i social (per o contro, nessuna sfumatura). La guerra delle statue scoppiata dopo l’uccisione di George Floyd apre una riflessione di fondo sulla storia e la memoria. Cioè sui fatti, loro realtà, l’interpretazione che diamo loro, e la selezione che ne facciamo, anche inconsapevolmente.

Ci si può scandalizzare se viene vandalizzato il bronzo di Winston Churchill che prima di diventare il mastino che sconfisse Hitler fu – come il Führer dopo di lui - assertore della superiorità della razza bianca. Non ci piace certamente vedere gettata a mare la statua di Cristoforo Colombo, ma così non la pensano i nativi americani. Riusciamo comunque a capire meglio che la stessa fine faccia quella di Edward Colston, mercante di schiavi a Boston. O che venga rimossa a Nashville nel Tennessee quella di Edward Carmack, politico favorevole al linciaggio dei neri. E che dire del generale Robert E. Lee che svetta un po’ ovunque in sella al suo cavallo negli Stati del sud: condusse la battaglia dell’America bianca e segregazionista nella guerra civile. Fa parte della grande storia, ma è l’emblema della schiavitù.

In un mondo sfilacciato, liquido, senza memoria storica, che sembra fluttuare su un perenne presente, la battaglia di questi giorni è quella della rappresentazione. L’etimologia della parola stessa connota il senso di quanto sta succedendo: rappresentare significa presentare di nuovo. A Milano la statua che immortala Indro Montanelli, è stata nuovamente vandalizzata ieri. Lui non è stato solo il giornalista apprezzato per la sua indipendenza, ma pure il fascista colonialista che negli anni 30, in Eritrea, comperò con una sorta di leasing una bimba di 12 anni e ne fece la sua schiava sessuale. Montanelli impenitente non fece mai un mea culpa: anzi riferì pubblicamente di quei fatti gongolando con soddisfazione. La scrittrice Francesca Melandri coglie perfettamente i termini della questione: la discussione, dice, non riguarda tanto una statua o Montanelli. È una discussione su di noi.

La necessità di “rappresentare di nuovo” è vecchia come il mondo. L’iconoclastia è associata storicamente all’impero bizantino, ma ha contrassegnato tutte le civiltà: i successori di Akhenaton hanno cancellato le statue del faraone riformatore; a inizio ‘500 Giovanni Calvino ha dato ordine di distruggere reliquie, pale, affreschi cattolici; con la “damnatio memoriae” diversi imperatori romani hanno cancellato le tracce dei loro predecessori; Napoleone Bonaparte ha ordinato l’abbattimento dei leoni di Venezia. La sua statua del generale imperatore eretta nella Place Vendôme fu a sua volta distrutta durante la Comune di Parigi. Come dire che continuiamo in fondo a rimodellare la nostra memoria storica. Come conciliare allora le giuste rivendicazioni di questi giorni con il rispetto della realtà storica che è fatta di luci e di tante ombre. Come evitare derive oscurantiste? Forse semplicemente storicizzando le rappresentazioni, togliendo gli emblemi più controversi dallo spazio pubblico. Portandoli e contestualizzandoli nei musei. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved