ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
1 gior

I due estremi del cerchio

Le criticità del settore sociosanitario e quelle del socioeducativo sono intrinsecamente legate: la situazione è preoccupante
IL COMMENTO
2 gior

L’Udc, la destra italiana e la politica del dispetto

Su entrambe le sponde della Tresa si moltiplicano l’ostruzionismo ai soccorsi dei migranti e le ‘idee balzane’ circa le pratiche d’asilo
Il commento
3 gior

Minchia signor Zelensky

Perché Sanremo è Sanremo, ma non è e non potrà mai essere soltanto musica. Per fortuna
IL COMMENTO
4 gior

L’altra battaglia nel cuore di Mosca

Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
5 gior

Da Guzmán a Messina Denaro

Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
il commento
6 gior

Tornato Netanyahu, tornate le stragi

Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
1 sett

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
1 sett

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
1 sett

Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?

Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
1 sett

Carri armati a mezzanotte

La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
07.12.2022 - 08:54

Un film brutto e già visto

Una Svizzera priva di carattere viene umiliata (6-1) ed eliminata agli ottavi di finale dal Portogallo

un-film-brutto-e-gia-visto
Keystone
In questo articolo si parla di:
  • Come negli ormai numerosi precedenti fallimenti, a mancare ai rossocrociati è stato soprattutto il carattere
  • A pesare sul pesantissimo passivo anche alcune scelte curiose operate dal selezionatore Murat Yakin

Purtroppo il Portogallo non è la Serbia: dispone di una difesa molto meglio organizzata e, soprattutto, non ha quel potere di attivare Xhaka e Shaqiri di cui abbondano invece i serbi. Del resto, anche i tori nell’arena reagiscono solo davanti a certi colori. E così, per l’ennesima volta, ci ritroviamo a piangere su un ottavo di finale giocato malissimo e che susciterà rimpianti per i decenni a venire, ancor più di quanto avvenuto per le ormai numerose precedenti eliminazioni. Come in un film già visto, è parso che la Svizzera sia giunta al gran ballo senza più energia, come se tutta la benzina fosse stata consumata nell’ultima gara del girone, come capita di solito alle squadrette il cui obiettivo è superare il primo turno, e non fa niente se poi, stremate, vengono spazzate via in souplesse al primo scontro diretto. Dalle squadre vere – quelle cioè che da anni si qualificano regolarmente alle fasi finali – però ci si aspetterebbe ben altro. Ergo, siamo ancora una squadretta, e a suffragare questa triste sentenza c’è la teoria di errori che hanno favorito il primo dei gol lusitani, segnato fra l’altro da Gonçalo Ramos, cioè il ventunenne preferito a sua maestà Cristiano Ronaldo nell’11 schierato dal selezionatore portoghese Fernando Santos. E clamoroso è stato pure il concorso di colpa che ha consentito al bisnonno di Pepe di svettare indisturbato fra cinque laide statuine rossocrociate per siglare la seconda rete. Per tacere degli altri quattro schiaffoni, subiti peraltro quando eravamo già irrimediabilmente groggy.

Sufficiente è stata l’indisponibilità di un solo giocatore per indurre Murat Yakin a stravolgere l’assetto tattico e a schierare una difesa a tre del tutto inedita, se si eccettua un’amichevole (persa) contro il Ghana. Del resto, le convocazioni le ha fatte lui, e nessuno lo ha costretto a lasciare a casa i pochi terzini di cui disponiamo.

Il rimpianto è ancor maggiore se pensiamo che dal tardo pomeriggio sapevamo che, in caso di qualificazione, ai quarti di finale avremmo incontrato il Marocco, compagine a detta di tutti alla nostra portata. Per i nostri ragazzi sarà un ulteriore stimolo a far bene, dicevano molti prima dell’inizio della sfida ai lusitani. Il sospetto è che, in realtà, la prospettiva di incontrare gli abbordabili nordafricani più che stuzzicare i rossocrociati li abbia invece caricati di un’ulteriore pressione, e che nel momento della verità Schär e compagni si siano ritrovati vittime del classico ‘braccino’ e di quella paura che ti induce a correre verso la più vicina toilette.

Qualcuno dirà che il Portogallo è molto più forte di noi, basta vedere i nomi delle squadre in cui militano i suoi giocatori – United, Psg, Porto, Milan, B. Dortmund e City – e confrontarli con le povere maglie vestite dagli elvetici, cioè Yb, Lugano, Augsburg, Torino, Bologna e Basilea. Balle, è la risposta: i marocchini giustizieri della Spagna mica giocano tutti nel Real Madrid. Il nostro limite, come sempre, risiede nel carattere. O meglio, nella sua cronica mancanza.

Avessimo avuto la metà della ‘garra’ e del coraggio mostrati dai magrebini, saremmo qui a scrivere una storia assai diversa. L’unica consolazione è che, a differenza di quanto avvenne per i precedenti fallimenti, i tifosi rossocrociati sugli spalti – che hanno sacrificato soldi e tempo per i deludenti rossocrociati – non erano poi troppo numerosi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved