ULTIME NOTIZIE Opinioni
La formica rossa
23 ore

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
23 ore

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
1 gior

Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?

Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
2 gior

Carri armati a mezzanotte

La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
2 gior

Le parole della politica (sono importanti)

La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
3 gior

La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa

L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
4 gior

Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico

Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
4 gior

Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata

Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
IL COMMENTO
5 gior

Neutralità tra coerenza e opportunismo

Tra neutralità e indifferenza, così come tra equidistanza e codardia, tra coerenza e camaleontismo il confine è labile
IL COMMENTO
1 sett

Interpellanze in zucche: l’immorale ‘magia’ di Unitas

La richiesta di risposte chiare in merito all’audit sull’associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana potrebbe trasformarsi in interrogazione
Il commento
1 sett

Razzismo e negazionismo: ho sognato che era tutto vero

Qualche considerazione – onirica e no – partendo dal documentario ‘Je suis noires’, della regista svizzera Rachel M’Bon
IL COMMENTO
laR
 
01.12.2022 - 05:30
Aggiornamento: 02.12.2022 - 08:07

Imposta di circolazione, dalla confusione al circo

Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...

imposta-di-circolazione-dalla-confusione-al-circo
Ti-Press
Lo spettacolo deprimente dei partiti
In questo articolo si parla di:
  • Una vicenda in cui nessuno è esente da errori
  • Non è un buon viatico per la prossima legislatura

Se in Ticino c’è un esempio di imbarazzante e pessima gestione politica di un dossier di non poco conto, questo dossier si chiama ‘Riduzione dell’imposta di circolazione’. L’ultima novità, in ordine di tempo, che rende ancor più nebuloso il quadro, è il ritiro ieri da parte del governo dei decreti volti, nelle sue intenzioni, "a sanare per il prossimo anno le lacune di natura tecnica presenti nella formula sottoposta al voto popolare lo scorso 30 ottobre", e dare in tal modo seguito "alla volontà espressa dalle parti in causa". Ma sui correttivi, che il Consiglio di Stato aveva proposto nei giorni scorsi al parlamento, partiti e iniziativisti non hanno trovato un’intesa. Non è stato possibile costruire alcuna maggioranza. Un passo, quello del governo, dunque obbligato. Risultato: salvo ripensamenti e avvitamenti, il 1. gennaio entrerà in vigore il testo dell’iniziativa avallato dai cittadini un mese fa, con però le citate lacune tecniche e la conseguente disparità di trattamento. E così – tra critiche, accuse e tatticismi elettorali – siamo al circo.

Fiorenzo Dadò, presidente del Centro/Ppd e uno degli iniziativisti, chiede ora al Consiglio di Stato di risolvere, con una direttiva ai servizi competenti dell’Amministrazione cantonale, i problemi tecnici. Dimenticandosi tuttavia che il testo accolto dalle urne toglie qualsiasi competenza in materia al governo. Le modifiche legislative spettano unicamente al parlamento. E anche se l’Esecutivo agisse prima di gennaio, i tempi sarebbero strettissimi e un’eventuale sua direttiva assai difficilmente raccoglierebbe il consenso sufficiente dato il clima politico. Siamo appunto al circo. Nel quale si stanno esibendo tutti i partiti, che offrono all’opinione pubblica il peggio di loro stessi. Da un lato incapaci di giungere a un accordo su un tema che tocca direttamente le nostre tasche, dall’altro capaci di alimentare confusione. Come stupirsi allora della disaffezione dei cittadini verso la cosa pubblica, che si traduce in basse partecipazioni a votazioni ed elezioni?

Da una vicenda nella quale nessuno può essere considerato esente da errori, siano essi politici, procedurali o meramente tattici, esce ammaccato anche l’ecumenismo di cui Dadò ha provato a farsi portavoce con il ramoscello d’ulivo porto recentemente al presidente liberale radicale Alessandro Speziali. Su questo tema, come pure in altri, tra Centro e Plr è stato un dialogo più tra parti che non avevano alcuna voglia nemmeno di ascoltarsi, piuttosto che tra sordi. Un problema che si riverbererà anche nella prossima legislatura, che avrebbe bisogno di ben altre premesse.

L’aumento del costo della vita dovuto all’inflazione, i premi di cassa malati che nel 2023 schizzeranno verso l’alto, le difficoltà cui andranno incontro molte famiglie dovrebbero portare la politica a considerare – seriamente – un patto di Paese. Un atto di responsabilità che metta in secondo piano i personalismi e le agende politiche, per mettere al centro delle preoccupazioni dei partiti i reali bisogni della popolazione. Quelle famose, e a questo punto fantomatiche, priorità su cui concentrarsi. Invocate da molti, individuate da pochi. E ognuno con le proprie. Le premesse non sono buone: se nemmeno uno sconto sull’imposta di circolazione, validato dal popolo, è riuscito a mettere d’accordo una maggioranza – sarebbe bastata anche di partiti borghesi –, mal si comprende come potrà succedere su temi ben più dirimenti e impattanti. Ma le vie della politica sono infinite. Soprattutto quelle di un parlamento rinnovato.

Leggi anche:

Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved