ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
6 ore

Schlein rimette ‘il sacco in spalla’

La candidatura della ticinese può dare nuova linfa a un Pd caduto sempre più in basso, mentre in Italia c’è il governo più a destra della Repubblica
IL COMMENTO
9 ore

Animali politici am(m)aliati dall’ambizione

Dopo aver capito da che parte gira il vento con ‘Avanti’, il presidente del Plrt Speziali si è tuffato sulla sua preda: il seggio socialista in governo
IL COMMENTO
1 gior

Granit Xhaka non ha perso la testa

Lo sapevamo tutti che per il ragazzo dalle origini kosovare quella contro la Serbia non è mai una partita qualsiasi
IL COMMENTO
3 gior

Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino

Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
4 gior

Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro

La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
4 gior

Materiale infiammabile

I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
5 gior

Imposta di circolazione, dalla confusione al circo

Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
6 gior

Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare

Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
1 sett

La scintilla e la prateria

Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
IL COMMENTO
laR
 
23.11.2022 - 05:30
Aggiornamento: 17:42

La realtà artefatta del Qatar

Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite

la-realta-artefatta-del-qatar
  • Sempre evidente, salvo rare eccezioni, il divario tecnico fra le squadre dei diversi continenti
  • Intanto la Fifa continua la sua opera di deformazione della realtà qatariota
  • Il coraggio dei calciatori iraniani, che in appoggio alle rivolte popolari in patria rifiutano di cantare l'inno nazionale

 

Salutato con gioia il ritorno sul massimo palcoscenico del danese Christian Eriksen, miracolato che un anno e mezzo fa avevamo visto praticamente morire in diretta tv sul campo da calcio, tocca accennare nel primo bilancio della competizione iridata alla clamorosa sconfitta dell’Argentina contro i sauditi, parsi nettamente più forti dei loro vicini – cioè i qatarioti e gli iraniani – spazzati via da Ecuador e Inghilterra. Il divario fra il calcio occidentale e quello più periferico, ad ogni modo, invece di colmarsi sembra in realtà acuirsi, facendo tremare al pensiero dell’allargamento delle finaliste, da 32 a 48, previsto dal 2026. Vorremmo sbagliarci, ma questa bella pensata del presidente della Fifa Gianni Infantino, anziché migliorare lo spettacolo finirà per renderlo dal punto di vista tecnico ancor meno attraente.

Ma, si sa, a lui e ai suoi sodali interessano altre cose, ad esempio far durare all’infinito i minuti di recupero – come si sta ben vedendo in questi primi giorni di torneo – forse per offrire agli sponsor maggiore visibilità e dunque potergli scucire più soldi. L’inesauribile sete di denaro – insieme al totale disinteresse per i diritti umani e per la parola data – pare ormai la cifra stilistica del governo del calcio, fattosi notare negli ultimi giorni per la messa al bando degli alcolici dopo aver dato ampie rassicurazioni in senso contrario, e poi vietando ai capitani delle squadre di sfoggiare la fascia recante i colori dell’arcobaleno e la scritta One Love. Il tutto, naturalmente, per non urtare l’oscurantista sensibilità dei raìs con cui fa lucrosi affari. E, altrettanto ovviamente, nella più completa ipocrisia: a cosa mai potrà servire mostrare in tv – com’è accaduto – l’emiro di fianco a un dirigente Fifa che fa outing, se poi le leggi del Paese continueranno a prevedere per i gay punizioni severissime?

Ma la narrazione di una realtà artefatta riguarda pure l’enorme voglia di calcio che aleggerebbe in Qatar: amici amanti del pallone che da anni vivono a Doha ci assicurano che i Mondiali – e il gioco in generale – non interessano a nessuno, e che il presunto entusiasmo è solo una farsa allestita per dare del Paese l’ennesima immagine falsata. E a suffragare questa lettura contribuisce quanto abbiamo visto domenica nella gara d’apertura giocata dai padroni di casa, con gli spalti che si svuotavano già mezz’ora prima del fischio finale: davvero poco convincente, come segno d’attaccamento alla squadra e di entusiasmo nei confronti di un torneo teoricamente atteso per anni con trepidazione. ‘Lo hanno fatto per evitare il traffico’, è la risposta ufficiale: fosse davvero così, significherebbe che i tanto decantati stadi-cimiteri sono stati edificati, pur disponendo di spazi e risorse infiniti, in zone servite in modo pessimo dalla rete viaria.

A consolare resta soltanto il coraggio mostrato dai calciatori iraniani nel rifiutare di cantare prima della partita l’inno nazionale inneggiante agli ayatollah oppressori per ribadire il loro sostegno alle rivolte popolari in corso nel Paese ormai da un paio di mesi e scatenate dall’omicidio della giovane Mahsa Amini: questo è vero fegato, mica le mascherate apparecchiate dalla Fifa esclusivamente per il proprio tornaconto personale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved