ULTIME NOTIZIE Opinioni
naufraghi.ch
19 ore

Un sisma nel cuore di infinite tragedie

Da Aleppo al Rojava, questo terremoto mette a dura provi luoghi in cui la sofferenza è di casa. E anche la Turchia fa i conti con le politiche di Erdogan
L'analisi
22 ore

Lugano, il Plan B resta criptico

Discussione generale in Consiglio comunale senza colpi di scena: tanto fumo e poche informazioni utili alla cittadinanza
IL COMMENTO
1 gior

La sfida tra Zali, sfinge non più così impassibile, e l’elefante

Le dichiarazioni del direttore del Dt sull’alleanza con l’Udc sono una bomba che rischia di esplodere, e mostrano un mix tra fastidio e preoccupazione
La formica rossa
2 gior

A Carnevale ogni firma vale?

Si dice che in amore e in guerra tutto sia lecito, ma vale lo stesso nella democrazia diretta?
IL COMMENTO
2 gior

Il pallone sgonfiato e la guerra della disinformazione

È probabile che il pallone non costituisse una vera minaccia, ma la sua presenza nei cieli americani ha assunto una forte valenza geopolitica
IL COMMENTO
4 gior

I due estremi del cerchio

Le criticità del settore sociosanitario e quelle del socioeducativo sono intrinsecamente legate: la situazione è preoccupante
IL COMMENTO
5 gior

L’Udc, la destra italiana e la politica del dispetto

Su entrambe le sponde della Tresa si moltiplicano l’ostruzionismo ai soccorsi dei migranti e le ‘idee balzane’ circa le pratiche d’asilo
Il commento
6 gior

Minchia signor Zelensky

Perché Sanremo è Sanremo, ma non è e non potrà mai essere soltanto musica. Per fortuna
IL COMMENTO
1 sett

L’altra battaglia nel cuore di Mosca

Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
1 sett

Da Guzmán a Messina Denaro

Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
il commento
laR
 
15.11.2022 - 05:15
Aggiornamento: 17:10

Biden-Xi Jinping: finalmente...

Il primo faccia a faccia, lungamente preparato in vista del G20, scongiura il peggio e allontana un’escalation militare globale

di Roberto Antonini
biden-xi-jinping-finalmente
XI Jinping e Joe Biden al G20 (Keystone)
In questo articolo si parla di:
  • Il mondo bicefalo ribattezzato “Chimerica” prova a trovare un equilibrio
  • L'Europa prova a giocare il ruolo del terzo incomodo scongiurando il rischio di un G+20
  • Resta da sciogliere il nodo Taiwan

«Approfondito, franco e onesto». I tre aggettivi con i quali Pechino condensa l’incontro di Bali, in Indonesia, vanno un po’ oltre il classico laconico comunicato di fine summit. Un larvato ottimismo è oggi legittimo, una bozza di disgelo sembra poter arginare quel clima di estrema tensione che ha precipitato i rapporti tra le prime due potenze mondiali negli abissi della loro storia diplomatica. Xi Jinping sottolinea il "dialogo sincero sulle questioni strategiche". Joe Biden, ritemprato, ringalluzzito dalle good news domestiche sull’inatteso esito delle midterm, sintetizza: "Dobbiamo evitare che il confronto si tramuti in scontro".

Il primo summit in tête-à-tête tra i due presidenti, lungamente preparato, scongiura certamente il peggio; ci si allontana dall’orlo del baratro sul quale ci aveva spinto l’invasione russa dell’Ucraina, la militaresca insensatezza del "Grande Fratello", il despota Kim Jong-un ormai alla vigilia del settimo esperimento nucleare della Corea del Nord, e l’esplosiva situazione a Taiwan con l’improvvida visita in loco della presidente della Camera dei rappresentanti Usa Nancy Pelosi.

Negli ultimi anni lo sviluppo dei rapporti di forza economici ha delineato un mondo sempre più bipolare, un essere bicefalo già battezzato "Chimerica", con una Cina in crescita e con un’America sempre numero uno ma in relativo declino. La Russia ormai intrappolata nei fanghi del suo fallimentare sogno neo imperiale rimane un’alleata, ma solo di facciata, della Cina: Pechino ha già preso le distanze nel recente vertice asiatico di Samarcanda e ribadisce oggi il suo no a guerra e derive nucleari.


La mano di Biden sulla schiena di Xi, dopo l’incontro (Keystone)

L’Europa mira a diventare il terzo incomodo ed evitare proprio oggi e domani, nei giorni del summit dei più ricchi e potenti della Terra, che il G20 si trasformi, come paventa un analista, in un G2+0. L’atlantismo rimane solido, ma nei rapporti transoceanici si è incuneata da tempo una buona dose di diffidenza: se la Cina non è mai stata vicina, con un XX Congresso del Pc che ne ha addirittura rafforzato la matrice dittatoriale, il conformismo e le chiusure; l’America lo è sempre meno con un modello di democrazia scarsamente credibile così come poco persuasivo appare il suo retorico perorare (a geometria variabile) la causa dei diritti umani nel mondo. La legge delle relazioni internazionali ci riporta inevitabilmente comunque sempre lì, alla dimensione commerciale ed economica, ed è in questo ambito che si giocherà il futuro del confronto tra le potenze. Non per nulla le pratiche commerciali cinesi, considerate da americani ed europei sleali, sono il primo dei nodi da sciogliere.

Washington applica dal 7 ottobre sanzioni commerciali pesanti sulle componenti cinesi ad alta tecnologia e non è certamente casuale il fatto che malgrado la proclamata politica di "una sola Cina" la Casa Bianca si fosse detta per ben quattro volte pronta a difendere militarmente Taiwan. L’isola cinese in effetti ospita aziende-gioiello dell’hi-tech. A partire dal colosso Tsmc che produce addirittura il 90% dei semiconduttori più performanti al mondo, quelli per intenderci che fanno funzionare gli iPhone ma pure i cacciabombardieri F-35 e i missili ipersonici. Il summit Biden-Xi Jinping sarà ora seguito da una serie di visite a Pechino del segretario di Stato Antony Blinken. Le premesse sono incoraggianti, la strada è tracciata, anche se la ricucitura vera e propria rimane un obiettivo parecchio distante.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved