ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
21 ore

Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce

Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
1 gior

L’amore non è un colpo di pistola

Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
2 gior

Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps

L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
3 gior

La realtà artefatta del Qatar

Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
4 gior

I guai di Letta (e del Pd)

La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
5 gior

Non perdere una guerra senza vincere la pace

In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett

Il partito delle donne e quello degli uomini

Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett

Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti

La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
IL COMMENTO
1 sett

Finanze cantonali, verso il pareggio e oltre

A questo punto varrebbe la pena interrogarsi sul perché dell’insistenza da parte delle forze borghesi sulla necessità di risanare dei conti già sani
IL COMMENTO
1 sett

Salvini, Meloni e il governo degli sburoni

Fenomenologia semiseria della destra italiana, tra promesse irrealistiche e minacce da bar
laR
 
20.09.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:52

Rito dunque sono

Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale

di Claudio Lo Russo
rito-dunque-sono
Keystone

I rintocchi delle campane, le note celebrative, i passi misurati al ritmo del cordoglio, il richiamo dei colpi di alabarda sul pavimento dell’abbazia, la precisa evocativa messinscena dei ruoli sociali, le uniformi, i copricapo, i guanti bianchi, la corona su manto viola, il silenzio vibrante di attesa di fronte alla Storia o al mistero… In molti nei giorni scorsi si sono lasciati suggestionare dal rituale del saluto alla Regina Elisabetta, mirabile nella sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale; di accorciare, esibendole, le distanze di classe sociale.

Quello dell’omaggio alla regina, più di ogni altro esibito dalla famiglia reale britannica, è un rituale paludato che, pur strappando forse qualche sguardo sornione all’Occidente repubblicano e sempre più apolitico, non manca di colpire anche l’immaginario di chi può vantarsi di non essere suddito di niente e di nessuno. Curiosamente, esso catalizza l’attenzione e seduce tanto più lo sguardo nel momento in cui, nelle nostre società evolute, si può riconoscere nel rito in sé un dato di cultura del tutto malconcio, percepito nel flusso informe della quotidianità come una parentesi vuota di senso, un obbligo o un fastidio a cui sfuggire quanto prima.

Chi non è mai stato a un battesimo in cui i tre quarti dei presenti, genitori del piccolo compresi, sembravano al più turisti di passaggio, da tutto occupati fuorché dall’ascolto? Chi non ha un conoscente convinto dell’assoluta inutilità del matrimonio, buono giusto per le imposte? O dei funerali, che tanto quando sei morto sei morto? Come se il rito funebre dovesse servire al defunto e non ai viventi?

Il lungo saluto alla regina, altamente ritualizzato, oltre a toccare momenti di autentica potenza evocativa, se non a suo modo di bellezza, dispone sotto i nostri occhi, con calcolata precisione, ogni tessera al fine di comporre un mosaico che non si riduce a seducente apparato scenografico, ma che è esso stesso macchina di senso. Non fondale maestoso, ma certificazione simbolica dell’approdo a una tappa quanto mai significativa, del completamento di un tragitto, di un nuovo inizio, per quanto incerto, nel cammino di un popolo. Uno specchio, forse deformante, in cui ciascuno può però riflettere la propria infinitesima particella di umanità in un io collettivo più vasto; multiforme mosaico in movimento, appunto, che ogni elemento accoglie e trascende, elargendo senso di appartenenza e, forse, identità.

A ben vedere, i compositi, distanti, a volte oscuri rituali che caratterizzano la monarchia britannica suggestionano proprio per la loro capacità di metterci sotto gli occhi, in forma parossistica, ciò a cui nel nostro piccolo stiamo progressivamente rinunciando, convinti di poter controllare, plasmare, determinare ogni palmo del nostro corpo, ogni fase della nostra storia individuale; certi di saperci riempire di senso in autonomia, a partire dalle nostre convinzioni o idiosincrasie, a prescindere da ogni contesto più ampio del nostro ombelico. Il rituale in sé, in quanto frutto di un’eredità culturale condivisa, non può non apparire sospetto con la sua pretesa di proiettarci dentro qualcosa che ci trascende, e non controlliamo. Dunque da rifiutare, a rischio di fare della nostra esistenza un’unica indistinta melassa, senza momenti in cui fermarsi, che sanciscano una fine e un inizio, un passaggio, che diano intimamente senso al nostro fluire, proiettandolo in una dimensione che lo precede e lo supera, e in cui possa ritrovarsi.

© Regiopress, All rights reserved