ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
21 ore

Da Guzmán a Messina Denaro

Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
il commento
1 gior

Tornato Netanyahu, tornate le stragi

Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
3 gior

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
3 gior

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
4 gior

Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?

Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
5 gior

Carri armati a mezzanotte

La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
5 gior

Le parole della politica (sono importanti)

La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
6 gior

La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa

L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
1 sett

Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico

Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
laR
 
31.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 08:51

La lezione di Shanghai

Un’asse Mosca-Pechino contro l’Occidente? In verità russi e cinesi non si fidano storicamente l’uno dell’altro

di Giuseppe D'Amato
la-lezione-di-shanghai
Keystone
Friends to be friends

La Russia buttata tra le grinfie della Cina; asse Mosca-Pechino contro l’Occidente. Fior fiore di studiosi da tavolino di geopolitica insistono da mesi con questa visione. Ma è davvero così? Basta guardare i numeri per rendersi conto di certe dinamiche. Primo: l’interscambio annuale russo-cinese equivale a 145 miliardi di dollari; quello Cina-Occidente è dieci volte più grande. Domanda: quale uomo d’affari vorrebbe mettere in pericolo una torta del genere per farsi ingolosire da un misero 10%, facilmente recuperabile sui mercati internazionali? La Cina è intenzionata sul serio a buttare a mare quella globalizzazione che l’ha fatta uscire dalla miseria e le ha garantito la possibilità di diventare una potenza mondiale?

La rapida e compatta reazione, con l’imposizione di durissime sanzioni economico-finanziarie a Mosca, impone ai Paesi dissenzienti dalla linea occidentale di andarci coi piedi di piombo per non finire a loro volta nella lista nera europea e americana. Infatti il presidente Xi Jinping si guarda bene dal fare mosse avventate, soprattutto adesso che è alla ricerca di un terzo mandato fra poche settimane al XX Congresso del Pc. Una cosa è mostrare i denti a Taiwan per aizzare la base nazionalista e partecipare a esercitazioni militari da tempo programmate con la Russia, un’altra lanciarsi nell’aggiramento di sanzioni o in aiuti. I cinesi sono commercianti, non guerrieri. Come spiegare loro che adesso ci si impegna nella crociata per un mondo in contrasto con quello occidentale?

È vero, nei primi mesi del 2022 l’interscambio russo-cinese ha avuto un sensibile incremento, ma esso è dovuto principalmente alla vendita di petrolio a prezzi ultra-scontati e di materie prime. Per il gas invenduto oggi nel Vecchio continente, saranno necessari anni per costruire le infrastrutture per trasportarlo in Cina. La "lezione di Shanghai" non va però dimenticata dalla dirigenza russa. Nel giugno 2014, poco dopo l’annessione della Crimea, Vladimir Putin fu costretto ad accettare durante una sua visita nell’Impero celeste valori da svendita per le sue forniture, pur di non tornare a casa a mani vuote. In sostanza: sono i cinesi a fare il prezzo finale.

Xi Jinping ha chiesto a Biden un colloquio al prossimo G20, in cui l’americano non mancherà di ricordargli quali sono le linee rosse nell’interscambio con questa Russia. Tale aspetto verrà ripreso da Washington anche nei rapporti con gli indiani. Se non si raggiungerà una mutua comprensione, in presenza di partner riluttanti, l’alternativa è sempre rappresentata da dazi imposti sulle merci finali.

Passiamo ai progetti e agli investimenti. Se si analizza come i cinesi investono in Russia si scopre che Pechino si impegna solo in determinati progetti e non versa mai soldi a pioggia. La ragione è semplice: russi e cinesi non si fidano storicamente l’uno dell’altro. E invero le atomiche di Mosca sono state studiate per fermare un ipotetico pericolo d’invasione da Est. Nella sua zona asiatica vivono 30 milioni di russi, che si confrontano con 400 milioni di vicini sui confini.

In ultimo, per il bene di tutti: sarebbe una buona idea che gli americani si astenessero per un po’ da azioni che potrebbero irritare i cinesi. Nel mondo c’è già abbastanza tensione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved