ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
23 ore

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
1 gior

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
2 gior

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
2 gior

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
3 gior

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
3 gior

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
5 gior

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
6 gior

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
6 gior

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
1 sett

Il grande ricatto di Putin

Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
1 sett

Valera è la cosa giusta

Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
il commento
12.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 14:37

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale

bruce-springsteen-ha-perso-la-voce
Bruce Springsteen sul palco (Keystone)

Ha perso improvvisamente la voce, Bruce Springsteen. Proprio lui, che con quel suo ruggito inconfondibile – duettando con Stevie Wonder – rubò la scena ad artisti di almeno tre generazioni in quella parata di all-star che era "We are the World"; lui che rispose a muso duro perfino all’uomo più potente del mondo, Ronald Reagan, quando – senza permesso – utilizzò in campagna elettorale, storpiandone i significati, la dolente "Born in the Usa". Era un controinno americano, parlava di militari mandati allo sbaraglio che – una volta tornati a casa – venivano ignorati da chi li aveva usati come carne da cannone.

Invecchiando, Springsteen è passato da voce a megafono dei democratici e di quella sinistra sociale americana vista come fumo negli occhi dagli ultraconservatori che vedono comunisti dappertutto. Con la canzone "American Skin (41 Shots)", ha denunciato – dal palco del Madison Square Garden – il grilletto facile della polizia di New York che aveva freddato un ragazzo con la sola colpa di essere nero e di mettere la mano in tasca per tirare fuori il portafoglio con i documenti. E si è anche caricato sulle spalle il dolore di una nazione intera per l’11 Settembre, elaborando il lutto per tutti con il suo "The Rising".


Durante la cerimonia per il ventennale dell’11 Settembre (Keystone)

Springsteen è l’alfiere del cosiddetto "blue collar rock", il rock operaio: da sempre canta gli emarginati, i migranti, gli sfruttati, mostrando a tanti piccole quotidiane ragioni per vivere e godersi le briciole del sogno americano. Barack Obama, per cui ha fatto campagna elettorale, ha detto: "Ho deciso di diventare presidente degli Stati Uniti quando ho capito che non potevo essere Bruce Springsteen".

Eppure – già, perché c’è un eppure grosso così – oggi il Boss sembra tradire sé stesso e quello che rappresenta da quando è nata la polemica sul "dynamic pricing", uno di quei termini orrendi e vaghi che nascondono sempre qualcosa di peggio. I ‘prezzi dinamici’, come già accade per le linee aeree, aumentano con la domanda: ovviamente nel caso del nuovo, imminente tour di Springsteen (che non si esibisce dal vivo con la band ormai dal 2016), le richieste erano talmente tante che alcuni biglietti messi in vendita a un centinaio di dollari sono schizzati fino a oltre 5mila dollari, sconfinando nel bagarinaggio legalizzato.

I fan, tra i più attenti (e talvolta maniacali) del pianeta, gli si sono rivoltati contro: "Tu quoque, Bruce", o come diavolo si dice in America. Come ha fatto il paladino dei diseredati, dell’operaio che non arriva a fine mese – magari proprio per risparmiare i soldi per un suo concerto – a dimenticarsi di quel che canta e di chi lo ascolta? La colpa è ricaduta sul rivenditore Ticketmaster, ma è possibile che una delle rockstar più famose del pianeta non abbia voce in capitolo, prima e a maggior ragione dopo, se i fatti arrivano a sconfessare un’intera carriera?

Quando la polemica, nata nei forum dei fan, è montata fin sulle pagine del Washington Post e del New York Times, Springsteen ha mandato in avanscoperta il suo storico manager, Jon Landau, con una dichiarazione che più sbagliata non poteva essere: una specie di "così fan tutti" buttato lì per autoassolversi. Se gonfiano i prezzi dei biglietti Paul McCartney e i Rolling Stones, perché il Boss no? Perché ognuno ha la sua storia. Dimenticarsene, o fingere di farlo, chiudersi a riccio fino a perdere la voce è imperdonabile, soprattutto se ti chiami Bruce Springsteen.


Barack Obama mentre consegna a Springsteen la Medal of Freedom (Keystone))

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved