l-europa-esita-e-lavrov-ride
Keystone
“Ridere, io?”
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
11 ore

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
1 gior

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
3 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
3 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
4 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
4 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
5 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
5 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
6 gior

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
1 sett

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
Commento
1 sett

Ha vinto solo Marine Le Pen

La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi
laR
 
29.04.2022 - 05:15
Aggiornamento: 11:43

L’Europa esita. E Lavrov ride

Il ministro degli Esteri russo ricorda agli sbadati e agli ipocriti che a decidere la pace è l’equilibro delle forze in campo

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

"Tutto si concluderà con un trattato. Ma i suoi parametri saranno determinati dallo stadio al quale si troveranno le ostilità al momento in cui questo trattato diventerà realtà". A molti può sembrare un’ovvietà, quella che il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha consegnato l’altra sera ai telespettatori del suo Paese. Eppure parecchi osservatori ragionano come se guerra e diplomazia si escludessero a vicenda, sicché o ci si bombarda o "ci si parla", qualunque cosa ciò significhi. Sentendoli sembra quasi di vederlo sogghignare, il vecchio Lavrov, lucido e feroce stratega della Realpolitik: sa benissimo, lui, che la diplomazia non è una formuletta magica, un sim sala bim per tirar fuori la colomba della pace dal cilindro della geopolitica, altro termine talmente liso da significare tutto e nulla.

Una guerra ritornata nel cuore dell’Europa, combattuta con gli stessi metodi e le stesse atrocità d’un insanguinato Novecento, ci ricorda invece che a decidere l’esito di qualsiasi conflitto è un bilancio tra violenza e resistenza, in cui "i più forti esercitano il loro potere e i più deboli vi si adattano", come ricordava Tucidide; e che solo un riequilibrio sul campo può salvare gli ucraini dal destino dei piccoli Meli, passati a fil di spada dagli Ateniesi. Per questo è giusto armare la resistenza, come gli ucraini in primis ci implorano di fare. Questo non significa però che si possa andare avanti così per sempre, continuando a spedire tank, lanciarazzi e munizioni senza preoccuparsi di tutto il resto, dai rischi di escalation alla direzione che devono prendere il progetto europeo e l’alleanza atlantica.

Il ‘balance of power’, l’equilibrio di potere che preordina le relazioni internazionali, pesa insieme ai missili anche i denari. Dunque armare la resistenza e scaldarsi col gas russo – finanziando così la guerra di Putin – è puro tartufismo: lo sanno tutti quei leader che ora si affrettano a cercare fonti alternative, ma fino a pochi mesi fa spergiuravano che andava bene così, che la loro non era sudditanza energetica ma "interdipendenza". Invece il "Wandel durch Handel", il tentativo di esportare la democrazia attraverso il commercio decantato da Schröder e Merkel, ci ha esposto a un brutale ritorno di fiamma.

Nella risposta a queste contraddizioni l’Europa arriva in ritardo. Oltre ai divergenti interessi nazionali, la frena ancora il genio guastatori di chi nega la responsabilità russa o la mette sullo stesso piano di quella occidentale. Così – tra difficoltà oggettive, dubbi più o meno legittimi, sbiaditi diorami ideologici e distrazioni di comodo – per l’Ucraina e il continente la seconda fase della guerra rischia di rivelarsi più pericolosa della prima. Il Donbass, le regioni meridionali, perfino la Transnistria: terre da sacrificare alla schiavitù pur di non perdere nemmeno un punticino del Pil di Berlino o di Parigi (né di Berna, inevitabilmente satellitare rispetto alle decisioni continentali). Bocconi da gettare al coccodrillo nella speranza che ci mangi per ultimi, per dirla con Churchill, o ancora un modo per "pagare il pizzo in geografia alla Russia", come da mordace consiglio del maggiore Pirro Graziani Cadorna. Lo "stratega televisivo del Terzo reggimento divanato Paguri del Piave", inventato dal geniale Andrea Pennacchi, non è solo la caricatura perfetta di certi manutengoli putiniani. È anche l’effigie grottesca di chi, spesso per cinico tornaconto, non accetta di affrontare sul serio la Realpolitik moscovita. E Lavrov ride.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
europa russiaucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved