ULTIME NOTIZIE Opinioni
Il commento
23 ore

Minchia signor Zelensky

Perché Sanremo è Sanremo, ma non è e non potrà mai essere soltanto musica. Per fortuna
IL COMMENTO
1 gior

L’altra battaglia nel cuore di Mosca

Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
2 gior

Da Guzmán a Messina Denaro

Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
il commento
3 gior

Tornato Netanyahu, tornate le stragi

Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
5 gior

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
5 gior

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
6 gior

Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?

Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
1 sett

Carri armati a mezzanotte

La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
1 sett

Le parole della politica (sono importanti)

La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
1 sett

La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa

L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
laR
 
01.03.2022 - 06:59
Aggiornamento: 19:55

‘Andate a farvi f...ere’, disse l’eroe per caso

Nel vortice virtuale di una guerra tremendamente reale irrompono nelle nostre vite persone pronte a svestire i comodi panni di uomini e donne qualunque

di Claudio Lo Russo
andate-a-farvi-f-ere-disse-l-eroe-per-caso
Keystone

C’è la donna che avvicina il soldato russo, chiedendogli che cosa stia facendo lì, nella sua città, armato. E gli vuole regalare dei semi di girasole, affinché nascano fiori quando lui morirà. C’è l’automobilista che affianca il blindato russo rimasto senza gasolio e si offre di trainarlo, ironicamente, fino al confine. E il contadino che lo ruba col trattore, un carro armato. Ci sono il tennista, il pugile e la ex miss, pronti ad abbandonare una condizione di privilegio, per rientrare o restare a casa, e combattere. Ci sono i doganieri dell’Isola dei serpenti, pronti a mandare "a farsi fottere" la nave da guerra che minaccia di bombardarli. E ci sono loro, le migliaia di volontari, e i giovani senza nome e senza volto, chiamati a mettere da parte libri di scuola e social e videogiochi, per imbracciare un mitra.

Nel vortice virtuale di una guerra tremendamente reale, piovuta dal Novecento a scardinare le fragili certezze del nuovo millennio, irrompono nelle nostre vite immagini, video, frammenti delle vite di persone pronte a svestire i comodi panni di uomini e donne qualunque, per indossare quelli dell’eroe. Più o meno attendibili che siano, queste schegge di orgoglio, collettivo o individuale, hanno il potere di interrogarci nel profondo; tanto più giungendo a noi da un mondo neanche tanto distante o diverso dal nostro, che il suo passato lungamente tragico credeva forse di averlo seppellito per sempre con il "secolo breve". Nella memoria di un ventenne ucraino quali tracce restano dell’invasione nazista e del giogo sovietico, dei rigidi paradigmi novecenteschi nella sua quotidianità iperconnessa, spesso verosimilmente futile, vacua, liquida e viziata come il presente di ognuno di noi? Su quale repertorio di certezze, su quale bacino di valori e verità incontrovertibili fare affidamento, non solo per resistere alla notte della Storia, ma per affrontarla, percorrerla, illuminarla?

Questi eroi per caso, imprevedibilmente catapultati fuori dalla loro più o meno placida esistenza, possono porci di fronte al nostro personale specchio del dubbio o della verità, opaco o deformante che sia. Quali sacrifici sapremmo sostenere, quali rischi saremmo pronti a correre qualora la Storia o la nostra quotidianità ponessero noi di fronte a un bivio? Per quali valori, indiscutibili e inalienabili?

Qualche giorno fa, sul Corriere della Sera, Aldo Cazzullo scriveva che noi, la guerra, non sappiamo nemmeno più concepirla. E non è detto, aggiungiamo, che sia indizio di un bene. Nei manuali di sceneggiatura, alla base dei film che solitamente avvincono il pubblico, si legge che la verità sul personaggio emerge solo quando questo viene messo "sotto stress"; è quello il momento in cui inizia lo spettacolo, comico, tragico o eroico che sia. Eppure, non è detto che servano un’invasione aliena o un Putin atomico per indurre ognuno di noi a chiedersi che cosa sia ancora capace di volere, di difendere o di rifiutare fortemente.

Non sappiamo che cosa sognino, se sognano o desiderano qualcosa, la donna con i semi di girasole o i doganieri pronti a "pisciare sugli stivali" agli ufficiali di Putin. Nel nostro tempo in apparenza iper-informato, non sappiamo nemmeno se siano ancora vivi. Di certo, però, come il Montale di un secolo fa, a cavallo fra due guerre, possono dirci "ciò che non sono, ciò che non vogliono". A volte,

La storia, collettiva o individuale, s’inizia a fare con un "no", magari con un fiore ancora non nato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved