i-conti-sballati-di-putin
Smettila Putin! (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
18 ore

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
1 gior

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
3 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
3 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
4 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
4 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
5 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
5 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
6 gior

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
1 sett

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
laR
 
28.02.2022 - 05:15
Aggiornamento: 15:02
di Aldo Sofia

I conti sballati di Putin

Si aspettava una guerra lampo, ora affronta la resistenza ucraina, le sanzioni occidentali e un calo di leadership. Così rilancia con la minaccia nucleare

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Kiev non cade alla prima violenta spallata russa. Come, ovviamente, avrebbe preferito l’uomo del Cremlino. E come pronosticavano gli esperti di faccende militari. Invece, almeno per ora, gli ucraini reggono più del previsto. E qualche grattacapo cominciano a procurarlo a Vladimir Putin, il ‘geniale’ stratega insistentemente celebrato oltre Atlantico dall’irrecuperabile Trump.

In soli dieci giorni (mentre nelle città russe si formano lunghe code ai distributori bancomat, e finiscono in galera non pochi oppositori alla guerra) al Cremlino si è passati dal riconoscimento delle Repubbliche auto-proclamate indipendenti delle regioni russofone ribelli, all’entrata nel Donbass orientale dei primi reparti di Mosca, all’assedio non risolutivo della capitale, all’ordine di ‘offensiva generale’, alla decisione di allertare addirittura il dispositivo di sicurezza atomica. Non significa certo che la Russia rischi di perdere la guerra scatenata contro il Davide ucraino: non soltanto perché intatto rimane lo squilibrato rapporto fra le forze militari in campo, ma anche per la continuità territoriale su cui ora può contare l’esercito d’invasione.

Eppure qualche fessura si intravvede nella sicumera che veste la postura, le analisi, gli annunci dell’autocrate. Che non ha convinto i "fratelli" al di là del mitico fiume Dnepr a rigettarsi spontaneamente nelle braccia di Madre Russia; che ha definito il presidente Zelensky il capo di una banda di ‘drogati e neonazisti’; che ha inutilmente chiesto ai generali nemici di liberarsene con un colpo di Stato. E che ora accetta una trattativa senza precondizioni, naturalmente da tenersi in terra amica, quella del suo alleato bielorusso Lukashenko. Che se ne è uscito con il più inverosimile ma minaccioso dei moniti: "Le sanzioni occidentali spingono verso la guerra nucleare". Ma come, il ‘geniale’ non le aveva messe in conto? Non aveva tutto previsto? Non ha predisposto contromisure adeguate (magari attraverso ospitali canali finanziari alternativi cinesi) per neutralizzare l’esclusione (parziale) di banche russe dal circuito internazionale? E non dovrebbero essere un boomerang anche per le nostre economie?

Sta di fatto che quelle sanzioni – pur producendo i loro effetti solo tra settimane o mesi – potrebbero avere conseguenze molto pesanti sulla situazione di un Paese, la Russia, che ha la sua ricchezza principale e quasi esclusiva nell’esportazione di gas e petrolio, che ha investito molto del suo budget nelle spese militari, che ha una società fra le più diseguali fra i Paesi industrializzati, e il cui Pil pro-capite, a parità di potere d’acquisto, nell’anno pre-pandemico 2019 era appena al di sopra di quello della Bulgaria. E adesso c’è da sommare la fattura della guerra. Fattura salata. Nano economico ma potenza militare, si continua a ripetere della Russia. Ma anche questo è solo in parte vero. Mosca destina alla difesa 60 miliardi di dollari, gli Stati Uniti sono vicini agli 800 miliardi, la Cina è a 252, Germania, Francia e Italia insieme a 134 miliardi. Ma certo, la differenza la fa l’arsenale atomico. No, non è assolutamente un caso se a Mosca e a Kiev se ne parla apertamente. E minacciosamente. Al tavolo delle annunciate trattative (si dice insistentemente chieste a Mosca da Pechino), negoziati che si terrebbero al posto doganale bielorusso di Alexandrovka-Vilchha, le parti vogliono presentarsi ciascuna col massimo del loro peso negoziale. Gli ucraini con i risultati di una resistenza imprevista e con alle spalle le sanzioni occidentali. I russi anche col richiamo alla loro potenza nucleare. E non è un bel viatico.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
guerra mosca russia russiaucraina vladimir putin
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved