ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
1 gior

La scintilla e la prateria

Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
2 gior

Quel generale senza volto

Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
4 gior

Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce

Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
5 gior

L’amore non è un colpo di pistola

Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
6 gior

Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps

L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
1 sett

La realtà artefatta del Qatar

Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
1 sett

I guai di Letta (e del Pd)

La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
1 sett

Non perdere una guerra senza vincere la pace

In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett

Il partito delle donne e quello degli uomini

Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett

Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti

La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
laR
 
04.02.2022 - 05:30
Aggiornamento: 18:01

Lontani e contestati, ma pur sempre Giochi olimpici

Il timore della pandemia in una megalopoli di 24 milioni di abitanti e il boicottaggio diplomatico, ma anche una delegazione svizzera molto agguerrita

lontani-e-contestati-ma-pur-sempre-giochi-olimpici

Lontani, segregati, contestati, ma pur sempre Giochi olimpici. Organizzata in una megalopoli da 24 milioni di persone, in un contesto del tutto avulso dalla tradizione invernale, Pechino 2022 prenderà ufficialmente avvio oggi con la Cerimonia d’apertura (13.00 ora svizzera). Lontano dagli occhi, lontano dal cuore, verrebbe da dire. Perché in Europa, questa edizione a cinque cerchi sembra lasciare indifferenti i più. Forse perché maggiormente interessati a quelli che si spera siano gli ultimi colpi di coda della pandemia. E anche in Cina, ancor prima di competizioni, prestazioni e medaglie, la parola più gettonata è virus. Fiero del suo status di nazione Covid-free, il governo cinese ha allestito un dispositivo di sicurezza che dovrebbe permettere di contenere al minimo i contagi importati dall’estero, ma che fa dei Giochi una manifestazione segregata: assenza di pubblico straniero sugli spalti (soltanto qualche cinese selezionato), bolle ermetiche sui tre siti olimpici, nessun contatto tra la popolazione e le delegazioni, test Pcr come se piovesse. E le autorità hanno già fatto sapere che chi sgarra dovrà pagare. Tra temperature polari e controllo ferreo, per gli atleti e per i loro accompagnatori si prospettano due settimane “pesanti”.

Olimpiadi lontane, Olimpiadi segregate, ma anche Olimpiadi contestate. Inutile nascondersi dietro a un dito e fingere che la scelta di Pechino non sia stata controversa e divisiva. Il governo cinese porta indelebile sulla pelle l’infamante marchio della sistematica violazione dei diritti umani. La repressione attuata da settant’anni in Tibet e quelle più recenti degli uiguri nello Xinjiang e degli oppositori politici a Hong Kong non possono essere sottaciute. E alcuni governi, Stati Uniti in testa, hanno deciso di far sentire la loro voce attraverso l’unico canale a loro disposizione: il boicottaggio diplomatico. Ma allora, cosa bisognerebbe dire delle otto edizioni (tra inverno ed estate) organizzate in una nazione come gli Usa tuttora alle prese con gravi ingiustizie razziali? O dei Giochi invernali del 2014 a Sochi, in riva al mare e in una Russia fortemente criticata per l’autoritarismo del suo presidente (tre giorni dopo la chiusura, l’esercito di Mosca avrebbe preso possesso della Crimea)? Insomma: “Chi è senza peccato, scagli la prima pietra”. Ma si sa: è più facile vedere la pagliuzza nell’occhio di un altro che la trave nel proprio. Resta il fatto che, stavolta più che mai, il Cio si trova confrontato con una scelta difficile da difendere: concedere l’organizzazione a una nazione che viola i diritti umani e che non ha nemmeno la foglia di fico di una radicata tradizione invernale, è stato l’ennesimo abbaglio di una procedura di assegnazione che guarda soltanto all’aspetto finanziario.

Ma chiudiamo parlando anche di sport. Sì, perché le Olimpiadi sono principalmente una manifestazione sportiva. Tanto più che, svanito (purtroppo) il moto di solidarietà per tibetani e uiguri, tra quindici giorni ci ritroveremo tutti a fare il solito giochino: contare le medaglie per capire chi avrà vinto e chi avrà perso. E la delegazione rossocrociata ha tutte le carte in regola per lasciare il segno nei libri di storia dei Giochi. L’obiettivo fissato da Swiss Olympic è ambizioso: 15 medaglie come quattro anni fa a Pyeongchang. Ma sullo slancio di uno sci alpino che in questo inverno ha visto i colori rossocrociati trionfare un po’ ovunque, le premesse per un raccolto importante ci sono tutte.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved