manuele-bertoli-fiero-solitario-y-final
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
3 ore

Il disagio psichico e il circo Barnum dei social

Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
7 ore

Schröder, poltrone come matrioske

I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterranea della sedia incollata non ha confini
Commento
1 gior

L’eterno declino degli Usa

La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
1 gior

Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata

Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
2 gior

TiSin, la Lega e l’arte della fuga

I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
3 gior

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
4 gior

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
6 gior

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
6 gior

Stampa, di mordacchia in mordacchia

Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
1 sett

Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger

Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
1 sett

Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea

Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
laR
 
27.01.2022 - 05:30

Manuele Bertoli fiero, solitario y final

Il direttore del Decs è andato nel modo più nobile verso una sconfitta annunciata. Ricreazione finita per chi l’ha provocata, Plr in primis: ora riforme

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La decisione del Gran Consiglio di affossare la sperimentazione per il superamento dei livelli in terza media è una sconfitta politica cocente per il direttore del Decs Manuele Bertoli, che negli ultimi anni si è impegnato e speso a più riprese su questo tema. Una sconfitta, quella segnata dalla risicata maggioranza del parlamento, che segue quella popolare sulla riforma di più ampio respiro de ‘La scuola che verrà’ nel settembre 2018. A Bertoli va concesso l’onore delle armi. Ha lottato con fermezza, cercato in ogni modo di far passare un progetto a lui caro e che avrebbe voluto con tutto se stesso rendere bandiera del suo periodo in Consiglio di Stato. Non è andata così. E ieri quei pugni picchiati forte sul suo banco davanti alle ‘velate’ accuse mosse al suo Dipartimento di aver allestito un rapporto bugiardo sulla consultazione hanno mostrato un uomo solitario, confrontato con la bocciatura di un progetto cui ha legato gli ultimi anni in Consiglio di Stato, ma non ‘triste’ come nel romanzo di Osvaldo Soriano. Fiero, semmai. Anche davanti alla sconfitta. Gliene va dato atto.

Lo stop definitivo all’idea del Decs di superamento dei livelli, è però il punto di partenza per una riforma che deve assolutamente avere al centro la politica. Politica che nella sua larghissima maggioranza, a parole, in mesi e mesi di dibattito si è dichiarata a favore di questo passo. Ma sempre con la postilla del ‘non come proposto dal Decs’. Ebbene, per smentire la percezione di aver votato contro per semplice sentimento ostativo nei confronti del direttore del Decs e/o del Dipartimento tutto - comprese, sulla trasparenza, illazioni che senza prove rimangono tali -, e per non far pensare che il tutto per qualcuno sia solo mirato a riprendersi il Decs, adesso devono seguire proposte concrete.

Per il Plr, tra i principali oppositori nella consultazione, è stato finora sufficiente spiegare la propria proposta alternativa con riferimenti a “una differenziazione di parte dell’insegnamento, tra chi vuole un insegnamento più pratico rivolto agli aspetti tecnologici e applicativi, e chi invece preferisce il percorso più generalista e di approfondimento delle discipline tradizionali” come fatto dal presidente Alessandro Speziali intervistato dalla ‘Regione’ la settimana scorsa. Fino a quando il tabellone dell’aula si è riempito di pallini colorati e il rosso ha prevalso sul verde poteva andare bene. Ora si entra in una fase nuova, e il Plr per primo ha il compito di mostrarsi non ideologico e di presentare qualcosa più di un’opinione e di un concetto: una proposta pratica e concreta che tramuti il pensiero in azione diretta. Il Plr e chi ieri si è opposto alla sperimentazione biennale deve comunque fare i conti con buonissima parte del mondo studentesco e con i docenti che sostenevano la sperimentazione voluta dal Decs, assieme a un organo importante come la Conferenza cantonale dei genitori. “Siamo una voce ben presente nella scuola”, ci disse sempre Speziali. Lo dimostri, lui e il Partito liberale radicale, con un passaggio dalla contestazione costruttiva alla proposta concreta che non può prescindere da un punto di partenza.

‘Inclusione’ non è una parolaccia. Se è vero che il mondo del lavoro sta vivendo cambiamenti drastici e che quindi è importante che un giovane che esce dalla scuola sia già pronto per un impiego, è altrettanto vero che quando si pensa a istruzione e sbocchi lavorativi deve valere un principio totalmente liberale: le opportunità di partenza devono essere pari per tutti.

Leggi anche:

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

‘Siamo una delle voci della scuola, no alla sperimentazione’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
manuele bertoli plr scuola media superamento dei livelli
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved