i-casino-vacche-sacre-da-ma-prima-ancora-per-mungere
Ti-Press
“Faites vos jeux”
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
11 ore

Putin e l’effetto boomerang

Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
1 gior

I bastian contrari

Commento
1 gior

È tornato il Wef di lotta e di governo

Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
2 gior

Putin e l’arma della grande fame

Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
4 gior

Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai

La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
4 gior

Non è la panacea, ma proviamoci

La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
5 gior

Il disagio psichico e il circo Barnum dei social

Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
5 gior

Schröder, poltrone come matrioske

I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
6 gior

L’eterno declino degli Usa

La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
6 gior

Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata

Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
laR
 
25.01.2022 - 05:30

I Casinò, vacche sacre da (ma prima ancora per) mungere

Mentre a Locarno volano gli stracci in vista del rinnovo delle concessioni federali, passa in secondo piano il tema di chi l’azzardo lo paga a caro prezzo

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Alcuni anni fa il Casinò di Locarno aveva comunicato che un “fortunatissimo vincitore” aveva sbancato il Jackpot e si era portato a casa una cifra considerevole, superiore ai 250mila franchi. L’uomo, ammiccava la casa da gioco, era disposto a farsi intervistare. Se raccogliemmo l’invito e ci recammo in Largo Zorzi fu probabilmente perché in cronaca era giorno di magra.

L’atmosfera era spumeggiante. In una sala slot-machine pavesata a festa gli addetti marketing sfoderavano sorrisi soddisfatti, al limite della fierezza, come a dire “un nostro ragazzo ce l’ha fatta”. Il “ragazzo”, che era un uomo di mezza età, appariva come un campione stanco. C’era tutto, sul suo viso, tranne l’euforia che ci aspettavamo di trovare per una vincita tanto cospicua e inaspettata. Gli chiedemmo se fosse un cliente abituale, cosa aveva provato quando era partita la sirena che annunciava la vincita, cosa ne avrebbe fatto di tutti quei soldi. Rispose alle nostre domande non con fastidio – era una persona bene educata e in fondo eravamo lì per lui – ma con quello che a distanza di tempo ricordiamo come una sorta di malcelato imbarazzo.

Oggi in quegli stessi spazi della casa da gioco locarnese volano gli stracci. Dopo anni di tribolazioni riguardanti il rispetto del contratto fra le parti, Kursaal Locarno e la zurighese Ace Casinò Holding sono sul punto di rottura, o molto probabilmente già oltre. Mentre diceva di voler sedersi al tavolo delle trattative portando la Città di Locarno in qualità di nuovo azionista di maggioranza e interlocutore unico per la controparte, la società immobiliare verbanese in gran segreto si affacciava sul mercato, trovando un accordo con un’altra Holding dell’azzardo: la Stadtcasino di Baden.

Al rinnovo delle concessioni, qualora gli argoviesi ne ottenessero una anche per Locarno, cambierà dunque lo scenario. In meglio, dicono dalla Kursaal: Baden si sarebbe dimostrata seria, affidabile e sinceramente interessata a sostenere il tessuto locarnese tramite le canoniche elargizioni alle Fondazioni Cultura e Turismo. Insomma, tutto il contrario rispetto agli zurighesi, che dopo aver onorato questi stessi impegni per anni hanno infine accusato un netto calo della cifra d’affari e reagito mostrando una faccia diversa, prima erodendo fino ad azzerare i contributi ai progetti locali sostenuti dalle Fondazioni (a contratto, 400mila franchi all’anno ognuna) e poi autoconcedendosi sconti sul sontuoso affitto annuo – 1 milione di franchi – che in pratica regge interamente la Kursaal. Una cifra chiaramente fuori mercato, nell’immobiliare, ma che con ogni evidenza il contesto del gioco d’azzardo è (o quantomeno era) in grado di sostenere.

La domanda che tutti – il grande circo delle concessioni federali, la cosiddetta “economia locale” e probabilmente la stessa Kursaal, costituita dai Comuni – troppo raramente si pongono, è: “Sulle spalle di chi?”. La risposta ce l’aveva data il “fortunatissimo vincitore” vantato dal Casinò quasi fosse un trofeo conquistato dalla stessa casa da gioco nella sua battaglia contro le probabilità, il cui esito è tanto scontato da generare un’incoerente reazione di giubilo nel momento in cui viene persa. “Beh – ci aveva confidato l’uomo a intervista terminata –, con questi 250mila franchi esco praticamente in pari”. E mentre lo diceva, il Jackpot aveva già ricominciato a salire.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
casinò kursaal locarno
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved