ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
4 ore

La monarchia delle banane

Divieti assurdi, arresti e comici censurati: il lutto a oltranza del Regno Unito per Elisabetta II è sconfinato nella caricatura di dittature tropicali
Commento
1 gior

Plr, la candidatura di Alessandra Gianella è un guanto di sfida

Una lista forte da parte liberale radicale è uno sprone per tutte le forze politiche, perché la crisi morde e fuori dal Palazzo i timori si moltiplicano
Commento
2 gior

Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto

Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
2 gior

L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi

Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
3 gior

Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia

Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
5 gior

L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin

L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
5 gior

Ueli Maurer, lo statista riluttante

Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
6 gior

Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere

Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
15.01.2022 - 10:00
Aggiornamento: 31.01.2022 - 09:10

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione

una-regione-lunga-30-anni
Ti-Press

Nasce questo foglio modesto da un desiderio palpitante di amore per la nostra Locarno. Così scriveva l’Eco di Locarno, una delle due costole che hanno dato vita a laRegione trent’anni fa, in prima pagina il giorno della sua nascita. Era il 28 dicembre 1935, in un periodo storico complicato, nel bel mezzo di due devastanti lotte armate. Eppure era amore quello di informare e tenere vivo l’interesse in ciò che avveniva nell’amata plaga locarnese (così si legge) e oltre i suoi confini.

Se guardiamo fuori e leggiamo il giornale, anche questo mondo contemporaneo non è dei più rassicuranti. E come allora, anche oggi quel cosmo di decisioni giuste e sbagliate siamo noi, come vittime e carnefici delle piaghe dell’era moderna, della polarizzazione, della crisi sanitaria e di quella climatica, delle fake news, dell’impoverimento culturale e della spaccatura all’interno della nostra società.

Ma di nuovo oggi come allora l’amore per questo territorio, i suoi abitanti e la democrazia ci spinge ad adoperarci per continuare con forza a informare con la qualità che ci contraddistingue, per provare a migliorare ciò che ci circonda. Perché per avere consapevolezza nelle scelte che facciamo quotidianamente è necessario, se non fondamentale, coltivare dentro e intorno a noi uno sguardo critico e conoscitore.

E così cerchiamo di soddisfare questo nostro credo giornalmente con impegno da trent’anni sotto questo cappello, cercando di rappresentare al meglio laRegione della Svizzera Italiana.

Se il 14 settembre 1992 una nuova sinergia, tra l’Eco di Locarno e il Dovere (giornale anch’egli con una generosa storia alle spalle, fondato infatti nel 1878), ha dato vita a questo nuovo quotidiano, trent’anni dopo ci troviamo a celebrare l’anniversario per rinnovare e amplificare il nostro amore per la divulgazione.

Come per ogni compleanno che si rispetti afferriamo al volo quest’occasione non solo per stilare un bilancio su quello che è stato, ma anche iniziare nuove avventure e cominciare questo nostro futuro con un pizzico di fiducia in più.

In questo 2022 abbiamo intenzione, tra le altre cose, di farvi scoprire con occhi ludici e nuovi il nostro bel Ticino, farvi fare un viaggio all’interno della bellezza delle arti grafiche e pittoriche e dare voce all’approfondimento di temi essenziali, tra salute mentale, educazione, medicina e mondo digitale, grazie alla collaborazione con esperti che operano nel nostro cantone. E di più ancora. Ogni nostra iniziativa e proposta per l’anniversario, la potrete trovare sul nostro sito internet laregione.ch/30anni o più comodamente nella nostra app.

Come giovani trentenni, nel fiore degli anni e protratti verso ciò che sarà, continueremo a valorizzare e approfondire la vostra, nostra realtà, cogliendo ogni sfida come opportunità.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved