LA Kings
1
COL Avalanche
4
fine
(0-1 : 1-1 : 0-2)
Seattle Kraken
3
SJ Sharks
2
fine
(0-1 : 2-0 : 1-1)
VEGAS Knights
4
MON Canadiens
3
fine
(1-1 : 1-1 : 1-1 : 1-0)
l-afghanistan-e-il-dilemma-delle-sanzioni
Keystone
Una situazione che sta diventando sempre più drammatica
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 ora

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
1 gior

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
2 gior

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
3 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
3 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
4 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
5 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
6 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
1 sett

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
 
03.01.2022 - 05:300

L’Afghanistan e il dilemma delle sanzioni

Il regime di Kabul ha mostrato da tempo il suo vero volto. L’embargo internazionale rischia però di colpire solo la popolazione inerme

Un nodo gordiano, in cui entrano in gioco questioni etiche, diplomatiche, i diritti umani e il diritto alla vita tout court. È lì in bella vista davanti ai nostri occhi: come trattare il regime di Kabul? Se ancora sussistesse il seppur minimo dubbio sulla sua natura, ci hanno pensato gli stessi seminaristi coranici a fugarlo mettendo in piedi un governo monocolore pashtun (l’etnia a cui appartengono e che identificano come una sorta di ‘razza superiore’) con tanto di ‘wanted’ per terrorismo, facendo scomparire centinaia di oppositori e decretando di nuovo che la condizione delle donne deve situarsi in una zona limitrofa tra la tradizione più retrograda e la schiavitù.

Parassitaria e totalmente dipendente dagli aiuti internazionali, l’economia afghana è collassata in pochi giorni. L’embargo internazionale è solo scalfito da qualche apertura (fondi della Banca mondiale per il Programma alimentare mondiale, risoluzione Onu per sbloccare gli aiuti d’urgenza). Come evitare un dramma su vasta scala (la denutrizione potrebbe colpire oltre la metà della popolazione) senza al tempo stesso sostenere i talebani? La questione delle sanzioni non ha storicamente mai trovato risposte univoche. Il ‘bloqueo’ con il quale gli americani hanno cercato di strangolare Cuba sin dalle espropriazioni delle aziende straniere decise da Che Guevara nel 1960, malgrado alcune concessioni sul fronte dei medicinali e dei prodotti alimentari, si è rilevato uno strumento perverso che ha colpito ben più la popolazione che il regime. All’opposto troviamo l’esempio sudafricano: l’embargo deciso negli anni 80 dall’Onu (ripetutamente violato nel campo delle armi, del nucleare, dell’oro dalle lobby elvetiche in costante luna di miele con i leader bianchi boeri) era stato chiesto dall’African National Congress di Mandela e ha consentito l’abbattimento del regime dell’Apartheid, isolato su scala mondiale, in particolare dopo il voto del Congresso statunitense.

Se oggi i nordcoreani non sorridono non è unicamente a causa del recente divieto di ridere o sogghignare per undici giorni imposto da Kim Jong-un: le sanzioni che mirano a contrastare il massiccio riarmo del Paese, colpiscono indirettamente e pesantemente tutta la popolazione. Alla vexata quaestio sull’Afghanistan un editorialista del New York Times risponde senza andarci per le lunghe: i talebani vanno trattati come dei paria. Nessun aiuto o riconoscimento finché non rispetteranno i diritti umani. I diritti umani però li disprezzano, si sono già rimangiati tutte le promesse (governo inclusivo, parità dei diritti uomo-donna). E dunque? In alcune località la situazione è estrema, villaggi interi che fanno la fame mentre si moltiplicano notizie di bimbe vendute da famiglie sprofondate nella povertà (tradizionalmente la dote è portata dalla famiglia dello sposo, le future spose costituiscono di riflesso un capitale ragguardevole). Possiamo invocare il rispetto dei diritti umani col rischio di contribuire a un’ulteriore tragedia? No, risponde un editoriale del quotidiano Le Monde: quello dei talebani è un ignobile regime, ma non vi è scelta. Il dubbio però rimane perché un cataclisma economico farebbe vacillare il governo. Eppure vi è almeno una certezza: mai come ora gli aiuti d’urgenza attraverso le Ong appaiono vitali. Vanno riavviati senza esitazione alcuna. Al più presto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved