al-consiglio-della-magistratura-non-resta-che-dimettersi-subito
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
7 ore

L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’

Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
1 gior

Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij

Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
1 gior

Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese

Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
3 gior

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
4 gior

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
6 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
6 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
1 sett

Le conseguenze della guerra

Commento
1 sett

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
1 sett

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
laR
 
16.12.2021 - 05:15
Aggiornamento: 15:37

Al Consiglio della magistratura non resta che dimettersi. Subito

Credibilità azzerata. Anche il Tribunale d’appello sconfessa l’operato del Cdm nella procedura di rinnovo delle cariche al Ministero pubblico

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il suo operato è stato sconfessato dapprima dal Gran Consiglio, poi dalla Commissione di ricorso sulla magistratura e ora dal Tribunale d’appello. Tre sonore bacchettate al Cdm, il Consiglio della magistratura, che la dicono lunga sulla procedura da esso adottata lo scorso anno in vista del rinnovo delle cariche al Ministero pubblico. Una procedura claudicante, per usare un eufemismo, sfociata negli impietosi e indecenti giudizi con cui si era espresso negativamente sulla rielezione di cinque procuratori. Poi riabilitati e riconfermati dal parlamento, autorità di nomina di pp e giudici, dietro indicazione della maggioranza (netta) della sua commissione ‘Giustizia e diritti’, che aveva fra l’altro accertato – sulla base del parere giuridico chiesto all’ex presidente del Tribunale federale Rouiller – la violazione da parte del Cdm di un diritto fondamentale, quello di essere sentito.

Tre bocciature, nel giro di un solo anno (sic!), che dovrebbero indurre i membri del Consiglio della magistratura, segretario/coordinatore organizzativo compreso, a dimettersi. Subito. Senza quindi attendere la scadenza del mandato (31 dicembre 2022). A maggior ragione dopo la sentenza, resa nota ieri dal portale ‘Liberatv’, con la quale il Tribunale d’appello priva il Cdm, guidato dal giudice Werner Walser, di ogni residua credibilità.

Il recente verdetto, che accoglie l’istanza di ricusa presentata da uno dei cinque pp nei confronti del Consiglio della magistratura, contiene critiche pesanti al Cdm. “Il Consiglio della magistratura – sottolinea a pagina 13 il Tribunale d’appello – ha dimostrato di non aver voluto prendere atto della portata del suo ruolo nella procedura di rielezione dei magistrati e, di conseguenza, della gravità della violazione del diritto di essere sentito, che aveva inficiato la procedura stessa, come pure delle conseguenze che essa poteva avere sulla posizione professionale degli interessati. Invece di garantire i diritti procedurali, spettanti a un magistrato confrontato con la concreta prospettiva di non essere rieletto proprio a causa del suo ‘preavviso’ (del Cdm, ndr), ha preferito sminuire il rilievo attribuito dalla legge allo stesso Consiglio, per giustificare la violazione dei diritti in questione”. Alla luce di queste e altre considerazioni, come può questo Cdm – organo, stabiliscono Costituzione cantonale e Legge sull’organizzazione giudiziaria, tenuto a vigilare, anche con poteri disciplinari, sul (corretto) funzionamento dell’apparato giudiziario ticinese – restare in carica? Questo Consiglio della magistratura è stato completamento sfiduciato. Per il bene e per l’immagine delle istituzioni, si faccia allora al più presto da parte.

Aveva dunque visto giusto, richiamando le parole della sua presidente Sabrina Aldi, la commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ nel non dar seguito ai preavvisi negativi del Cdm riguardanti le (ri)candidature dei cinque pp. E aveva visto giusto anche “certa stampa” (‘laRegione’ inclusa), per citare le infelici parole del vulcanico presidente del Tribunale penale cantonale, mittente, in occasione di quel tribolato rinnovo delle cariche al Ministero pubblico, degli inopportuni messaggi via WhatsApp al procuratore generale su alcuni candidati. Adesso però la ‘Giustizia e diritti’ dovrebbe cercare di elaborare in tempi brevi un progetto di regolamento chiaro per il Consiglio della magistratura. Nel contempo dovrebbe riflettere sulla composizione del Cdm, valutando l’eventuale introduzione di nuovi criteri di incompatibilità affinché anche certe logiche partitiche non abbiano (più) il sopravvento nell’organo di vigilanza.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cdm magistratura tribunale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved