ULTIME NOTIZIE Opinioni
Il commento
10 ore

Minchia signor Zelensky

Perché Sanremo è Sanremo, ma non è e non potrà mai essere soltanto musica. Per fortuna
IL COMMENTO
1 gior

L’altra battaglia nel cuore di Mosca

Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
2 gior

Da Guzmán a Messina Denaro

Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
il commento
3 gior

Tornato Netanyahu, tornate le stragi

Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
5 gior

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
5 gior

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
6 gior

Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?

Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
1 sett

Carri armati a mezzanotte

La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
1 sett

Le parole della politica (sono importanti)

La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
1 sett

La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa

L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
laR
 
16.12.2021 - 05:15
Aggiornamento: 15:37

Al Consiglio della magistratura non resta che dimettersi. Subito

Credibilità azzerata. Anche il Tribunale d’appello sconfessa l’operato del Cdm nella procedura di rinnovo delle cariche al Ministero pubblico

al-consiglio-della-magistratura-non-resta-che-dimettersi-subito
Ti-Press

Il suo operato è stato sconfessato dapprima dal Gran Consiglio, poi dalla Commissione di ricorso sulla magistratura e ora dal Tribunale d’appello. Tre sonore bacchettate al Cdm, il Consiglio della magistratura, che la dicono lunga sulla procedura da esso adottata lo scorso anno in vista del rinnovo delle cariche al Ministero pubblico. Una procedura claudicante, per usare un eufemismo, sfociata negli impietosi e indecenti giudizi con cui si era espresso negativamente sulla rielezione di cinque procuratori. Poi riabilitati e riconfermati dal parlamento, autorità di nomina di pp e giudici, dietro indicazione della maggioranza (netta) della sua commissione ‘Giustizia e diritti’, che aveva fra l’altro accertato – sulla base del parere giuridico chiesto all’ex presidente del Tribunale federale Rouiller – la violazione da parte del Cdm di un diritto fondamentale, quello di essere sentito.

Tre bocciature, nel giro di un solo anno (sic!), che dovrebbero indurre i membri del Consiglio della magistratura, segretario/coordinatore organizzativo compreso, a dimettersi. Subito. Senza quindi attendere la scadenza del mandato (31 dicembre 2022). A maggior ragione dopo la sentenza, resa nota ieri dal portale ‘Liberatv’, con la quale il Tribunale d’appello priva il Cdm, guidato dal giudice Werner Walser, di ogni residua credibilità.

Il recente verdetto, che accoglie l’istanza di ricusa presentata da uno dei cinque pp nei confronti del Consiglio della magistratura, contiene critiche pesanti al Cdm. “Il Consiglio della magistratura – sottolinea a pagina 13 il Tribunale d’appello – ha dimostrato di non aver voluto prendere atto della portata del suo ruolo nella procedura di rielezione dei magistrati e, di conseguenza, della gravità della violazione del diritto di essere sentito, che aveva inficiato la procedura stessa, come pure delle conseguenze che essa poteva avere sulla posizione professionale degli interessati. Invece di garantire i diritti procedurali, spettanti a un magistrato confrontato con la concreta prospettiva di non essere rieletto proprio a causa del suo ‘preavviso’ (del Cdm, ndr), ha preferito sminuire il rilievo attribuito dalla legge allo stesso Consiglio, per giustificare la violazione dei diritti in questione”. Alla luce di queste e altre considerazioni, come può questo Cdm – organo, stabiliscono Costituzione cantonale e Legge sull’organizzazione giudiziaria, tenuto a vigilare, anche con poteri disciplinari, sul (corretto) funzionamento dell’apparato giudiziario ticinese – restare in carica? Questo Consiglio della magistratura è stato completamento sfiduciato. Per il bene e per l’immagine delle istituzioni, si faccia allora al più presto da parte.

Aveva dunque visto giusto, richiamando le parole della sua presidente Sabrina Aldi, la commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ nel non dar seguito ai preavvisi negativi del Cdm riguardanti le (ri)candidature dei cinque pp. E aveva visto giusto anche “certa stampa” (‘laRegione’ inclusa), per citare le infelici parole del vulcanico presidente del Tribunale penale cantonale, mittente, in occasione di quel tribolato rinnovo delle cariche al Ministero pubblico, degli inopportuni messaggi via WhatsApp al procuratore generale su alcuni candidati. Adesso però la ‘Giustizia e diritti’ dovrebbe cercare di elaborare in tempi brevi un progetto di regolamento chiaro per il Consiglio della magistratura. Nel contempo dovrebbe riflettere sulla composizione del Cdm, valutando l’eventuale introduzione di nuovi criteri di incompatibilità affinché anche certe logiche partitiche non abbiano (più) il sopravvento nell’organo di vigilanza.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved