ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
13 ore

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
1 gior

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
2 gior

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
2 gior

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
3 gior

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
3 gior

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
5 gior

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
6 gior

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
6 gior

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
1 sett

Il grande ricatto di Putin

Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
1 sett

Valera è la cosa giusta

Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
laR
 
15.12.2021 - 05:30
Aggiornamento: 17:13

Il pragmatismo bernese e le vane velleità ticinesi

L’accordo sulla fiscalità dei frontalieri tra Svizzera e Italia è in via di ratifica. Il primo sì quasi unanime degli Stati parla da solo

di Generoso Chiaradonna
il-pragmatismo-bernese-e-le-vane-velleita-ticinesi
Ti-Press

Gli accordi si fanno in due, se no non sono tali. Compreso quello sulla tassazione dei frontalieri che ha avuto un iter a dir poco tortuoso. Anni di tira e molla sia da parte italiana, sia da quella svizzera (più dal lato ticinese, a dire la verità) soprattutto nella fase negoziale che è poi stata seguita da uno stallo, se non da vero e proprio gelo, diplomatico. L’intesa tecnica era di fatto firmata o meglio parafata già da anni (dal 2015), ma mancava il sigillo ministeriale che è arrivato solo poco prima della vigilia di Natale dello scorso anno. Fu il consigliere federale Ignazio Cassis, sceso personalmente a Bellinzona, ad annunciare l’avvenuta firma a Roma per conto di Ueli Mauer, titolare dello spinoso dossier fiscale.

Un accordo cercato da anni da parte ticinese che voleva rivedere l’intesa del 1974. Quest’ultima, dopo l’entrata in vigore della libera circolazione delle persone, era di fatto obsoleta imponendo la tassazione dei lavoratori frontalieri italiani solo sul territorio svizzero e riversando ogni anno il 38% del prelievo fiscale all’Italia che lo girava poi, attraverso un meccanismo di trasferimento interno, ai Comuni prossimi alla frontiera con la Svizzera.

Gli obiettivi ticinesi erano almeno tre: superare questa procedura; trattenere una quota più elevata di imposte alla fonte e cercare di rendere il mercato del lavoro transfrontaliero più equo, evitando che il differenziale fiscale esistente tra i due Paesi incentivi l’assunzione di lavoratori frontalieri a salari più bassi. Quell’accordo, lo ricordiamo, si applicava (in realtà continuerà a essere applicato ancora per i ‘vecchi’ frontalieri) ai soli lavoratori residenti nella fascia di venti chilometri dal confine con la Svizzera. Per gli altri, quelli residenti oltre i venti chilometri, queste regole non sono mai state prese in considerazione. All’Italia, di contro, interessava ristabilire la parità di trattamento tra i suoi contribuenti. Obiettivi sulla carta raggiunti, visto che dalla futura entrata in vigore dell’accordo ognuna delle parti in causa otterrà quanto desiderato: il Ticino più gettito (a regime, decine di milioni di franchi in più l’anno), l’Italia ritroverà la sovranità fiscale su tutti i suoi contribuenti, compresi i frontalieri, e la Svizzera, intensa come Confederazione, ristabilirà un dialogo diplomatico sereno e costruttivo con uno dei suoi principali partner commerciali. Concetti, questi ultimi, ribaditi pragmaticamente anche dal Consigliere federale Ueli Maurer durante il dibattito di ratifica al Consiglio degli Stati rispondendo a Marco Chiesa, presidente del suo partito il quale chiedeva – unico in tutto l’emiciclo – che l’accordo con l’Italia fosse sospeso*. L’iter proseguirà al Nazionale e un processo analogo è in corso al parlamento di Roma. Chiesa lamentava l’assenza del libero accesso al mercato italiano per gli operatori finanziari svizzeri e il mantenimento da parte di Roma della Svizzera in una lista nera. La proposta di sospensione del democentrista ha trovato il sostegno solo dei senatori del suo partito* (34 a 7 e due astenuti). Il che è significativo del peso politico a Berna di alcune – velleitarie – istanze ticinesi.

A dir la verità le speranze della piazza finanziaria si aggrappavano a una vaga promessa inserita nella ‘road map’ italo-svizzera che ha preceduto il negoziato sulla fiscalità dei frontalieri. Si trattava però di un documento di buona volontà non vincolante diplomaticamente. Berna lo sapeva, il Ticino non se n’è ancora reso conto.

*) NdA. Questo commento è stato modificato in quanto in una precedente versione c’erano delle imprecisioni: Marco Chiesa ha chiesto la sospensione della ratifica e non la bocciatura dell’accordo. Sospensione respinta sì, ma appoggiata dal gruppo Udc agli Stati (34 a 7 e due astenuti).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved