Seattle Kraken
4
FLO Panthers
3
3. tempo
(0-1 : 3-2 : 1-0)
VAN Canucks
1
STL Blues
2
2. tempo
(1-1 : 0-1)
il-brusco-risveglio-nella-storia-infinita
Keystone
Parmelin e Berset durante la conferenza stampa a Berna
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
7 min

Lo gnomo spendaccione

Commento
2 gior

L’eterno ritorno di Hillary Clinton e la mozione Paul Newman

Gli analisti politici del Wall Street Journal suggeriscono ai democratici di candidare di nuovo l’ex first lady per un’eventuale sfida a Trump nel 2024
Commento
3 gior

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
4 gior

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
5 gior

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
6 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
6 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
1 sett

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
1 sett

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
1 sett

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
 
01.12.2021 - 05:300
Aggiornamento : 17:02

Il brusco risveglio nella storia infinita

Déjà vu: dopo aver temporeggiato ora Berna si dice pronta ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus

Che la situazione stesse degenerando anche da noi era chiaro da almeno due settimane. I segnali di un netto peggioramento sul fronte epidemiologico arrivavano sia dall’interno, sia dai Paesi confinanti. C’era stato in primis il grido di allarme di Angela Merkel in Germania: “Qui la situazione è drammatica”, disse, per poi correre ai ripari con l’inasprimento delle misure tese a contenere la diffusione del virus. In parallelo l’Austria: anche lì, numeri di contagi e ricoveri schizzati alle stelle, tanto da rendere doveroso l’intervento del governo di Schallenberg che aveva decretato prima un lockdown per i non vaccinati – in seguito esteso a tutti –, e poi l’obbligatorietà del vaccino a partire da febbraio 2022. Pure la Francia e l’Italia si sono mosse con l’introduzione dei super Green pass e l’incremento della pressione sulle fasce di popolazione restie alla vaccinazione. In Svizzera invece a prevalere è stato l’attendismo del Consiglio federale.

Ieri abbiamo finalmente assistito al brusco risveglio del governo, un po’ alla Bill Murray nel ‘Giorno della marmotta’. Uno “shock” riconducibile alla nuova variante Omicron, secondo il presidente della Confederazione Guy Parmelin. Ora, alla luce delle misure messe in consultazione dal governo, la critica che si potrebbe rivolgere all’esecutivo appare scontata: era davvero opportuno aspettare così a lungo prima di riprendere in mano la situazione? Berna, nelle settimane precedenti, aveva cercato d’incoraggiare i Cantoni ad adottare singolarmente le misure che avessero ritenuto più adeguate, in base all’evoluzione della pandemia nella propria regione. Strategia che era stata contestata dai direttori cantonali della sanità, i quali chiedevano il ripristino della regia federale per fronteggiare questa nuova ondata.

Nei giorni che hanno preceduto il referendum andato in scena domenica scorsa, ciò che si poteva leggere tra le righe era la scarsa volontà del Consiglio federale di prendere nuove decisioni, in qualche modo impopolari, alla vigilia del voto sulla legge Covid. E ciò probabilmente a causa del timore di andare a sollecitare ulteriormente le sensibilità dei contrari alla gestione governativa della pandemia, mettendo a rischio l’esito della votazione. Tant’è che per motivi “strategici” si è perso un tempo che più avanti potrebbe risultare prezioso in termini di vite umane. Perché in fondo è questo il punto: le misure che ora Berna si dice pronta ad adottare (“misure molto meno rigide rispetto all’inverno scorso”, secondo il ministro della sanità Alain Berset), previa consultazione lampo con i Cantoni, non hanno altro scopo se non quello di preservare la salute della popolazione.

Resta il fatto che sono ormai quasi due anni che conviviamo con questo flagello. Stanchi di sentire parlare di varianti e restrizioni lo siamo tutti. Se la si pensa da un punto di vista storico, però, si tratta in realtà di un tempo piuttosto breve. Un giorno, stiamone certi, sui libri di scuola si racconterà di questo periodo particolare vissuto dall’umanità. Quello che sarebbe importante ricordarsi è che i nostri comportamenti odierni non solo aiuteranno a lasciarci la pandemia alle spalle. La nostra capacità (o meno) di agire responsabilmente, in quanto collettività, condizionerà anche il modello di società che andrà a configurarsi una volta che il coronavirus sarà soltanto un brutto ricordo. Purtroppo, le prospettive allo stato attuale sono poco rassicuranti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved