ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
4 ore

L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin

L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
4 ore

Ueli Maurer, lo statista riluttante

Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
1 gior

Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere

Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
2 gior

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
3 gior

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
4 gior

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
4 gior

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
4 gior

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
5 gior

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
1 sett

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
1 sett

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
laR
 
02.12.2021 - 05:30
Aggiornamento: 17:29

Non c’è bisogno di dichiarare guerra al Natale

No, l’Unione europea non ha messo fuori legge il Natale. Ha solo ricordato a tutti che viviamo in una società sempre più complessa e sempre meno religiosa

di Ivo Silvestro
non-c-e-bisogno-di-dichiarare-guerra-al-natale
Archivio Ti-Press

Ormai fa parte del rito come il presepe, Babbo Natale e i regali sotto l’albero: la polemica sul “Buone feste” al posto del “Buon Natale”, accompagnata dalla denuncia di una guerra al Natale e ai valori cristiani. Quest’anno a dare il via è un documento dell’Unione europea, una raccomandazione a uso interno per i dipendenti della Commissione europea – uno strumento un po’ deboluccio per condurre guerre culturali, va detto – nella quale tra le altre cose si ricorda la banalità che non si può dare per scontato che l’interlocutore festeggi il Natale o che lo festeggi il 25 dicembre (per alcune chiese ortodosse si deve attendere gennaio). C’era poi anche la raccomandazione a non usare espressioni come “nome di battesimo” (che probabilmente figura ormai solo nei registri parrocchiali), solo che in inglese si dice “Christian Name” e così alcuni politici sovranisti – mostrando o ignoranza o malafede, vedete voi cosa è peggio – se ne sono usciti che l’Europa vuol dichiarare fuori legge i nomi cristiani come Maria.

La risposta a queste polemiche pretestuose non può che essere che sì, è in corso una guerra al Natale ma a dar il via alle ostilità è stato il Natale, invadendo con le sue decorazioni buona parte del mese di novembre: la sua avanzata va fermata a ogni costo, altrimenti ci troviamo abeti con le palle ad agosto.

Ma questa risposta va bene per chi le famose radici cristiane le concepisce come utili a farci randelli da usare in politica. Per fortuna il dibattito non si limita a loro e richiede quindi qualche riflessione in più.

Iniziamo da una banalità: se oggi è il compleanno di Reto, sarà il suo amico Urs a fargli gli auguri; il contrario – il festeggiato Reto che augura “buon compleanno” a Urs – sarebbe bizzarro. Certo, a differenza di anniversari e compleanni il Natale è una festività pubblica, ma lo è anche Chanukkah, la Festa delle luci ebraica che si tiene proprio in questi giorni e che, guardando ai rapporti interconfessionali, vede il non-ebreo fare gli auguri all’ebreo, non il contrario. Se non sappiamo a chi andrà il nostro augurio, come è il caso di un biglietto d’auguri, un generico “Buone feste” è la soluzione più semplice ed educata (e adottata, da tempo, da numerose aziende e organizzazioni internazionali). Se poi un “Buon Natale” scappa o lo si vuole proprio usare, poco male: come detto quella europea è una raccomandazione a uso interno e che è stata pure ritirata in attesa di una versione rivista. La Polizia del pensiero se ne rimane ancora confinata nel romanzo di Orwell.

Il punto più importante è che non c’è bisogno di dichiarare “guerra al Natale”: per l’erosione della religione basta sedersi e aspettare. Limitandoci alla Svizzera, nel 1970 cattolici e protestanti rappresentavano il 90 per cento della popolazione e chi si professava senza appartenenza religiosa era intorno all’1 per cento. Oggi questi ultimi sono circa il 28 per cento mentre i cristiani, anche includendo le altre comunità, arrivano a poco più del 60 per cento. Molti dei quali è sinceramente difficile considerare credenti, e non per la mancata conoscenza di qualche dogma ma perché non credono nell’esistenza di un unico Dio (circa un quarto dei cristiani afferma di credere semplicemente “in una sorta di forza superiore” e abbiamo anche una buona percentuale di agnostici e persino atei). In questo processo, le istituzioni non sono l’avanguardia che guida l’avanzata della società, anzi: gioca perlopiù in retroguardia. Basta guardare alle discussioni sull’insegnamento religioso a scuola.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved