polo-sportivo-a-lugano-siamo-in-zona-cesarini
ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
1 ora

Putin e l’arma della grande fame

Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
2 gior

Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai

La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
2 gior

Non è la panacea, ma proviamoci

La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
2 gior

Il disagio psichico e il circo Barnum dei social

Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
3 gior

Schröder, poltrone come matrioske

I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
4 gior

L’eterno declino degli Usa

La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
4 gior

Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata

Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
5 gior

TiSin, la Lega e l’arte della fuga

I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
6 gior

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
laR
 
23.11.2021 - 05:30

Polo sportivo a Lugano, siamo in zona Cesarini

È grande l’attesa per l’esito del referendum, una sorta di esame per il Municipio, mentre volge al termine l’agguerrita campagna verso il voto

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

C’è grande inquietudine e tanta apprensione a Lugano per il responso inappellabile delle urne sul Polo sportivo e degli eventi (Pse). Mancano pochi giorni a domenica 28 novembre quando si saprà se la popolazione di Lugano autorizzerà la concretizzazione del progetto. Finalmente. La campagna è stata quantomai intensa tra i sostenitori e i contrari. A tratti, è parsa una battaglia ideologica caratterizzata da un’aggressività esagerata a suon di colpi bassi sui social e pure in strada: come non ricordare le minacce subite da chi raccoglieva le firme per il referendum e la lista nera con i nomi dei consiglieri comunali critici sul tema. Entrambe le parti, o sarebbe meglio dire fazioni, hanno fatto valere le proprie posizioni, ribadite ripetutamente, tanto che, forse, una tale cacofonia ha generato più confusione che chiarezza. L’unica cosa su cui tutti sono d’accordo è la necessità delle infrastrutture sportive. A creare spaccature incolmabili, sono invece le modalità di realizzazione, gli oneri a carico dell’ente pubblico e quindi della cittadinanza e soprattutto l’accordo di partenariato pubblico privato.

È un banco di prova importante, una sorta di esame, per il Municipio di Lugano e per la maggioranza politica che, nel marzo scorso, ha approvato l’operazione. Una sconfitta nella partita delle urne domenica prossima rappresenterebbe un duro colpo alla credibilità dell’esecutivo, in questo già travagliato inizio di legislatura, con l’inchiesta penale sulla demolizione di un edificio dell’ex macello ancora aperta e senza risposte chiare su chi ha chiamato le ruspe la notte fra il 29 e il 30 maggio scorsi. Una sconfitta che, secondo i favorevoli, implicherebbe il rifare daccapo le procedure per lo stadio e il palazzetto, mentre verrebbe sconfessato il lavoro decennale dell’autorità cittadina. L’argomento Pse è stato sviscerato in tutte le salse e ha creato divisioni e grosse discussioni anche in alcuni partiti, in particolare nei socialisti e nel Partito liberale radicale. Come spesso succede nelle votazioni, rischiano di prevalere ragioni di pancia rispetto a quelle di testa. Eppure, in gioco c’è un progetto che ha coinvolto l’intera squadra municipale e che mira a rivoluzionare il comparto di Cornaredo, dal punto di vista architettonico, urbanistico e viario. Anche per questa ragione, non solo per l’entità dei costi dell’operazione, è giusto che sia la popolazione ad avere l’ultima parola in questo esercizio di democrazia diretta. L’esito del referendum, comunque finisca, avrà effetti concreti da subito: l’avvio o lo stop al cantiere.

L’auspicio è che la partecipazione sia massiccia e nettamente superiore a quella dell’ultimo referendum, che nel giugno del 2011 chiamò la cittadinanza di Lugano alle urne sul progetto di riqualifica della foce del fiume Cassarate. Allora, furono soltanto il 32,7% degli aventi diritto al voto a esprimersi. La scelta del Municipio e della maggioranza del Consiglio comunale prevalse con il 50,1% dei consensi, poco più di un centinaio di voti. Il risultato sul Pse rischia di essere altrettanto tirato anche stavolta, con uno scarto minimo tra vincitori e perdenti, in un confronto che potrebbe decidersi in zona Cesarini. Non è però il caso di fare paragoni. La portata della decisione che verrà presa domenica appare ben più significativa rispetto a quella di dieci anni fa.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lugano municipio polo sportivo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved