il-mendrisiotto-e-basso-ceresio-e-i-santi-in-paradiso
Spina nel fianco (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
La formica rossa
12 ore

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
14 ore

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
14 ore

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
2 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
2 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
3 gior

La normalizzazione dell’indecenza

Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
3 gior

Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego

Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
3 gior

Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto

Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
4 gior

La diplomazia del ping Peng

Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici
Commento
5 gior

Poveri infermieri, eroi usa e getta

Investire nella formazione senza migliorare le condizioni di lavoro è come versare acqua in una brocca bucata
Commento
6 gior

Polo sportivo a Lugano, siamo in zona Cesarini

È grande l’attesa per l’esito del referendum, una sorta di esame per il Municipio, mentre volge al termine l’agguerrita campagna verso il voto
Commento
 
13.11.2021 - 05:300

Il Mendrisiotto e Basso Ceresio e i santi in paradiso

La regione rischia di abdicare al proprio futuro davanti al progetto della terza corsia dinamica tra Lugano e Mendrisio

In politica a quanto pare serve ancora avere dei ‘santi in paradiso’. Il riferimento, va da sé, è a quegli agganci assai poco celestiali – per la serie ‘scherza con i fanti e lascia stare i santi’ –, ma molto terreni che sanno aprire le porte giuste ai piani alti delle istituzioni. Ebbene il Mendrisiotto sembra proprio esserne privo (oggi più di ieri) visto come sta andando con il progetto PoLuMe, il piano per potenziare la tratta autostradale tra Lugano e Mendrisio. Per creare una terza corsia dinamica – convertendo quella di emergenza – con poteri anti-ingorgo, con il corredo di gallerie da ampliare e nuovi svincoli – a Grancia e Melano – da costruire, si è disposti a spendere quasi due miliardi di franchi – peraltro ancora da stanziare formalmente –: una cifra imponente, nulla da dire. Ma non sempre è solo una questione di investimenti. Non consola neppure sapere che dopo il raddoppio del Gottardo – con i costi siamo lì – questa sarà la più grande opera messa in cantiere dalla Confederazione in territorio ticinese. Il punto non è questo.

Una regione ha bisogno anche di essere ascoltata e capita; e in questo caso non è successo. Non per nulla cresce il numero di persone che nel Mendrisiotto e Basso Ceresio sarebbero pronte a rinunciare all’opera e all’investimento, in altre parole al ‘regalo’ calato dall’alto. Soprattutto perché questo ha il sapore di un ‘dono’ avvelenato. Il sacrificio territoriale che comporta intervenire sull’asse dell’A2 appare a molti spropositato a fronte della promessa di ridurre il carico di traffico sulle strade cantonale e locali. Ha un bel dire il sindaco di Melano Daniele Maffei che davanti all’Ufficio federale delle strade (Ustra) si è “fatto buon viso a cattivo gioco”. E che a ben vedere PoLuMe è ascrivibile alla categoria “progetto ambientale”. In tutta onestà l’impressione che si ricava scorrendo il dossier è tutt’altra. Mettere l’aggettivo “ambientale” – ovvero ‘proprio di un determinato ambiente’, Treccani alla mano – accanto ai piani per potenziare un’autostrada, moltiplicando le corsie – a Melano c’è chi ne ha contate undici – e costringendo a demolire delle abitazioni e a spostare un cimitero (quello di Maroggia), suona per lo meno stonato.

Come si è fatto capire mercoledì sera nell’aula consiliare di Melano – con il legislativo in seduta straordinaria –, ci si aspettava più coraggio e che le autorità locali riuscissero a strappare qualcosa di più e di meglio da Cantone e Confederazione. Ci sarebbero volute le conoscenze giuste in alto loco (si legga anche a Palazzo federale) da portare al tavolo di sasso di un grotto, si è fatto capire quasi candidamente e con un po’ di rassegnazione dallo scranno del Municipio. Come dire che è così che in certe parti del Ticino si portano a casa progetti e fondi per realizzarli. A dirla tutta con il PoLuMe pure il Cantone non ha aiutato la regione a spuntare condizioni migliori. Lo stesso direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali – per sua stessa ammissione all’esecutivo – non se l’è sentita di alzare la posta: era “politicamente non opportuno” in questo frangente, ha motivato.

Il Mendrisiotto e Basso Ceresio rischia, insomma, di essere ‘immolato’ sull’altare di altri dossier (tipo il collegamento A2-A13 nel Sopraceneri). Qualcuno direbbe: ‘È la politica bellezza’. Eppoi, si ammicca, in contropartita ci sono sempre il prosieguo verso sud del tracciato autostradale in galleria e AlpTransit: realtà o miraggi? Chi vivrà, vedrà. Qui e adesso c’è già chi (purtroppo) alza le mani.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved