tassa-base-sui-rifiuti-a-bellinzona-e-scappata-la-pazienza
ULTIME NOTIZIE Opinioni
La formica rossa
11 ore

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
13 ore

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
13 ore

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
2 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
2 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
3 gior

La normalizzazione dell’indecenza

Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
3 gior

Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego

Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
3 gior

Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto

Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
4 gior

La diplomazia del ping Peng

Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici
Commento
5 gior

Poveri infermieri, eroi usa e getta

Investire nella formazione senza migliorare le condizioni di lavoro è come versare acqua in una brocca bucata
Commento
6 gior

Polo sportivo a Lugano, siamo in zona Cesarini

È grande l’attesa per l’esito del referendum, una sorta di esame per il Municipio, mentre volge al termine l’agguerrita campagna verso il voto
Commento
 
10.11.2021 - 05:300
Aggiornamento : 10:10

Tassa base sui rifiuti, a Bellinzona è scappata la pazienza

Il Municipio anziché tagliare col passato e rifarsi sui cittadini, avrebbe potuto attendere l’esito dell’iniziativa parlamentare o ricorrere al Tram

Il rincaro, Consiglio comunale volendo, che dal 2022 colpirà tutte le economie domestiche di Bellinzona raddoppiando da 80 a 150 franchi annui la tassa base dei rifiuti e raggiungendo così il tetto massimo previsto, vede il nuovo Municipio in carica da questa primavera operare, senza la dovuta pazienza, un taglio col passato e con gli intendimenti pre-aggregativi. Rinnovato per tre settimi e senza più Christian Paglia che per un decennio ha gestito il settore nettezza urbana, l’Esecutivo si distanzia dalle modalità adottate durante la prima legislatura della nuova Bellinzona; modalità sfociate soltanto tre anni fa nell’adozione del regolamento unico in vigore dal gennaio 2019 con tanto di tassa sul sacco identica nei 13 quartieri (1,30 franchi per quello di 35 litri, il massimo previsto dal governo cantonale). In soldoni, l’anno prossimo gli introiti della tassa sul sacco rimarranno invariati a 1,4 milioni e quelli della tassa base esploderanno dagli attuali 2,4 milioni a 4,2 (+1,8 milioni).

Un taglio col passato, si diceva. Nell’autunno 2018, quando gli si chiedeva quale strategia avesse pianificato il Municipio sul lungo termine in materia di rifiuti, Paglia parlava di «ottimizzazioni», non di tassa base portata alle stelle. «I livelli previsti dal gennaio 2019 – spiegava a nome dell’Esecutivo – sono stati pensati per consentire una copertura del 75-80% dei costi; il restante 20-25% rimane a carico del Comune. E poiché – proseguiva Paglia – l’obiettivo teorico, stabilito dalla Legge federale sulla protezione dell’ambiente, è la copertura al 100% delle spese tramite tassa base e sul sacco, sarà necessario in futuro introdurre delle ottimizzazioni». Pena far esplodere la tassa base. «Incrementi – sottolineava ancora Paglia – che non rientravano negli intendimenti aggregativi, quando si era stabilito che i costi a carico del cittadino, in questo settore, sarebbero rimasti invariati nella media complessiva». Già.

Il regolamento oggi in vigore è stato votato nel dicembre 2018 dal Cc aderendo al compromesso suggerito dalla Commissione della Gestione. Sulla copertura dei costi al 77%, anziché al 100% come indicato dalla Legge cantonale di applicazione della Legge federale sulla protezione dell’ambiente, tutti d’accordo nel dire che il Consiglio di Stato abbia fissato una tassa sul sacco troppo bassa, mentre la tassa base non può correggere lo squilibrio laddove a pesare è il principio di causalità. Restando sotto l’80% di copertura si voleva insomma mirare a migliorare il servizio per ridurre le spese e l’impatto ambientale. Spese rimaste invece invariate oscillando dai 6,64 milioni del consuntivo 2019 ai 6,4 del preventivo 2022.

Ora, è imperativo raggiungere la piena copertura? Molto dipende da come s’interpreta la Legge di applicazione cantonale, laddove sancisce che “l’ammontare delle tasse incassate deve di principio corrispondere a quello delle spese sostenute”. Quel ‘di principio’ suggerisce prudenza. E ad ogni modo recuperando con la tassa base il 30% oggi mancante poiché pagato con le imposte, a rigor di logica il moltiplicatore d’imposta dovrebbe poter scendere del 2% passando dal 93 al 91%. A ‘complicare’ il tutto la decisione governativa di fine settembre che abbassa il costo massimo del sacco di 35 litri da 1,30 a 1,20. Conseguenza: ai Comuni che già applicano il massimo mancheranno risorse che cercheranno nella tassa base. Decisione governativa seguita in ottobre dall’iniziativa parlamentare Ermotti Lepori che chiede di lasciare l’autonomia ai Comuni nel determinare tassa sul sacco e di base. Bellinzona, quale gesto di cortesia verso i propri cittadini, avrebbe insomma potuto pazientare. Oppure, come il Tribunale federale ha sancito nel novembre 2018 respingendo il ricorso di Caslano, appellarsi al Tribunale amministrativo cantonale contro l’abbassamento a 1,20 deciso dal governo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved