le-balene-in-centro-a-bellinzona
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Le avanguardie cullate, la culla delle avanguardie

Una riflessione a margine delle mostre locarnesi entrambe al femminile appena conclusesi a Casorella e al Castello Visconteo
Commento
1 gior

L’ombelico del mondo (con un grosso scheletro nell’armadio)

Ex Macello, un anno dopo: Lugano non diventerà mai una città con la C maiuscola fin quando non avrà imparato a convivere con il conflitto e la divergenza
Commento
2 gior

Corsia per i Tir nel Mendrisiotto, quando la misura è colma

Nel Distretto spiazzano l’agire dell’autorità federale e il silenzio del Cantone. E monta la voglia di un’azione di protesta
L’analisi
2 gior

Il pacifismo, i valori assoluti e il ‘dilemma del carrello’

Risolvere l’esperimento noto come ‘trolley problem’ mette in crisi certe pretese di superiorità morale
Commento
4 gior

Putin e l’effetto boomerang

Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
5 gior

I bastian contrari

Commento
5 gior

È tornato il Wef di lotta e di governo

Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
6 gior

Putin e l’arma della grande fame

Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
1 sett

Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai

La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
1 sett

Non è la panacea, ma proviamoci

La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
1 sett

Il disagio psichico e il circo Barnum dei social

Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
laR
 
05.11.2021 - 05:30
Aggiornamento : 13:40

Le balene in centro a Bellinzona

Anni fa i murales erano espressione di disagio giovanile, oggi abbelliscono le città. Perché non promuoverli maggiormente nei centri urbani?

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Perché nasconderli nei sottopassaggi, relegarli a squallidi muri sotto i ponti o in zone discoste e poco visibili? In molti casi i murales sono delle vere e proprie opere d’arte a cielo aperto. Non sono più sintomo di degrado, oggi la street art connota l’apertura culturale delle città che la ospitano. Se fino agli anni Novanta i giovani “graffitari” erano additati come la massima espressione del disagio giovanile, oggi questo tipo di arte è molto più tollerata e apprezzata, ci sono artisti che vengono ingaggiati da ogni angolo del mondo per dare un tocco di colore e prestigio a superfici più o meno grandi e talvolta addirittura a facciate di grattacieli. Un bell’esempio è l’opera che sta portando a termine in questi giorni a Bellinzona Mona Caron, artista ticinese da 25 anni residente a San Francisco che abbiamo intervistato (cfr. ‘laRegione’ del 26 ottobre) e che ha realizzato un imponente murale sulla facciata di una palazzina privata in zona Semine. Il fiore dipinto, un’immensa euforbia, abbellisce e caratterizza l’intero stabile. Questa artista ha realizzato disegni su edifici in California (dove quest’arte è molto popolare), in Asia, America latina, passando per New York, Svezia, Spagna, Francia e Svizzera. Recentemente è stata anche intervistata dalla Bbc per un immenso murale realizzato a Jersey City, sulla facciata di un palazzo di 23 piani, alto 75 metri, per un’area di duemila metri quadrati. Insomma, questo genere di arte suscita interesse e sono in molti a volerne un po’ nel contesto urbano in cui vivono. Del resto esiste anche un turismo di appassionati che non si perde un’opera di Banksy e viaggia proprio alla scoperta dell’arte urbana.

E allora perché non colorare anche qualche anonimo muro ben in vista in centro a Bellinzona? Basti pensare alla grigia piazza del Sole, in particolare agli elementi di cemento posti sopra l’entrata dell’autosilo. Queste opere hanno la capacità di attirare un pubblico diverso, soprattutto giovanile. Pensiamo a Lugano, dove il progetto Arte Urbana ha portato la street art in pieno centro, con opere di grandi dimensioni, o ancora alle balene realizzate dai ticinesi Christian Rebecchi e Pablo Togni, in arte Nevercrew. Abbiamo peraltro la fortuna di avere degli ottimi artisti in casa nostra.

A Bellinzona un tentativo si era fatto, prima dell’aggregazione, con il progetto poi naufragato intitolato “The Walls”, un po’ di colore lo aveva portato ad esempio sulla parete della caserma dei pompieri che era stata dipinta. Ma ora che la Città è più grande e ci sono anche più pareti a disposizione, ci vorrebbe nuovo slancio. L’esempio della palazzina privata in zona Semine potrebbe essere il punto di partenza. A Locarno i primi passi sono stati mossi, la Città ha commissionato l’intervento di street art a tre artisti che hanno realizzato i loro murales sulla passerella che attraversa la T21 e porta al Fevi. Nel Mendrisiotto non c’è un vero e proprio progetto di arte urbana promosso dalla Città, se non la possibilità che viene data ai frequentatori del centro giovani di poter dipingere su un muro appositamente adibito allo scopo e messo loro a disposizione. Sarebbe bello se i Comuni stessi sostenessero questo tipo di arte favorendo la nascita di opere sul territorio, dando spazio di espressione agli artisti, senza commissionare loro il genere di opera e imponendo dei temi. Perché non osare, anche Bellinzona può avere le sue balene in centro città. Perché l’arte è libertà e come tale deve potersi esprimere come meglio crede. Ma l’arte è anche bellezza e come tale deve poter essere visibile e non nascosta sotto terra o sotto un ponte.

Leggi anche:

Mona Caron e la riconquista della natura degli spazi urbani

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arte bellinzona murales street art
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved