un-tonno-da-475-milioni-di-dollari-per-credit-suisse
Keystone
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
13 ore

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
13 ore

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
1 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
1 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
2 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
2 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
3 gior

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
4 gior

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
Commento
5 gior

Ha vinto solo Marine Le Pen

La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi
Sguardo a Nord
1 sett

Casa dolce casa

laR
 
23.10.2021 - 05:30

Un tonno da 475 milioni di dollari per Credit Suisse

Altra tegola sulla reputazione della banca, dopo il crack miliardario della Greensill Capital della scorsa primavera

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Un salasso da 475 milioni di dollari, quello a cui è stato sottoposto Credit Suisse dalle autorità statunitensi e britanniche questa settimana. Una transazione extragiudiziale per risolvere il caso di corruzione e frode da due miliardi di dollari in cui la seconda banca svizzera era coinvolta in Mozambico, mentre la sua controllata negli Usa si è dichiarata colpevole del reato di cospirazione a New York. Insomma, l’ennesimo smacco reputazionale per l’istituto di credito che è alle prese con un difficile riorientamento strategico dopo il caso Greensill Capital che costò – la scorsa primavera – alcuni miliardi di franchi, tra perdita diretta nel fallimentare investimento speculativo e il tracollo della capitalizzazione di Borsa che ne seguì. A oggi l’azione di Credit Suisse è quotata a meno di 10 franchi, tanto che è diventata una facile preda di eventuali acquirenti.

I risvolti del caso Mozambico sono da manuale del truffatore. Le accuse statunitensi e britanniche riguardavano quasi un miliardo di dollari – sui due in totale – frutto in prevalenza di prestiti della Banca mondiale e donazioni di governi stranieri nell’ambito dell’aiuto allo sviluppo, tra cui anche la Svizzera. Questa somma è stata ‘riconfezionata’ – tra il 2013 e il 2016 – in strumenti di debito piazzati sul mercato obbligazionario internazionale con promesse di rendimento stratosferico (8,5% l’anno) dagli esperti della filiale britannica di Credit Suisse. Il ricavato è stato investito in due società pubbliche del Mozambico attive nella pesca del tonno: la ProIndicus Sa ed Empresa Moçambicana de Atum Sa. Gran parte dei proventi sono invece finiti in tangenti spartite fra tre ex banchieri di Credit Suisse e alcuni funzionari del governo del Mozambico. Le imprese si sono rivelate fallimentari tanto da costringere lo stesso Stato a ripianare le perdite. Un furto in grande stile (200 milioni l’illecito profitto) ai danni dei più deboli.

Una figuraccia mondiale per Credit Suisse che si aggiunge alla recente tirata di orecchie, tutta nazionale, della Finma, l’Autorità svizzera di vigilanza sui mercati finanziari, per un altro caso: il pedinamento di suoi ex dirigenti. Dall’indagine è infatti emerso che l’istituto, nel periodo tra il 2016 e il 2019, aveva pianificato sette pedinamenti, gran parte dei quali sono stati poi effettuati. Nel mirino c’erano membri della direzione in Svizzera e altri ex collaboratori, nonché soggetti terzi all’estero. Una vicenda grottesca sorta da una lite di vicinato tra l’ex Ceo Tidjane Thiam e Iqbal Khan, all’epoca capo del settore wealth management di Credit Suisse in procinto di passare, nella stessa funzione, alla concorrente Ubs. Una vicenda imbarazzante, dicevamo, se non fosse che nel frattempo uno dei detective ingaggiati si è suicidato.

Secondo il rapporto della Finma, le modalità di pianificazione e svolgimento dell’attività di pedinamento hanno messo in luce “notevoli carenze” a livello di buon governo d’impresa. Nella maggior parte dei casi sono state prese decisioni in merito ai pedinamenti in modo informale e senza una motivazione plausibile. Inoltre, sono state emesse in modo grossolano e saldate fatture per le spese sostenute. In un caso, una fattura è stata modificata a posteriori per occultare le spese relative a un pedinamento. Insomma, prassi che non si addicono di certo a una società quotata che chiede la fiducia di investitori e risparmiatori diretta da manager molto ben pagati e teoricamente meglio preparati dell’ultimo degli impiegati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
credit suisse greensill capital mozambico
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved