ANA Ducks
1
MIN Wild
2
fine
(0-0 : 1-1 : 0-1)
svizzera-che-par-solo-una-transizione
+1
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 ora

Il giovane Holden, il Ticino Club e ‘allora le foibe?’

Molino, lavoro, TiSin: a ogni casino che scoppia in questo cantone, i responsabili rispondono parlando d’altro
Commento
1 gior

Il ‘Back in the U.S.S.R.’ di Morisoli e Pamini

Il piano quinquennale dell’Udc: ridurre le tasse ai più abbienti e raggiungere l’equilibrio fiscale a suon di tagli. Ipocrisia? No, lotta distributiva
La formica rossa
2 gior

La volpe, il principe e la truffa del falso nipote

Una storia triste che dimostra come in Ticino, quando si affaccia un emulo di Tewanna Ray, c’è sempre qualcuno che ci casca
Commento
3 gior

I luoghi comuni certificati Unesco

La lista dei patrimoni immateriali era nata per salvare culture morenti, ma da qualche tempo entrano pizze, tango, baguette e chiacchiere all’aperto
La formica rossa
3 gior

Calo demografico, parlare di salari è così brutto?

Di soluzioni dalla politica se ne sentono di ogni: fantasiose o più concrete. Basterebbe pagare stipendi dignitosi, al netto di tante chiacchiere
IL RICORDO
4 gior

Il ‘monello’, uno degli ultimi tenori

Alex Pedrazzini ha dato il meglio di sé come consigliere di Stato, alla testa del Dipartimento delle Istituzioni
Commento
4 gior

‘Sciur padrun’ di ieri e di oggi

Dalle mondine in poi i tempi non sono cambiati. Non quando si parla di lavoro e salari degni come capita nel Mendrisiotto
Commento
5 gior

La sfida polacca

Varsavia rilancia il ‘Polexit’ con una sentenza del suo Tribunale costituzionale. Ma la stragrande maggioranza dei cittadini vuole restare nell’Ue
Commento
1 sett

La doppia morale di San Saviano da Facebook

Il recente blackout dei social ha portato tanti a criticare le piattaforme sulle piattaforme stesse, generando paradossali cortocircuiti
Commento
1 sett

Lugano, tandem Foletti-Badaracco: sia davvero una svolta

Pur legittima la candidatura di Quadri, appare sensata la decisione della maggioranza del Municipio sul vicesindacato. Si rifletta ora in azioni concrete.
Commento
 
07.10.2021 - 05:300

Svizzera, che par solo una transizione

È come se il discorso intavolato per sette anni con Vladimir Petkovic fosse stato interrotto sul più bello. In attesa della Nazionale di Yakin

Smarrimento e incredulità: la sensazione era questa, all’inizio, una volta materializzatosi uno scenario che non era nei programmi, né nelle previsioni. È come se il discorso intavolato per sette anni con Vladimir Petkovic fosse stato interrotto sul più bello. “Ma come? Andavamo così bene”. Sull’onda lunga di un successo di portata storica quale i quarti di finale di un Europeo, tutto si poteva ipotizzare, tranne che l’artefice di cotanta impresa sportiva decidesse di chiamarsi fuori, scegliendo di non godersi gli effetti benefici di un percorso che avrebbe dovuto arrivare a compimento ai Mondiali del prossimo anno, nel momento di massima espressione calcistica dei senatori del gruppo e di completa maturazione di chi nel frattempo ha integrato il gruppo rossocrociato assicurandone il futuro ad alti livelli, pur contribuendo già al suo presente.

La sensazione permane questa. Nonostante l’iniziale incredulità per una partenza tutto fuorché annunciata che ha privato la Nazionale di un punto di riferimento attorno al quale si era compattata fino a ottenere risultati clamorosi quanto storici, sia stata soppiantata dalla fiducia che è giusto accordare a chi è stato invitato a salire non sul carro dei vincitori, bensì su un treno in corsa, con tutte le difficoltà del caso. Su tutte, quella di confermarsi a certi livelli. Esercizio ben più complicato che salirci.

“Ma sì, dai, vediamo come va con Murat”, ci siamo detti. Del resto, Vlado ha fatto la sua scelta, gli allenatori vanno e vengono, la Nazionale resta. Avanti il prossimo, secondo una logica non propria solo allo sport, disciplina che però questo principio lo applica con una cadenza sovente esagerata.

E come sta andando? Benino, dai, ma nulla più. L’impressione, o meglio la sensazione che si ricava, è che Yakin si ritrovi al centro di una fase di transizione, più che all’alba di un nuovo ciclo. È come se pagasse il prezzo della brusca e inattesa interruzione di un percorso che non è il suo, nel cuore di un “momentum” senza grandi picchi emotivi e tecnici. Di quelli che, per contro, hanno caratterizzato la precedente gestione. Come se il Mondiale invernale del prossimo anno fosse una tappa - che lo si raggiunga o meno - verso un obiettivo più lontano nel tempo, una volta calibrata la Nazionale sul nuovo allenatore. Il quale se l’è ritrovata per le mani costruita da un altro e senza il tempo per farla davvero propria.

Non che Yakin non abbia cercato di dare la sua impronta, ma è come se non fosse sbocciato l’amore in tutte le sue declinazioni: passione, coinvolgimento, emozioni, per intenderci. Vuoi perché i rossocrociati sono quelli, elemento più, elemento meno; vuoi anche perché i risultati non sono stati straordinari, al netto delle assenze di peso che lo hanno privato di alcune pedine di uno scacchiere che Petkovic aveva sempre occupato con tutti i pezzi migliori. Benino, appunto. Ma manca qualcosa.

Sono 33 i rossocrociati finora convocati da Yakin. I soli Cédric Zesiger e Sandro Lauper non erano mai stati chiamati da Petkovic. Diciassette dei ventiquattro giocatori in ritiro a Losanna hanno preso parte agli Europei. Sarebbero di più, senza le note assenze di peso (Xhaka e Seferovic su tutte). Non si può che parlare di continuità. Il limite forse è proprio in questo concetto. Nuovo? No, già visto. Un colpo alle emozioni. Una transizione. In attesa della Svizzera di Yakin.

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved