COB Jackets
2
PIT Penguins
3
3. tempo
(2-2 : 0-0 : 0-1)
CAR Hurricanes
5
NY Rangers
3
3. tempo
(2-0 : 3-1 : 0-2)
NY Islanders
2
ARI Coyotes
0
1. tempo
(2-0)
Detroit Red Wings
3
DAL Stars
3
2. tempo
(1-1 : 2-2)
CHI Blackhawks
0
MIN Wild
3
1. tempo
(0-3)
ANA Ducks
TB Lightning
04:00
 
Seattle Kraken
STL Blues
04:00
 
VAN Canucks
FLO Panthers
04:00
 
rimborsi-per-legittima-difesa-aridaje
(La Nove)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
21 ore

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
1 gior

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
2 gior

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
3 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
4 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
4 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
6 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
6 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
1 sett

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
1 sett

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
 
18.09.2021 - 05:300

Rimborsi per legittima difesa, aridaje

Per colpa di un condizionale mancante bisogna rivotare un’iniziativa che non sta in piedi. Prima i promotori facevano i duri, ora le povere vittime

Non stava in piedi allora, non sta in piedi oggi. L’iniziativa sui rimborsi delle spese legali nei casi di legittima difesa resta quel che era l’anno scorso, quando la si bocciò una prima volta. Ovvero un testo mal scritto, che apre le porte alla discriminazione tra chi viene assolto per legittima difesa e chi per ragioni differenti. Nel primo caso si pretende infatti di garantire un rimborso completo di tutte le spese legali, anche ad avere Cicerone come avvocato; quanto a tutti gli altri, si arrangino: dovranno accontentarsi come sempre di un’indennità forfettaria. Una disparità di trattamento che riguarda sì pochi casi al decennio, ma rischia comunque di scontrarsi con la Costituzione e il diritto federale. A questo proposito non attacca la spericolata argomentazione secondo la quale si tratterebbe di casi speciali perché l’imputato è anche vittima (di un’aggressione): qualsiasi innocente può essere considerato anche vittima d’un torto.

Ma come siamo arrivati a questo secondo giro di giostra? Il pasticcio è sorto per via d’un condizionale mancante: nell’opuscolo sulla votazione il Consiglio di Stato – che era e resta contrario all’iniziativa – ha presentato la disparità di trattamento e il conflitto col diritto superiore all’indicativo della certezza, invece che come un rischio assai concreto. Rispondendo a un ricorso, il tribunale federale ha quindi contestato l’informazione “non oggettiva” e “in parte tendenziosa”, col risultato che ora bisogna votare di nuovo. Nota bene: a Losanna non è stato chiesto di entrare nel merito dei possibili conflitti della norma con le leggi federali, che infatti non ha in alcun modo escluso.

La querelle sul libretto rappresenta una figuraccia non solo per l’esecutivo cantonale, ma anche per il Gran Consiglio – esplicitamente criticato dal Tribunale federale per non avere “esaminato compiutamente” la disparità di trattamento –, per i servizi giuridici del Cantone e per la Cancelleria. Peccato, perché questi errori forniscono ottimi pretesti a un antielitismo già fin troppo diffuso, al punto che gli stessi arruffapopolo che se la prendono col ‘potere’ ne sono ormai pietra d’angolo.

La speranza dei promotori è che questo scivolone riesca a ribaltare un esito già tirato: a febbraio dell’anno scorso i ‘no’ vinsero per 426 schede. Ma la loro battaglia non mira solo all’interpolazione nel diritto d’una norma sbilenca e discriminatoria. La prima tornata era stata l’occasione per fomentare i giustizieri di casa nostra con compiaciute scenette pulp, immediatamente ribattute dalle solite redazioni: il laido stupratore – ovviamente straniero – che s’acquatta ai giardinetti, l’invasore dell’elvetico salotto da sgominare eroicamente e così via, nonostante le norme per stabilire quando la difesa è legittima restino immutate anche in caso di ‘sì’. Ora invece, complice l’errore del governo, è il momento giusto per un altro gioco assai diffuso: fare le povere vittime per raccattare consensi. Ha già versato calde lacrime per “l’ora più buia per la democrazia diretta in Ticino” il primo firmatario che ci ha trascinato in quest’operetta (per inciso, lo stesso convinto che lo Stato islamico sia a un passo dalla conquista di Corippo).

Eppure stavolta il dibattito è rimasto tiepido ovunque, perfino su ‘Mattino’ e portalini limitrofi. Probabilmente oggi, tra pandemia e altri oggetti in votazione, ci sono altre priorità. Oppure, dai e dai, ci si stufa di riscaldare minestre scadenti e perdere tempo su proposte scalcagnate. Speriamo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved