direttiva-anti-molestie-non-comunicata-uno-sgarbo-istituzionale
L'ora delle domande... (foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
8 ore

L’eterno declino degli Usa

La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
20 ore

Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata

Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
1 gior

TiSin, la Lega e l’arte della fuga

I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
2 gior

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
3 gior

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
5 gior

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
5 gior

Stampa, di mordacchia in mordacchia

Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
6 gior

Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger

Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
1 sett

Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea

Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
1 sett

Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’

Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
Commento
1 sett

Due miliardi in più all’esercito, senza sapere bene per cosa

Il Consiglio nazionale approva l’aumento del budget delle forze armate senza garanzie su come verranno spesi i soldi né sulla loro provenienza
laR
 
07.09.2021 - 05:30
Aggiornamento : 07:32

Direttiva anti-molestie non comunicata: uno sgarbo istituzionale

La mancata informazione da parte del governo al parlamento dell'entrata in vigore delle nuove regole nell'Amministrazione lascia basiti e solleva interrogativi

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La vicenda ha dell'incredibile. In ogni caso dell'inammissibile. Da qualche anno il Gran Consiglio è alle prese con il delicatissimo tema delle molestie sessuali e del mobbing nell’Amministrazione cantonale dopo il caso giudiziario dell’ex funzionario del Dipartimento sanità e socialità riconosciuto colpevole di reati sessuali a danno di una ragazza - la sentenza è ora definitiva. Ci sono le scuse alle vittime formulate a nome dello Stato dal giudice di primo grado, ci sono dibattiti e numerosi atti parlamentari. C’è chi ha chiesto l’istituzione di una Commissione parlamentare d'inchiesta, bocciata dal Gran Consiglio. Istanza poi rinnovata in seguito alla sentenza d’Appello che riconosce il già collaboratore del Dss colpevole non solo di coazione sessuale, ma pure di violenza carnale.

Nonostante tutto questo, il Consiglio di Stato non ha ritenuto di avvisare il parlamento di aver elaborato e posto in vigore - il 1. luglio di quest’anno - una Direttiva contro le molestie sessuali e il mobbing nell’Amministrazione. Di quei 21 articoli, che rimpiazzano la decina piuttosto scarna introdotta nel settembre 2003, i deputati sono stati informati venerdì scorso dalla ‘Regione’. Il primo a cadere dal pero è stato Michele Guerra, presidente della sottocommissione che sta trattando la richiesta bis di istituzione di una Cpi. E il disappunto manifestato da Guerra è senz’altro condivisibile.

Una sgarbo istituzionale, c’è poco da dire. Involontario? Sia come sia è legittimo chiedersi se il governo cantonale non decida e agisca con le porte e le finestre blindate. E perché il cancelliere dello Stato, il cosiddetto sesto consigliere, non ha considerato opportuno sollecitare i cinque ministri a trasmettere quella Direttiva al Gran Consiglio, affinché fosse agli atti della sottocommissione? 

E a questo punto le possibilità sono due: tale silenzio o è figlio di un grande imbarazzo da parte del Consiglio di Stato nel trattare pubblicamente il tema delle molestie dopo quanto avvenuto, o è una clamorosa leggerezza. In ogni caso siamo di fronte a un silenzio ingiustificabile. Perché l’imbarazzo, innanzitutto, non avrebbe alcuna ragione di esistere nel caso in cui non ci fosse alcun timore che le richieste di audit esterni (con domande e valutazioni esterne, non a gestione interna) o di Cpi possano portare a esiti preoccupanti. E perché, nel caso in cui fossimo confrontati con una leggerezza, la domanda su come in Consiglio di Stato (e in Cancelleria) interpretino il dialogo tra diversi livelli istituzionali si pone con forza. È sul loro tavolo che sono giunte, da tempo, interrogazioni, interpellanze, mozioni sul tema abusi. Erano seduti al loro posto nell’aula del Gran Consiglio quando le discussioni generali, i botta e risposta sull’istituzione della Cpi e i dibattiti sulle risposte ad atti parlamentari (in alcuni casi non-risposte) hanno avuto luogo. Stabilire nuove direttive, vincolanti, che comportano un discreto passo in avanti rispetto alle vetuste e desuete direttive di ormai quasi vent’anni fa e non informare il Legislativo viene osservato, da fuori, con preoccupazione.
Perché il vero sgarbo è stato fatto nei confronti della cittadinanza. Con il coinvolgimento emotivo che ha avuto l’opinione pubblica sul tema molestie e mobbing, sarebbe stato lecito aspettarsi la convocazione di una conferenza stampa per illustrare le novità davanti a taccuini, telecamere e popolazione. La scelta è stata non informare nemmeno i suoi rappresentanti in Gran Consiglio. Una scelta grave e che lascia basiti. 

Leggi anche:

Ex funzionario condannato anche per stupro

Ex funzionario Dss, niente Commissione d'inchiesta

Molestie sessuali e mobbing, ecco la nuova Direttiva del governo

Direttiva anti molestie non comunicata, lo sconcerto dei deputati

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio di stato mobbing molestie sessuali
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved