cure-ospedaliere-i-punti-critici-della-disparita
La riforma della Lamal costa al Ticino tra i 100 e i 130 milioni di franchi l’anno (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
2 gior

L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate

Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
3 gior

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
4 gior

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
5 gior

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
5 gior

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
6 gior

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 sett

L’Ucraina e le ambiguità del Papa

Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett

È il carovita, bellezza!

La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett

Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’

‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett

Taiwan, sdraiata su una mina

La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
laR
 
27.08.2021 - 05:30
Aggiornamento: 16:19
di Fabio Dozio

Cure ospedaliere, i punti critici della disparità

La libera scelta dei mandati in ambito sanitario permette ai privati di puntare su pratiche redditizie, lasciando gli interventi con forti perdite all'Eoc

Perché i cittadini contribuenti devono ingrassare gli azionisti delle cliniche private? La revisione della Legge federale sull’assicurazione malattie, entrata in vigore nel 2012, ha introdotto un vero e proprio cambio di paradigma per quanto riguarda il finanziamento delle cure ospedaliere. Con la riforma non vi è più distinzione fra ospedali pubblici e cliniche private, a condizione che queste ultime siano autorizzate. Tutti, indistintamente, ricevono sussidi.

“L’idea centrale della revisione – spiega l’Ufficio federale della sanità pubblica – è intensificare la concorrenza tra gli ospedali, grazie a una maggiore trasparenza e una maggiore libertà di scelta per gli assicurati”. In sostanza questa riforma costa al Ticino tra i 100 e i 130 milioni di franchi l’anno. Soldi, è bene ricordarlo, che appartengono ai cittadini. Si può discutere se la concorrenza in ambito sanitario sia proficua per il paziente. Molti indicatori sostengono il contrario, per esempio: ridurre i costi potrebbe peggiorare la qualità delle cure.

Il vero problema della Legge federale, e della relativa pianificazione ospedaliera cantonale, è che introduce una concorrenza distorta e perniciosa, perché penalizza il settore pubblico e favorisce il privato. I punti critici della disparità sono diversi. La libera scelta dei mandati in ambito ospedaliero permette ai privati di puntare su pratiche che garantiscono un buon reddito, lasciando gli interventi con forti perdite finanziarie all’ente pubblico. Il plafonamento del finanziamento pubblico crea costi supplementari all’Ente Ospedaliero Cantonale, che non può rifiutare pazienti, come invece possono fare le cliniche private. E ancora: la formazione di medici e infermieri è assunta quasi totalmente dall’Eoc, così come l’offerta di strutture sanitarie nelle regioni periferiche.

A queste condizioni, il risultato è ineluttabile. L’Eoc è penalizzato perché deve assumersi costi non finanziabili, mentre le cliniche private possono realizzare profitti perché scelgono le attività che rendono di più. Insomma: stessi diritti, ma non stessi doveri!

Come si giustifica che il finanziamento pubblico, con i soldi dei contribuenti, invece di andare a beneficio della qualità delle cure, finisca nelle tasche degli azionisti? Che ne dicono i paladini del libero mercato, sempre pronti a criticare le spese dello Stato? Facile essere imprenditori privati foraggiati con pubblico denaro. Siamo forse di fronte a “parassiti” che incassano opportunisticamente?

L’Associazione per la difesa del servizio pubblico ritiene che questa concorrenza sleale debba essere corretta e chiede che le forze politiche “si accordino per formulare un’iniziativa cantonale da sottomettere alle autorità federali, con la quale richiedere una modifica della LAMal che sospenda il finanziamento delle cliniche private e che assicuri una migliore copertura dei costi degli ospedali pubblici”.

Significative e allarmanti le dichiarazioni del direttore della Clinica Luganese, che a proposito del rilancio della Clinica Santa Chiara, appena acquisita da Moncucco, afferma: “Siamo a Locarno con la volontà di garantire un servizio di interesse pubblico come quello sanitario, ma, elemento fondamentale, senza avere la pressione di dover massimizzare il profitto”.

Consolante, il contribuente paga profitti, ma non massimizzati, ai privati. Con buona pace del no profit!

Leggi anche:

Locarno, la nuova Santa Chiara sul ‘modello’ di Moncucco

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
clinica luganese clinica santa chiara cliniche private ente ospedaliero cantonale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved