PIT Penguins
1
Detroit Red Wings
1
2. tempo
(0-1 : 1-0)
NY Rangers
MIN Wild
02:00
 
CHI Blackhawks
COL Avalanche
02:30
 
ARI Coyotes
BOS Bruins
03:00
 
DAL Stars
WAS Capitals
03:00
 
borradori-vita-permettendo-ci-sarebbe-voluto-essere
Ti-Press
Marco Borradori
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
20 ore

Mendrisiotto senza via d’uscita

L’annuncio da Berna che la terza corsia si realizzerà con dieci anni d’anticipo disorienta tra timori e paradossi
Commento
1 gior

Manuele Bertoli fiero, solitario y final

Il direttore del Decs è andato nel modo più nobile verso una sconfitta annunciata. Ricreazione finita per chi l’ha provocata, Plr in primis: ora riforme
Calcio
1 gior

Goldküste o Sonnenstube, l’importante è l’Fc Lugano

Il nuovo presidente del club bianconero, Philippe Regazzoni, vive a Küsnacht e non parla italiano. Una scelta inaspettata, ma non per forza sbagliata.
il commento
2 gior

L’Ucraina e la civetta di Minerva

Usa e Russia strette tra rivendicazioni e muscoli in mostra, ma la guerra non è inevitabile, perché oggi non è nell’interesse di nessuno
Commento
3 gior

Bavaglio ai diritti imbevuto d’alcol

Tennis Australia copre le magliette recanti la scritta ‘Dov’è Peng Shuai?’. Uno degli sponsor del torneo è una storica distilleria... cinese
Commento
3 gior

I Casinò, vacche sacre da (ma prima ancora per) mungere

Mentre a Locarno volano gli stracci in vista del rinnovo delle concessioni federali, passa in secondo piano il tema di chi l’azzardo lo paga a caro prezzo
Commento
4 gior

Lo gnomo spendaccione

Dopo le dimissioni del presidente e dell’Ad di Credit Suisse si è discusso del crescente ricorso delle banche svizzere a top manager stranieri
Commento
6 gior

La mozione Paul Newman

Gli analisti politici del Wall Street Journal suggeriscono ai democratici di candidare di nuovo Hillary Clinton per un’eventuale sfida a Trump nel 2024
Commento
1 sett

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
1 sett

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
 
13.08.2021 - 05:300
Aggiornamento : 19:03

Borradori, vita permettendo ci sarebbe voluto essere

La difesa della sua privacy e l'amore per la piazza e il confronto con il cittadino hanno caratterizzato la sua vita e carriera politica

Marco Borradori ha sempre preso la vita di petto, diremmo meglio ‘di corsa’. Un destino che lo ha voluto con sé proprio in uno di quei momenti per lui più attesi della giornata. Quell’infilarsi le scarpe da ginnastica e macinare chilometri, quando per puro piacere, quando per sfida. Non era tipo da poltrona (anche se poi sono state molte quelle ‘figurate’ che ha occupato), le preferiva il salotto di Lugano dove potersi confrontare, dove aveva sempre una mano da stringere, un sorriso da regalare, qualche fischio (metaforico e non) da prendere. Marco Borradori, il politico trasversale – e per questo ogni schieramento partitico ha dovuto negli anni e nelle cariche masticare spesso amaro e riconoscergli il titolo di ‘più votato’ –, in quella piazza non ha mai mancato di metterci la faccia. Da destra a sinistra, passando dal centro più o meno moderato, oggi glielo attestano tutti, nessuno escluso.

Amava la vita, in particolare la sua, “sempre molto ‘fuori’, tra i muri di una città invece che di una casa”, ci spiegava in occasione, due anni fa, della nostra intervista per i suoi sessant’anni. E amando la vita era costretto a esporsi, a non potersi nascondere. Incontrava così tanta gente fra le vie e i quartieri luganesi, ma anche ticinesi e insubrici: cittadini – dagli ammiratori ai detrattori –, rappresentanti delle istituzioni, del mondo economico, della scuola, della sanità, imprenditori, artisti, personale delle pulizie, vigilanti della notte. Per lui non c’era ceto né ‘casta’, ma sempre un “buongiorno signora Maria”, “buonasera signor Carlo”.

Marco Borradori pareva un uomo felice, complice il suo fare educato, mai sopra le righe, diplomatico ma per niente paraculo e opportunista. Si definiva un sognatore, dai pochi rimpianti. Eppure non aveva mancato di confessare che la parte più personale e intima della sua vita non era stata sempre semplice: “Mi porto addosso cicatrici e ferite non ancora completamente rimarginate. Ed è forse per questo motivo che avverto un’inquietudine costante, una irrequietezza e una ricerca continue”. In quella piccola casa dove abitava ci stava solo per dormire, aveva aggiunto in un momento di inaspettata confidenza. Però sotto quella finestra, poco più di un mese fa, un gruppo di persone dai modi poco garbati aveva scelto di affrontarlo, complice un clima cittadino teso. Lui non si scompose e, ancora una volta, allo schiaffo offrì la guancia: “Mi prendo le mie responsabilità”. Chissà se è stato quell’affronto che lo aveva recentemente incupito. Colpito cioè in quella che era la sua privacy, a cui teneva più di ogni altra cosa. Non così pesante, noi crediamo, avrebbe avvertito quella contestazione se avessero scelto quale teatro Palazzo civico, luogo dove, diversamente, dovrebbe avvenire lo scontro politico, anche aspro e duro.

Marco Borradori non amava “colloquiare con gente che si dice di ampie vedute, gente di cultura, che poi critica qualsiasi tipo di iniziativa, a meno che non sia una sua idea”. E a Lugano ve n’era e ve ne è un’ampia rappresentanza... Molti, infatti, sul Ceresio i progetti ancora aperti di cui non vedrà la realizzazione o magari anche la bocciatura. Un peccato. Perché lui, “vita permettendo”, ci disse, ci sarebbe voluto comunque essere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved