CHI Blackhawks
0
SJ Sharks
2
fine
(0-0 : 0-1 : 0-1)
NJ Devils
5
PHI Flyers
2
3. tempo
(1-1 : 1-0 : 3-1)
BOS Bruins
3
VAN Canucks
2
3. tempo
(1-1 : 0-1 : 2-0)
ANA Ducks
0
TOR Leafs
2
2. tempo
(0-0 : 0-2)
lugano-meritava-un-primo-agosto-migliore
Momenti di tensione che si sarebbero potuti - facilmente - evitare (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
1 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
2 gior

La normalizzazione dell’indecenza

Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
2 gior

Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego

Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
2 gior

Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto

Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
3 gior

La diplomazia del ping Peng

Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici
Commento
4 gior

Poveri infermieri, eroi usa e getta

Investire nella formazione senza migliorare le condizioni di lavoro è come versare acqua in una brocca bucata
Commento
5 gior

Polo sportivo a Lugano, siamo in zona Cesarini

È grande l’attesa per l’esito del referendum, una sorta di esame per il Municipio, mentre volge al termine l’agguerrita campagna verso il voto
Commento
6 gior

Molestie e violenze: primo, non tacere.

Dalla ragazza inseguita agli stupri, occorre finirla di normalizzare comportamenti inammissibili. Perché ‘lui è fatto così’ non è una giustificazione.
Commento
1 sett

Un colpo in canna per l’accesso al mercato italiano

Differire l’approvazione dell’Accordo sui frontalieri quale condizione per l’accesso al mercato finanziario italiano da parte delle banche svizzere
Commento
 
03.08.2021 - 05:400
Aggiornamento : 14:39

Lugano meritava un Primo agosto migliore

Tutti concordi: domenica sera è stato un brutto spettacolo. Di chi è la responsabilità? Di certo, il Municipio aveva diverse alternative migliori sul tavolo

Col senno di poi siamo tutti professori. Ma il brutto spettacolo al quale abbiamo assistito domenica sera in piazza della Riforma a Lugano non può passare senza una riflessione a posteriori. Non è neanche semplice restare razionali nel farlo: è tanto il dispiacere per essere scivolati nell’arco di pochi anni da allocuzioni di grande caratura e inclusività pronunciate da Doris Leuthard o Ignazio Cassis a una piccola arena infuocata, che nulla ha a che fare con lo spirito del Primo agosto.

Alternative ce n’erano

Lugano quei fischi, e quel discorso politicizzato con troppi riferimenti a chi ha fischiato e chi no nella storia svizzera, non se li meritava. Come tutti sta vivendo da un anno e mezzo nella precarietà causata dalla pandemia; più di altri è reduce da un luglio difficile per via di un maltempo che ha dato poca tregua; come nessuno in Ticino ha assistito a due campagne elettorali particolarmente accese, con il colpo di coda dell’arcinota demolizione dell’ex Macello finita sui tavoli di Ministero pubblico e Sezione enti locali. Tensione e stanchezza sono tante: quella scena si doveva e si poteva evitare. C’era modo di farlo. E neanche tanto difficile: il discorso della Festa nazionale avrebbe benissimo potuto non tenerlo un municipale. Non sarebbe stata la prima volta e mai come quest’anno sarebbe stato giustificabile. Ospiti politici, di qualsiasi orientamento, ce ne sono potenzialmente a bizzeffe. Un discorso pronunciato non da un politico sarebbe stato evidentemente meglio visto il contesto. E se poi si voleva proprio un politico locale, c’è una giovane prima cittadina che ben avrebbe potuto rappresentare il 50esimo del diritto di voto alle donne.

Un’occasione persa

E invece no. Il Municipio ha perso l’occasione per iniziare, dopo mesi di altissima tensione, ad abbassare i toni. Non si dialoga parlando di dialogo, contano i fatti. Eppure segnali che sarebbe potuta finire male ce n’erano: ai malumori espressi da taluni dopo che è stato svelato il programma della cerimonia si è aggiunto venerdì scorso l’appello a presentarsi in piazza per fischiare il Municipio. E non si può nemmeno credere che non vi sia consapevolezza nell’esecutivo che la situazione sia particolare. D’altra parte, non si può pensare a una leggerezza. Un’altra?

Quale maggioranza?

L’unica conclusione possibile purtroppo è che quindi quanto successo sia stato, se non proprio cercato, quantomeno passivamente voluto anche da chi la serata l’ha organizzata. E allora ci si chiede: perché? E siamo proprio sicuri che questa linea dura paghi? I risultati delle ultime elezioni comunali qualche dubbio lo pongono. Ma il punto forse è proprio qui. Sembra quasi che il clima di tensione fra tifoserie lo si voglia. E quindi si parla di maggioranze e minoranze. Ma in molti quella sera in entrambi gli schieramenti non hanno né fischiato né applaudito. Ci sono i turisti disorientati scappati a causa della confusione. I tanti né pro né contro Molino ma turbati da quanto accaduto la notte fra il 29 e il 30 maggio: queste sono le maggioranze. Il Municipio di Lugano detiene una responsabilità istituzionale. Dimostri allora più buon senso per il bene della collettività quando si tratta di prendere decisioni. Essere super partes non è forse compito di un esecutivo, che tutti ci rappresenta anche se non gli piacciamo e anche se ci permettiamo – scusateci se facciamo il nostro mestiere, vien quasi da dire – di criticare?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved