l-utilita-delle-catastrofi
Nej (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Passeggiata scolastica e crepe nella collegialità

La rituale gita del Consiglio federale fa dimenticare le dissonanze in seno all’Esecutivo emerse a più riprese negli ultimi tempi
L'analisi
2 gior

L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’

Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
2 gior

Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij

Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
3 gior

Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese

Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
5 gior

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
6 gior

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
1 sett

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
1 sett

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
1 sett

Le conseguenze della guerra

Commento
1 sett

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
laR
 
31.07.2021 - 05:30
di Fabio Dozio

L’utilità delle catastrofi

È il colmo che le autorità e anche il popolo votante abbiano bisogno delle calamità per correggere politiche sbagliate

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Chissà se la legge sul CO2, bocciata dagli svizzeri di stretta misura in giugno (51,6% di no), sarebbe stata affossata ugualmente se si fosse votato dopo le alluvioni che hanno colpito la Germania, il Belgio e anche la Svizzera in luglio? Il voto ha sempre una componente emozionale e il tema del clima e dell’ambiente non sfugge a questa regola. Basti pensare a Fukushima, il disastro nucleare giapponese del 2011, che mise il Consiglio federale a velocità supersonica sulla strada dell’abbandono dell’energia nucleare. È il colmo che le autorità e anche il popolo votante abbiano bisogno delle calamità per correggere politiche conservative o sbagliate.

Angela Merkel, dopo le alluvioni, ha detto che non ha fatto abbastanza per il clima. La commissaria europea Von der Leyen ha dichiarato: “L’intensità e la durata degli eventi sono una chiara indicazione del cambiamento climatico”. Dichiarazione emotiva, non scientificamente corretta, anche se politicamente condivisibile. Le alluvioni di luglio non si spiegano solo con il cambiamento climatico. In proposito è molto chiaro Marco Gaia, responsabile di Meteo Svizzera a Locarno: “Il cambiamento climatico è in atto: giustificare qualunque fenomeno meteorologico che va al di là della norma con il cambiamento climatico non sarebbe veramente corretto”. Sembra accertato che l’aumento della temperatura determina una maggiore intensità dei fenomeni meteorologici ma, appunto, non è tutto. Non vanno dimenticate la politica di (ab)uso del territorio e le condizioni del suolo che, nel corso degli ultimi decenni, è stato cementificato in misura notevole. Il riscaldamento climatico non può diventare il capro espiatorio di tutti gli errori dei politici in materia, per esempio, di pianificazione e gestione del territorio!

Se non vogliamo andare incontro al baratro, bisogna prevenire. Il rettore dell’Università di Losanna, Fréderic Herman, non si dà pace, pensando al voto sulla legge CO2: “Come è possibile che un’iniziativa il cui obiettivo finale è la sopravvivenza della nostra specie non abbia ottenuto una maggioranza?”. Forse perché gli svizzeri si sentono superiori, a prescindere. Vedi la narrazione, particolarmente irritante, della destra, che ripete incessantemente che, essendo il nostro un Paese piccolo, non ha senso imporci sacrifici a favore dell’ambiente. La Svizzera contribuisce nella misura dello 0,1% alle emissioni nocive, la Cina del 27%, gli Usa del 13%. Ma ciò non basta ad alleggerire le coscienze. Questo messaggio è grave e pernicioso, privo di senso civico. È come se dicessimo ai nostri figli e nipoti: butta pure la cartaccia per terra, sei solo uno, o una, su 8 milioni...

L’Unione europea ha lanciato il progetto “Fit for 55”, che prevede di raggiungere entro il 2030 gli obiettivi del Green Deal: ridurre le emissioni di gas a effetto serra del 55% rispetto ai livelli del 1990 e arrivare a zero emissioni nel 2050. La strada è quella giusta, ma la Svizzera non ci sta. Dobbiamo aspettare di subire altre catastrofi ambientali per prendere le misure necessarie e non rinviabili?

“Finché la nostra casa non è stata né bruciata né inondata – afferma Julia Steinberger, esperta di ambiente all’Uni di Losanna –, finché, come Paese prospero, avremo da mangiare, perché preoccuparci di qualche scienziato disperato, che usa paroloni allarmisti e non è neanche in grado di apprezzare una piccola canicola qua o là?”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cambiamento climatico legge co2 meteosvizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved