l-illusione-di-una-transizione-senza-tasse
Si è cercato di proporre qualcosa con la legge federale sul CO2 che però è stata affossata, soprattutto in Ticino (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Il commento
3 ore

La normalità di un Festival che doveva fare festa

Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
9 ore

Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?

Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
3 gior

L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate

Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
4 gior

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
5 gior

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
6 gior

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
6 gior

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 sett

L’Ucraina e le ambiguità del Papa

Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
laR
 
08.07.2021 - 05:30
Aggiornamento: 15:54
di Silvano Toppi

L’illusione di una transizione senza tasse

Il Ppd, con una iniziativa parlamentare, sembra aver trovato l’uovo di Colombo. Fiscalmente sa di comoda contorsione, eticamente di fuga per le frasche

La “sostenibilità” va di moda: comportarsi in modo tale da tener conto di un uso appropriato delle risorse naturali, evitare prodotti ed emissioni inquinanti. Tanto da farne un etichetta di buon’azione o di buon investimento, propizia per ottenere maggiori vendite, rendite climaticamente innocenti, decorosa responsabilità politica. Orecchiando l’inglese o il francese, si parla anche di “durabilità” (o sviluppo durevole) che dovrebbe significare: rispondere ai bisogni presenti senza compromettere quelli futuri. Tanto che alcuni, beffardamente, l’hanno sostituita con l’espressione: fin che dura, continuiamo così.

“Transizione” sembra ora il nuovo termine, ambivalente e più concreto. Ambivalente perché da un lato ammette che così non si può continuare e d’altro lato che qualcosa bisogna fare o cambiare. Pratico perché si concentra “sulla progressiva transizione energetica con l’obiettivo di abbandonare il prima possibile le energie fossili”, principale causa di non sostenibilità o non durabilità. È dunque su questa transizione che va puntata l’attenzione, per escogitarne i modi, trovare le risorse per farvi fronte. Si è cercato di proporre qualcosa con la legge federale sul CO2 che però è stata affossata, soprattutto in Ticino.

Il Ppd, con una iniziativa parlamentare, sembra aver ora trovato l’uovo di Colombo, sommando tutto, e traendone l’espressione: “Risorse per la transizione, senza tasse.”

Gli economisti chiamano “esternalità” i costi generati dall’attività economica, dall’inquinamento, dal traffico, dalle conseguenze di un uso scriteriato del territorio, dalla depurazione delle acque inquinate anche dai pesticidi, dalle conseguenze sulla salute degli uomini, dallo stesso deprezzamento degli immobili. Quando si tratta di rendersene conto, secondo i buoni propositi proclamati di sostenibilità o durabilità o transizione, entrano però in gioco due logiche perverse. Per l’una è sempre l’altro (persino l’immigrato) che si comporta male e inquina e deve pagare o va punito. Poiché ognuno ha un suo altro e tutti sono l’altro di qualcuno, si rischia l’immobilità. Che poi diventa: il popolo ha deciso. Per l’altra, conseguente, è che tutto è giusto e buono se a porre rimedio e a pagare sia lo Stato. Purché non pretenda ancora tasse casuali, legate cioè a una causa definita (l’inquinamento da traffico, ad esempio). Si chiede e si pretende tuttavia che su cause definite (sostituzione impianti di riscaldamento, ad esempio) intervenga sussidiando e spendendo. Provvederanno le risorse statali per la transizione.

O è un incommensurabile ossimoro (meno risorse ma più risorse) o la dantesca “contradizion che nol consente” oppure è quel classico “innalzarsi”, ritenuto il miglior mezzo politico che si conosca per uscire d’un tratto da contrasti fatali. Per dirla più semplice: fiscalmente sa di comoda contorsione, eticamente di fuga per le frasche. Oppure è solo un aspetto di quella che viene definita l’economia della gratuità, che tutti pretendono (cercare di ottenere senza pagare o retribuire) o della vecchia storia del passeggero clandestino.

Leggi anche:

Lotta al CO2, il Ppd: ‘Risorse per la transizione, senza tasse’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
legge co2 ppd
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved