Venezia
0
Torino
0
1. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
0
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
0
1 set
(3-2)
l-illusione-di-una-transizione-senza-tasse
Si è cercato di proporre qualcosa con la legge federale sul CO2 che però è stata affossata, soprattutto in Ticino (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
15 ore

Matrimoni riusciti e altri da ricucire

I diritti riconosciuti alle famiglie Lgbtq+ riflettono una società che cambia rapidamente sul piano dei diritti civili. Quanto a quelli sociali, mica tanto
SGUARDO A NORD
15 ore

Note per un riformismo senza paternalismo

Per creare più giustizia sociale e ambientale le autorità devono apparire autorevoli, non autoritarie
Commento
2 gior

Il lato B di Silvio

Una mostra a Milano celebra l’anziano tycoon nel periodo che va dal ’56 al ’93. Ma il ventennio politico di Berlusconi dove lo mettiamo?
Commento
3 gior

Precisione in velocità, rispetto nell’intensità

Dopo il fattaccio Semine-Locarno sono in arrivo sanzioni esemplari. Ma l’augurio resta che il calcio regionale ritrovi i veri valori dello sport amatoriale
Commento
3 gior

Procuratori, se il candidato non è di area (partitica)

Il Gran Consiglio sarà chiamato presto a eleggere tre pp. Lottizzazione o competenze? Intanto gli esperti indicano quella che considerano la candidatura migliore
La formica rossa
3 gior

Il ‘tiro al piccione’ e l’ornitologia leghista

Per Boris Bignasca è solo un pretestuoso ciangottare quello che investe il finto sindacato leghista TiSin
Commento
4 gior

L’Arsenal e i milioni del dittatore del Ruanda

Il club inglese si fa sponsorizzare da Kagame, il padre-padrone che condanna sommariamente gli avversari politici, compreso l’eroe di Hotel Rwanda
LA TRAVE NELL’OCCHIO
5 gior

Ricchezza: pochi su e tanti giù

L’aumento delle diseguaglianze impone di ripensare un modello di sviluppo dominato dalla ‘teoria dello sgocciolamento’. Anche in Ticino
Commento
5 gior

La ‘strigliata’ di Vitta e una politica che deve guardare al futuro

Rilancio del Cantone e riequilibrio delle finanze, finora il menu uscito dai partiti è vario ma confuso. Serviranno sintesi e convergenze: ‘Non si scappa’
Commento
 
08.07.2021 - 05:300
Aggiornamento : 15:54

L’illusione di una transizione senza tasse

Il Ppd, con una iniziativa parlamentare, sembra aver trovato l’uovo di Colombo. Fiscalmente sa di comoda contorsione, eticamente di fuga per le frasche

La “sostenibilità” va di moda: comportarsi in modo tale da tener conto di un uso appropriato delle risorse naturali, evitare prodotti ed emissioni inquinanti. Tanto da farne un etichetta di buon’azione o di buon investimento, propizia per ottenere maggiori vendite, rendite climaticamente innocenti, decorosa responsabilità politica. Orecchiando l’inglese o il francese, si parla anche di “durabilità” (o sviluppo durevole) che dovrebbe significare: rispondere ai bisogni presenti senza compromettere quelli futuri. Tanto che alcuni, beffardamente, l’hanno sostituita con l’espressione: fin che dura, continuiamo così.

“Transizione” sembra ora il nuovo termine, ambivalente e più concreto. Ambivalente perché da un lato ammette che così non si può continuare e d’altro lato che qualcosa bisogna fare o cambiare. Pratico perché si concentra “sulla progressiva transizione energetica con l’obiettivo di abbandonare il prima possibile le energie fossili”, principale causa di non sostenibilità o non durabilità. È dunque su questa transizione che va puntata l’attenzione, per escogitarne i modi, trovare le risorse per farvi fronte. Si è cercato di proporre qualcosa con la legge federale sul CO2 che però è stata affossata, soprattutto in Ticino.

Il Ppd, con una iniziativa parlamentare, sembra aver ora trovato l’uovo di Colombo, sommando tutto, e traendone l’espressione: “Risorse per la transizione, senza tasse.”

Gli economisti chiamano “esternalità” i costi generati dall’attività economica, dall’inquinamento, dal traffico, dalle conseguenze di un uso scriteriato del territorio, dalla depurazione delle acque inquinate anche dai pesticidi, dalle conseguenze sulla salute degli uomini, dallo stesso deprezzamento degli immobili. Quando si tratta di rendersene conto, secondo i buoni propositi proclamati di sostenibilità o durabilità o transizione, entrano però in gioco due logiche perverse. Per l’una è sempre l’altro (persino l’immigrato) che si comporta male e inquina e deve pagare o va punito. Poiché ognuno ha un suo altro e tutti sono l’altro di qualcuno, si rischia l’immobilità. Che poi diventa: il popolo ha deciso. Per l’altra, conseguente, è che tutto è giusto e buono se a porre rimedio e a pagare sia lo Stato. Purché non pretenda ancora tasse casuali, legate cioè a una causa definita (l’inquinamento da traffico, ad esempio). Si chiede e si pretende tuttavia che su cause definite (sostituzione impianti di riscaldamento, ad esempio) intervenga sussidiando e spendendo. Provvederanno le risorse statali per la transizione.

O è un incommensurabile ossimoro (meno risorse ma più risorse) o la dantesca “contradizion che nol consente” oppure è quel classico “innalzarsi”, ritenuto il miglior mezzo politico che si conosca per uscire d’un tratto da contrasti fatali. Per dirla più semplice: fiscalmente sa di comoda contorsione, eticamente di fuga per le frasche. Oppure è solo un aspetto di quella che viene definita l’economia della gratuità, che tutti pretendono (cercare di ottenere senza pagare o retribuire) o della vecchia storia del passeggero clandestino.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved