ritrovare-le-nostre-comunita-del-cinema
Giona A. Nazzaro (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
7 ore

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 gior

L’Ucraina e le ambiguità del Papa

Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
3 gior

È il carovita, bellezza!

La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
4 gior

Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’

‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
5 gior

Taiwan, sdraiata su una mina

La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
6 gior

Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura

Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
1 sett

Neutralità non è star sopra un albero

Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett

Il Covid muta, la Cina no

Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett

Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa

Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
10.07.2021 - 18:14
di Giona A. Nazzaro, direttore artistico Locarno film festival

Ritrovare le nostre comunità (del cinema)

Il direttore del Locarno film festival sulle sfide del cinema e della società che la pandemia non è riuscita a piegare

Le trasformazioni affrontate dall’industria cinematografica in questo anno e mezzo sono state epocali. È cambiato tutto. A partire dalla nostra idea di essere una società che i cambiamenti epocali li vive solo come riflesso di avvenimenti che accadono agli “altri”. Il nostro rapporto con le immagini ha avuto un’ulteriore accelerazione verso una forma di consumo atomizzato, individualistico. L’idea dell’eccezionalità del cinema, il suo essere evento, in mancanza della possibilità di spostarsi, in assenza di una comunità che si raccoglie davanti a uno schermo, ha subìto una drammatica diminuzione. Come se in questione fosse proprio il diritto – la possibilità stessa – del cinema di continuare a esistere. E invece il cinema, come tutte le attività umane davvero necessarie, non solo non si è piegato, ma ha resistito all’urto delle accelerazioni delle trasformazioni dei modelli di sfruttamento industriale provocati dalla pandemia. Nel mettere mano alla 74esima edizione del Locarno Film Festival, abbiamo potuto smentire un’idea molto diffusa: che non ci fossero film disponibili per organizzare una rassegna forte, motivata, generosa e competitiva. Raramente la tristezza per il numero di titoli cui abbiamo dovuto rinunciare è stata maggiore. Il cinema – di fronte a una tragedia epocale – non solo ha saputo raccogliere la sfida, ma è riuscito a trasformarla nel racconto di come – tutte e tutti insieme – abbiamo vinto.


Nel selezionare i titoli che scoprirete dal 4 al 14 agosto, abbiamo lavorato tentando di allargare il più possibile l’orizzonte. Sfuggire alla tentazione di ripercorrere i sentieri già battuti, tenere gli occhi aperti sul cinema proveniente da emisferi, latitudini ed economie opposti, conservare l’attenzione nei confronti del cinema giovane e – soprattutto – ripensare un rapporto con il pubblico di Locarno e con i pubblici al di là dei confini cittadini e regionali. Essere dunque un Festival che si apre, inclusivo e sostenibile, che sappia affrontare le problematiche inerenti alla complessità del momento storico che affrontiamo senza abbracciare narcisismi elitari. Il cinema oggi – più che mai – si è diffuso ovunque secondo strategie e fruizioni reticolari, atomizzate. Mai un’epoca ha vissuto una tale diffusione del cinema e parimenti mai nessuna ha visto messo in crisi il primato industriale del cinema in forme così acute. Ci si ritrova dunque – a voler estremizzare il ragionamento – a ipotizzare la scomparsa del cinema all’apice del suo essere forma, rete, memoria, archivio e lingua franca del nostro immaginario condiviso. Al Locarno Film Festival, invece, si vuole restituire dignità e visibilità alla comunità del cinema e delle sue innumerevoli storie. La speranza è che i film che abbiamo selezionato, riescano a offrire allo sguardo curioso, entusiasta, disponibile ma anche semplicemente casuale, gli indizi di un mondo (delle immagini, del cinema, dell’industria) che si ripensa, che si attrezza per affrontare il prossimo secolo della sua storia. La cosa sulla quale non abbiamo alcun dubbio è che dei nomi selezionati per questa 74esima edizione del Locarno Film Festival sentirete parlare ancora a lungo negli anni a venire. Sono tutti nomi che faranno presto parte della nostra comunità. Buon cinema, buone visioni, viva Locarno!

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
giona nazzaro locarno film festival
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved