S.Gallo
Lucerna
14:15
 
Vaduz
Xamax
14:15
 
non-schwa-tutto-bene
L'uso dello schwa si sta facendo largo (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

L’utilità delle catastrofi

È il colmo che le autorità e anche il popolo votante abbiano bisogno delle calamità per correggere politiche sbagliate
Commento
2 gior

Peso della storia e frattura europea

Si pensava che l'allargamento dell'Ue portasse con sé una contaminazione democratica, i fatti e gli interessi nazionali ci stanno dimostrando il contrario
Commento
3 gior

Il certificato Covid non sia un incentivo a vaccinarsi

Il cosiddetto Green pass ha senso se l’alternativa al chiudere per i non vaccinati è chiudere per tutti
Commento
4 gior

Altri sgravi? L'offensiva liberale va controcorrente

La concorrenza fiscale intercantonale è un dato di fatto. Ciò che pare sfuggire al Plrt è che nel mondo post Covid il vento sta girando da un'altra parte
Gallery
L'analisi
4 gior

Vladimir Petkovic, addio sulla cresta dell’onda

Il 57enne tecnico della Nazionale rossocrociata, il più vincente di sempre, lascia la Svizzera e abbraccia la causa del Bordeaux. Lascerà un vuoto non facile da colmare
Il commento
5 gior

Polizia, il Tribunale federale consolida la legge ticinese

Il loro ricorso è stato respinto, ma i due giuristi hanno fatto bene a sottoporre al vaglio dei giudici di Mon Repos l'importante e delicata revisione normativa
il commento
6 gior

Medici, Corona e... tutti allenatori

Dallo scetticismo che aleggia fra medici e infermieri all'obbligatorietà vaccinale imposta già in diverse nazioni per eventi o frequentazioni
Commento
1 sett

Eh già... Angelone è ancora qua

Dopo la cessione sfumata qualche settimana fa, Renzetti è pronto per la sua dodicesima stagione da numero uno del Lugano, la decima da proprietario del club
Commento
1 sett

Olimpia e il prezzo della felicità

Dopo decenni in cui ci si doveva fare largo a gomitate per aggiudicarsi i Giochi, il ricordo dei deficit finanziari pare raffreddare gli entusiasmi
L'analisi
1 sett

Nord Stream 2, l'equilibrio gassoso

Joe Biden e Angela Merkel si sono accordati: il gasdotto sotto al mar Baltico tra Russia e Germania verrà presto completato. Tutti contenti?
Gallery
Commento
1 sett

Tokyo 2020, comunque vada sarà memorabile

Domani la cerimonia d'apertura inaugura la 32esima edizione dei Giochi olimpici estivi: quelli rinviati, senza pubblico e senza leggende. Ma con sei ticinesi
Commento
1 sett

Il tempo sospeso dei reduci del G8

Vent'anni dopo la polizia continua imperterrita a menare le mani giustificata da una parte politica. Dall'altra parte le certezze intoccabili di chi manifestò
Commento
1 sett

La memoria di Vigino non ha prezzo (o forse sì)

La Masseria di Castel San Pietro rischia di scomparire. E stavolta non è colpa delle ruspe dei cementificatori
Commento
1 sett

Cuba e il fantasma della libertà

Il fronte filo cubano preferisce lo stereotipo rassicurante, perché non accetta la constatazione che da decenni in quell’isola la popolazione aspira ad altro
Commento
2 sett

La Guerra Fredda riscaldata

Telefoni rossi, muri e le liti su Cuba a colpi di 'imperialisti' e 'comunisti'. Il mondo diviso in blocchi torna di moda come la musica anni 80
Commento
2 sett

Il nuovo ordine fiscale tra paure e speranze

La riforma del G20 è già stata definita enfaticamente una “rivoluzione”. No, siamo solo nell'ambito della correzione
Commento
12.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 13.06.2021 - 20:54

Non schwa tutto bene

Il tentativo di rendere più inclusivo il linguaggio usando nuovi segni grafici rischia di provocare l'effetto contrario, aumentando le divisioni

L’inclusività è un club esclusivo. Lo sa bene la sinistra, che fa dell’inclusività la sua benzina e dell’esclusività la sua inevitabile meta. Esempio: aprile 2002, Francia. Alle elezioni presidenziali il Partito socialista candida Lionel Jospin, che non piace a tal punto e per talmente tante ragioni diverse alla sinistra da far presentare alle urne altri 7 candidati tra socialisti, verdi, rossoverdi, radicali, comunisti, comunisti più comunisti dei comunisti e comunisti che non erano d’accordo con gli altri comunisti. La sinistra – paladina dell’inclusività a compartimenti stagni – chissà come mai, perde.

Per qualche strano motivo, l’inclusività riesce spesso a farsi rappresentare da leader e testimonial talmente arcigni e respingenti da farti mettere istintivamente sulla difensiva. È il caso delle generalesse dello schwa, con i loro asterischi esibiti come mostrine di guerra. Ultrafemministe che hanno deciso che la lingua italiana non è abbastanza inclusiva, scambiando l’alfabeto con l’ordine sociale, quello sì, fortemente patriarcale ed esclusivo, ma non solo. Ma del non solo, a quanto pare, chissenefrega. La memoria selettiva, d’altra parte, è quella che ci fa tirare avanti: contiene quello che ci piace, quello che non ci piace e vogliamo combattere, quello che ci piace e non ci piace, ma ci dà buoni motivi per crogiolarci. Il resto è un ostacolo, e quindi via, sciò, che non è schwa, ma alla fine – a pensarci bene – sono parenti.

La generalessa con più mostrine e asterischi e rabbia in corpo è la scrittrice Michela Murgia, il cui livore – così a naso – potrebbe far decollare uno shuttle. Murgia, nei giorni scorsi, ha scritto sull’Espresso un articolo in cui, qua e là, appare lo schwa (Ə) a sostituire il plurale maschile (e maschilista) per un più inclusivo neutro.

Come sempre, sono arrivate le tifoserie, quelli che sbeffeggiano ogni cambiamento a prescindere e quelli, ma soprattutto quelle, per cui il cambiamento va fatto qui, ora e subito. A tavolino. Come se le decisioni imposte servissero davvero a qualcosa. Vedi Israele, le due Germanie, i “torna a casa presto” della mamma e – per rimanere sulla linguistica – l’esperanto: l’idioma inclusivo del futuro ormai agonizzante, se non in una ristretta cerchia di cultori del genere, un po’ come il Subbuteo e i monocoli.

Vera Gheno, papessa del linguaggio neutro e della causa di genere, è ormai una celebrità: sforna libri, va in tv, partecipa a conferenze, ed è considerata la maggiore autorità in materia. Posata, educata e formale, quando viene contraddetta sfodera un atteggiamento passivo-aggressivo non dissimile da quello di chi la critica. Certo, i pasdaran dello status quo sono insopportabili, perché la lingua – come tutto – evolve, ma anche i partigiani dell’inclusività non sono da meno. Questo “o si fa l’inclusività o si muore” sembra la fotocopia delle presidenziali francesi del 2002. Tra chi propone asterischi, schwa e arzigogoli vari, c’è chi dialoga dicendo che questi tentativi sono modi per porre un problema di genere, ma c’è anche chi crea meme di questo tipo: “Lo schwa non è la meta, ma il viaggio. E non ti ho mica chiesto di farmi compagnia”. Così i campioni dell’inclusività legittimano un’esclusività che annulla il dialogo e alimenta il tutti contro tutti.

Cambiare una lingua, come è successo nei Balcani dopo la guerra, può essere segno di forte divisione. Perché alla ricerca di un’inclusività all’interno di un gruppo, si vanno ad escludere tutti gli altri. Includere chi è con me è la prima forma di esclusione. E così, per distinguersi dai serbi, i croati hanno coniato neologismi e i bosniaci hanno preso in prestito parole dall’arabo. Risultato: per capire di che mese parlano, oggi croati e serbi, che parlano quasi la stessa lingua, devono fare ricorso ai numeri.

Recentemente, la giornalista Rula Jebreal si è rifiutata di partecipare al programma tv (di sinistra, inclusivo-esclusivo) PropagandaLive, perché aveva poche donne tra gli ospiti. La settimana dopo gli autori sono corsi ai ripari, invitando, tra le altre, l’attrice Caterina Guzzanti, una donna, senza dubbio, ma anche una figlia di (Paolo, giornalista) e sorella di (Corrado e Sabina, comici). Romana. In un programma dove quasi tutti sono romani. È stato un invito inclusivo in quanto donna o esclusivo perché ignora chi recita e scrive da fuori Roma o senza la parentela giusta? La lista è lunga. Quanto sono inclusivi certi giornali, che parlano il giornalese, notizie scritte per far capire all’altra testata, al collega, al politico di turno un messaggio che il lettore non capirà? Quanto è inclusiva l’Inghilterra, che avendo verbi e aggettivi neutri non ha problemi lessicali di genere, ma continua a replicare all’infinito una società basata su amicizie e famiglie che si scambiano mogli, amanti, castelli e stanze di college?

Il problema non sta, o almeno non dovrebbe stare, in una “o” trasformata in un nuovo segno grafico, tra l’altro quasi impronunciabile. Ma nelle intenzioni, come ricordava qualche tempo fa Paola Cortellesi, ai David di Donatello: “Nella nostra lingua alcuni termini, declinati al femminile, cambiano significato. Un cortigiano: un uomo che vive a corte. Una cortigiana: una mignotta. Un uomo di strada: un uomo del popolo. Una donna di strada: una mignotta. Un uomo disponibile: un uomo gentile e premuroso. Una donna disponibile? Una mignotta. Un passeggiatore: un uomo che cammina. Una passeggiatrice? Una mignotta”.

Ecco, è sicuramente più difficile togliersi le mignotte dalla testa che mettere uno schwa in un testo, ma sarebbe anche molto più efficace.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved