il-molino-le-ruspe-la-cancel-culture-a-rovescio
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
2 gior

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
4 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
4 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
5 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
5 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
6 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
6 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
1 sett

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
1 sett

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
Commento
1 sett

Ha vinto solo Marine Le Pen

La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi
Sguardo a Nord
1 sett

Casa dolce casa

Commento
1 sett

Il Tour, i Tir e quello striscione-verità

Il Mendrisiotto è attraversato da un moto di ribellione: dalle istituzioni al popolo. Colpa delle troppe corsie A2 e delle scarse attenzioni cantonali
DISTRUZIONI PER L’USO
laR
 
05.06.2021 - 05:30

Il Molino, le ruspe, la cancel culture a rovescio

Fino a ieri i tromboni nostrani lamentavano le demolizioni fasulle attribuite al ‘politically correct’. Come cambia in fretta il mondo, signora mia

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Come cambiano in fretta le cose, certe volte. Fino all’altro giorno, in Ticino le anime belle che se la prendevano con la cancel culture stavano pressoché tutte nel campo reazionario. Da lì si compiacevano delle loro parole posticce, inventandosi notizie fasulle come la chiusura di facoltà classiche, gli scandali su baci da favola, quella ‘dittatura del politically correct’ che vive solo nelle loro teste ed è giornalmente smentita dalla protervia di certi tangheri. Ancora sabato scorso un filosofo locale levava da Muzzano alti lai perché “gli spazi per la libera espressione stanno restringendosi”, tirando insieme a casaccio – nel suo immaginario combattimento contro chissà quale censura – Sant’Agostino Montaigne Spinoza Bayle Locke e Mill (m’è uscito un etto e mezzo, che faccio, lascio?).

Quella stessa sera si scopriva che a restringere “gli spazi per la libera espressione”, addirittura ad abbattere simboli e monumenti – come gli afroamericani contro i quali ultimamente s’è puntato più d’un niveo ditino – è un grande Municipio dominato dalla destra. Le ruspe, la cancellazione, il fare strame di ogni regola ora arriva da lì, col paradosso che oggi potrebbero essere i molinari a lamentarsi del fatto che “non si può più dire niente, signora mia”. La “psicopolizia tratteggiata da Orwell”, scomodata senza uno straccio di prova dalle elucubrazioni di quello stesso filosofo, è stata rimpiazzata da una più pedestre polizia tout court.

Ora molti tracciano improbabili equivalenze tra la violenza istituzionale e quella dei casseur nascosti tra gli autogestiti, come se davvero si potesse pensare che un ragazzino debba comportarsi come un capodicastero. C’è addirittura chi ritiene normale la proditoria demolizione dell’unico centro sociale ticinese, mentre sarebbe più grave qualche pertiniano “libero fischio in libera piazza” davanti alla casa del sindaco. Questo è forse il più acrobatico degli avvitamenti politici visti in questi giorni, venendo dalla stessa Lega che fino a qualche anno fa occupava l’autostrada e sparava col fucile dai terrazzi per festeggiare le sue vittorie. Oggi i pargoli di quella stagione lasciano il Gran Consiglio piagnucolando per gli attacchi a Marco Borradori, loro che non sarebbero neppure seduti lì se non fosse per una retorica da spaccavetrine, veicolata brandendo ogni domenica un giornalaccio a mo’ di spranga (i famosi ‘due minuti d’odio’ contro il nemico di ‘1984’: Orwell bisognerebbe anche leggerlo, prima di scomodarlo). I leghisti hanno passato trent’anni a intimidire, minacciare, sputtanare, a fomentare ogni forma d'astio, e adesso vanno via dall’aula ‘a culodritto’ come bimbetti col giocattolo rotto: a vederla uscire, quell’improbabile comitiva di miracolati, veniva quasi voglia di avvicinarsi con un fazzoletto e asciugare il moccio dai loro nasini.

Chissà però che questa crisi non possa servire a qualcosa. In fondo è stato istruttivo vedere una certa politica inciampare in scuse assurde (“non sapevamo della demolizione”, signora maestra, e il cane ci ha mangiato i compiti). Chissà se davvero si son fatti menare per il naso oppure hanno cercato deliberatamente l’atto di forza, come pare emergere negli ultimi giorni. In entrambi i casi, è l’occasione per chiederci chi diavolo sia riuscito ad arrampicarsi fino a certi posti di responsabilità: le ricostruzioni tenute insieme col fil di ferro, i “passavo di lì per caso” non offrono un grande esempio di classe dirigente e sollevano quantomeno un dubbio su come la si seleziona, e sul perché la si vota. Il discorso vale per Lugano come per il governo cantonale, naturalmente, visto che ancora aspettiamo qualche parola dal Dipartimento delle istituzioni, che almeno ci spieghi come lavora la ‘sua’ polizia.

Ma le cose che cambiano in fretta possono ancora rovesciarsi. Oggi si terrà una nuova manifestazione in difesa dell’autogestione, che per le dimensioni luganesi c’è da aspettarsi immensa. È scontata la presenza di una minoranza malintenzionata, come sempre in questi casi e a maggior ragione dopo i fatti della settimana scorsa. Se dovesse succedere qualcosa di grave, la legittima indignazione degli autogestiti sarebbe sepolta dal clangore dell’inciviltà, con un assist gratuito a chi non attende altro pur di darsi un tono e scuotere la testa col solito stizzito, ottuso cipiglio. Sarebbe una clamorosa occasione persa per ripartire verso una politica più alta, dentro e fuori la questione dell’autogestione. E per combattere la vera ‘cancel culture’, quella che con le ruspe investe la dignità di tutti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ex macello molino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved