le-ruspe-non-hanno-demolito-soltanto-l-ex-macello
Tante domande in attesa di risposte (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
3 ore

Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata

Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
3 ore

TiSin, la Lega e l’arte della fuga

I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
1 gior

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
2 gior

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
4 gior

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
4 gior

Stampa, di mordacchia in mordacchia

Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
5 gior

Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger

Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
6 gior

Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea

Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
1 sett

Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’

Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
Commento
1 sett

Due miliardi in più all’esercito, senza sapere bene per cosa

Il Consiglio nazionale approva l’aumento del budget delle forze armate senza garanzie su come verranno spesi i soldi né sulla loro provenienza
laR
 
04.06.2021 - 05:30
Aggiornamento : 14:44

Le ruspe non hanno demolito soltanto l’ex Macello

L'intervento di sabato scorso – avallato dal Municipio e coordinato dalla polizia cantonale – mette in discussione lo Stato diritto e il 'contratto sociale'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Anche qualora la versione di uno sgombero e successiva demolizione dell’ex Macello organizzati, decisi ed eseguiti soltanto all’ultimo momento fosse veritiera – col Municipio che dà il nullaosta a un piano della polizia di cui non era a conoscenza preventivamente –, la questione resterebbe gravissima dal punto di vista istituzionale. Nella migliore delle ipotesi saremmo di fronte a un esecutivo cittadino che si è fatto letteralmente “prendere per il naso” dalla polizia in un momento di alta tensione, e cioè dopo l’occupazione da parte del corteo dei molinari dello stabile ex Vanoni.

C’è poi l’altra ipotesi, quella peggiore. Quella per cui le autorità non ce la stanno raccontando giusta. Un sospetto rafforzato tra l’altro dalle rivelazioni fornite dal sindacato Unia, corroborate a loro volta da documenti ai quali laRegione ha avuto accesso: almeno una delle tre ditte coinvolte nei lavori di demolizione in riva al Cassarate è stata preavvisata telefonicamente dell’intervento alle 17.50 di sabato scorso dalla Polcom luganese, ovvero quasi un’ora prima che avvenisse l’occupazione in via Simen. Più precisamente attraverso una chiamata effettuata dal vicecomandante del Corpo. La polizia di Lugano ha immediatamente smentito quanto rivelato da Unia, forse ignara del fatto che vi fosse un’e-mail che darebbe conferma del preavviso.

A essere stata chiamata poco prima delle 18.00 di sabato scorso, tra l’altro, sarebbe stata la ditta che si è occupata della messa in sicurezza del sedime a demolizione avvenuta, intervenuta sul posto soltanto domenica. Quindi, l’ultima della catena.

C’è di più: vi sono diversi indizi che permettono di ipotizzare che la polizia e il Municipio fossero già al corrente dell’intenzione dei manifestanti di svolgere un’azione dimostrativa all’ex Vanoni. L’occupazione non è stata un’azione spontanea, decisa e attuata all’improvviso dal corteo: tra i molinari sono circolati dei volantini già da sabato mattina in cui si accennava all’idea di una T.A.Z. (zona temporaneamente autonoma) nello stabile di via Simen. Polizia e Municipio hanno quindi valutato l’opportunità di ‘lasciare fare’ ai manifestanti? Altra domanda legittima per ora senza risposta.

Al di là delle speculazioni, sulle quali saranno le inchieste in corso a fare luce, il problema di fondo rimane: a un certo punto c’è stata la decisione politica di radere al suolo, nottetempo, l’ala dell’ex Macello che ospitava il centro sociale. Un gesto di una violenza istituzionale inaudita alle nostre latitudini, che appare tuttora sproporzionato rispetto ai presunti rischi invocati dalla municipale Karin Valenzano Rossi.

Sia chiaro: la questione va ben oltre il dibattito intorno all’opportunità o meno di avere uno spazio autogestito in città. L’intervento di sgombero e demolizione – avallato dal Municipio e coordinato dalla Polizia cantonale, dal cui responsabile politico, il direttore del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi, si attende ancora una presa di posizione – mette in discussione lo Stato di diritto e il medesimo ‘contratto sociale’, quello attraverso il quale la cittadinanza concede ai governanti la facoltà di fare uso della forza, ma solo ed esclusivamente quale ultima (ultimissima) ratio.

Sabato notte le ruspe non hanno insomma abbattuto soltanto uno stabile: hanno colpito le fondamenta del rapporto di fiducia tra popolazione e istituzioni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ex macello karin valenzano rossi molino norman gobbi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved